• SANI E INFORMATI

ARTITE REUMATOIDE: farmaci utilizzati e relative perplessità…

Aggiornamento: gen 6

Nascimben Andrea





Con il termine "farmaci biologici" si indicano tutti quei farmaci che agiscono su una singola struttura (che può essere una proteina, un recettore o anche una sequenza di DNA).

Gli inibitori del TNF-α attualmente disponibili fanno parte di due classi differenti: gli anticorpi monoclonali (infliximab e adalimumab) e i recettori solubili (etanercept).

A questi si aggiungono i farmaci che antagonizzano gli effetti della interleuchina 1 (anakinra), citochina pro-infiammatoria simile al TNF-α, gli antagonisti dell’interleuchina 6 (tocilizumab) e quelli che agiscono riducendo il numero di linfociti B circolanti (rituximab) o riducendo l’attivazione dei linfociti T (abatacept).




Fanno parte essenzialmente di tre classi differenti:


Etanercept . Farmaco monoclonale , copia il recettore delle TNF.

l farmaco è utilizzato nei soggetti con spondilite anchilosante grave, con artrite psoriasica in fase attiva e progressiva, con psoriasi a placche da moderata a grave e arttrite reumatoide.


Adalimumab (es. Humira): . Adalimumab si lega selettivamente al TNF e ne neutralizza la funzione biologica bloccando la sua interazione con i recettori del TNF di membrana cellulare


Infliximab (es. Remicade) si lega selettivamente al TNF e ne neutralizza la funzione biologica bloccando la sua interazione con i recettori del TNF di membrana cellulare


Golimumab. l farmaco è un anticorpo monoclonale umano che agisce sul fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa), una molecola pro-infiammatoria. Golimumab lega il fattore di necrosi tumorale –α sia nella sua forma solubile, sia in quella transmembrana bioattiva, formando con esso dei complessi altamente stabili ed impedendo il legame del TNF–α ai suoi recettori, pertanto comportandosi come un inibitore del TNF–α

· mab se l'anticorpo è di origine murina;

· -ximab se l'anticorpo è chimerico (cioè presenta una percentuale di amminoacidi di origine murina pari a circa il 34% del totale, mentre la restante parte è di origine umana);

· -zumab se umanizzato, ovvero la struttura amminoacidica di origine murina è il 5-10% del totale;

· -umab se è di origine umana.