• SANI E INFORMATI

DEFICIT di ATTENZIONE (ADHD) e ACIDI GRASSI POLIUNSATURI OMEGA-3

Nascimben Andrea


L'ADHD è un comune disturbo dello sviluppo neurologico con un tasso di prevalenza molto alto tra la popolazione.

L'ADHD ha un'elevata comorbilità, ovvero si associa frequentemente con altri disturbi psichiatrici, inclusi disturbi del comportamento, disturbi dell'umore, disturbi d'ansia, una condizione che se non trattata, ha frequentemente alto impatto sulla famiglia del bambino e sull'intera società.

Molti sono gli studi che stanno indagando queste alterazioni del sistema nervoso centrale con la carenza degli acidi grassi essenziali Omega-3.

In questo breve articolo si citano alcune di queste fonti, illustrando le potenzialità che si potrebbero avere seguendo un'alimentazione ricca di acidi grassi Omega-3.


L'ADHD è un comune disturbo dello sviluppo neurologico con un tasso di prevalenza molto alto tra la poplazione [ 1 ]. L'ADHD ha un'elevata comorbilità, ovvero si associa frequentemente con altri disturbi psichiatrici, inclusi disturbi del comportamento [ 2 ], disturbi dell'umore [ 3 ], disturbi d'ansia [4 ], una condizione che se non trattata, ha frequentemente alto impatto sulla società, dal punto di vista dell'assistena scolastica, il tasso di abbandono scolastico, e da grandi nelle forme più lievi, incidenti automobilistici, uso di droghe.


Gli interventi nutrizionali come l'integrazione di n-3 PUFA, anche con il suo profilo di sicurezza e gli effetti antinfiammatori, vengono studiati con grande interesse come potenziale trattamento per l'ADHD






Come dicevamo, la carenza di N-3 PUFA è stata recentemente studiata come un potenziale meccanismo patogenetico nell'ADHD [ 5 , 6 ]. Negli studi epidemiologici, i figli di madri che hanno una minore assunzione di pesce durante la gravidanza sono a rischio di comportamenti asociali, alterata coordinazione motoria fine, e ritardo nella comunicazione verbale.


Inoltre, è stato dimostrato che i bambini con ADHD hanno una maggiore gravità nella sindrome da carenza di acidi grassi omega3 con pelle secca e squamosa, eczema e secchezza oculare [ 5, 6].


Una recente meta-analisi ha anche mostrato che i bambini con ADHD hanno livelli ematici più bassi di DHA, EPA e PUFA (acidi grassi polinsaturi) omega-3 totali rispetto ai bambini con sviluppo normale.


e come sempre accade, anche in questo ambito vi può concorrere (modestamente) l'aspetto genetico, ovvero nel nostro caso, un polimorfismi a singolo nucleotide (SNP) di alcuni geni (FADS1 e FADS2) che trascrivono per gli enzimi, delta-5 desaturasi e delta-6 desaturasi (responsabili del metabolismo degli acidi grassi polinsaturi), hanno stato suggerito di avere un'associazione con l'ADHD [ 6 ].



Studi clinici


Una meta-analisi aggiornata, ha mostrato che un integrazione di EPA > 500 mg/die ha generato una diminuzione dei livelli di attenzione e un miglioramento della funzione cognitiva.


Inoltre, uno studio precedente che ha esaminato 10 studi clinici sull'ADHD con 699 bambini (prevalentemente maschi, 60-87%) ha suggerito che è necessaria un'alta dose di integrazione di EPA (1-2 g) per mostrare un miglioramento significativo dei sintomi clinici nell'ADHD. (7).


Alcuni studi clinici con l'integrazione di n-3 PUFA nell'ADHD hanno mostrato un miglioramento dei sintomi clinici [ 8] e prestazioni cognitive [ 12], ma altri non hanno riscontrato effetti benefici, poichè vi gioca un ruolo molto importante l'insieme dell'aspetto nutrizionale e non solo limitatamente all'integrazione dei grassi polinsaturi omega-3


Inoltre, la maggior parte degli studi ha utilizzato DHA come componente principale dei PUFA n-3 [ 9 ], o ha utilizzato un dosaggio combinato piuttosto basso di DHA ed EPA (< 500 mg/die) [ 10 ].


Tanto è vero che uno studio recente ha mostrato che un alto dosaggio di EPA di 1.200 mg/die migliora la funzione cognitiva (attenzione e vigilanza focalizzate) in quei bambini con ADHD con un basso livello di EPA, ma non ha migliorato la funzione cognitiva in quei bambini con normale o alto livello EPA, in altre parole significa che se si hanno già adeguati livelli di EPA non ha senso integrare, ad alti dosaggi, poichè le funzioni cognitive sono giù sufficientemente espresse.


Un saluto di buona ( e semplice) alimentazione





Bibliografia

1-. Biederman J, Faraone SV. Sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Lancetta. 2005; 366 :237-248. doi: 10.1016/S0140-6736(05)66915-2. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

35. Biederman J, Newcorn J, Sprich S. Comorbidità del disturbo da deficit di attenzione e iperattività con comportamento, depressione, ansia e altri disturbi. Sono J Psichiatria. 1991; 148 :564-577. doi: 10.1176/ajp.148.5.564. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

2-. Biederman J, Faraone SV, Keenan K, Tsuang MT. Evidenza di associazione familiare tra disturbo da deficit di attenzione e disturbi affettivi maggiori. Psichiatria Arch Gen. 1991; 48 :633–642. doi: 10.1001/archpsyc.1991.01810310051009. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

3-. Wilens TE, Biederman J. Alcol, droghe e disturbo da deficit di attenzione/iperattività: un modello per lo studio delle dipendenze nei giovani. J Psicofarmaco. 2006; 20 :580-588. doi: 10.1177/0269881105058776. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

4-. Volkow ND, Swanson JM. Pratica clinica: disturbo da deficit di attenzione e iperattività dell'adulto. N inglese J Med. 2013; 369 :1935–1944. doi: 10.1056/NEJMcp1212625. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

5-. Chang JP, Jingling L, Huang YT, Lu YJ, Su KP. Ritardare l'avversione, l'elaborazione temporale e l'assunzione di acidi grassi n-3 nei bambini con disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) Clin Psychol Sci. 2016; 4 :1094–1103. doi: 10.1177/2167702616637820. [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

6- Sonuga-Barke EJ, Brandeis D, Cortese S, Daley D, Ferrin M, Holtmann M, et al. Interventi non farmacologici per l'ADHD: revisione sistematica e meta-analisi di studi randomizzati controllati di trattamenti dietetici e psicologici. Sono J Psichiatria. 2013; 170 :275-289. doi: 10.1176/appi.ajp.2012.12070991. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

7. Perera H, Jeewandara KC, Seneviratne S, Guruge C. Integrazione combinata di ϖ3 e ϖ6 nei bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) refrattario al trattamento con metilfenidato: uno studio in doppio cieco, controllato con placebo. J Child Neurol. 2012; 27 :747–753. doi: 10.1177/0883073811435243. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

8. Richardson AJ, Puri BK. Uno studio randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo sugli effetti dell'integrazione con acidi grassi altamente insaturi sui sintomi correlati all'ADHD nei bambini con difficoltà di apprendimento specifiche. Prog Neuro-psicofarmaco Biol Psichiatria. 2002; 26 :233-239. doi: 10.1016/S0278-5846(01)00254-8. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

9. Sinn N, Bryan J, Wilson C. Effetti cognitivi degli acidi grassi polinsaturi nei bambini con sintomi del disturbo da deficit di attenzione e iperattività: uno studio controllato randomizzato. Prostaglandine Leukot Essent Acidi Grassi. 2008; 78 :311-326. doi: 10.1016/j.plefa.2008.04.004. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

10. Vaisman N, Kaysar N, Zaruk-Adasha Y, Pelled D, Brichon G, Zwingelstein G, et al. Correlazione tra i cambiamenti nella composizione degli acidi grassi nel sangue e le prestazioni di attenzione sostenuta visiva nei bambini con disattenzione: effetto degli acidi grassi n-3 nella dieta contenenti fosfolipidi. Am J Clin Nutr. 2008; 87 :1170-1180. doi: 10.1093/ajcn/87.5.1170. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]


307 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti