• SANI E INFORMATI

DIVERTCOLOSI: i fattori predisponenti


Vi riporto questo interessante lavoro scientifico pubblicato nel 2020

( https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7575828/ ), dal titolo:

Diverticolite: un aggiornamento dal paradigma secolare.



Monografia in breve

Per capire dove siamo attualmente, vale la pena capire come si è evoluto il trattamento della malattia diverticolare (o diverticolosi). La malattia diverticolare è stata descritta raramente in letteratura prima del 1900. Alla fine degli anni '60 e all'inizio degli anni '70, Painter e Burkitt resero popolare la teoria secondo cui la diverticolosi è una malattia della civiltà occidentale basata sull'osservazione che la diverticolosi era rara nell'Africa rurale ma comune nei paesi economicamente sviluppati.


Il ruolo della dieta nella prevenzione della malattia diverticolare è stato a lungo dibattuto, e molti dati suggeriscono che una dieta ricca di fibre sembra ridurre la probabilità di diverticolite sintomatica.


Il mito di evitare di mangiare noci, mais, e semi per prevenire episodi di diverticolite è stato sfatato con dati moderni. Nel complesso, le raccomandazioni per le "diete per diverticolite" rispecchiano quelle fatte per uno stile di vita sano in generale: ricco di fibre, con particolare attenzione a cereali integrali, frutta e verdura.




La diverticolosi è uno dei reperti più comuni alla colonscopia e l'ottava diagnosi ambulatoriale più comune negli Stati Uniti. Oltre il 50% delle persone di età superiore ai 60 anni e oltre il 60% delle persone di età superiore agli 80 anni hanno diverticoli del colon. Di quelli con diverticolosi, il rischio nel corso della vita di sviluppare diverticolite è stimato al 10-25%, sebbene studi più recenti stimino un tasso di progressione alla diverticolite del 5%. La diverticolite rappresenta una stima di 371.000 visite al pronto soccorso e 200.000 ricoveri ospedalieri all'anno con un costo annuo di 2,1-2,6 miliardi di dollari all'anno negli Stati Uniti. La spesa sanitaria totale stimata (ricoverata e ambulatoriale) per diverticolosi e diverticolite nel 2015 è stata di oltre 5,4 miliardi di dollari L'incidenza della diverticolite è in forte aumento.

Oltre all'età avanzata, altri fattori di rischio per la malattia diverticolare includono l'uso di FANS, aspirina, steroidi, oppioidi, fumo e stile di vita sedentario.


I diverticoli si verificano più comunemente lungo il lato mesenterico delle tenie antimenteriche risultanti in file parallele. Si ritiene che questi punti siano relativamente deboli poiché questa è la posizione in cui i vasa recta penetrano nel muscolo per fornire la mucosa. L'esatto meccanismo che porta alla diverticolite da diverticolosi non è noto in modo definitivo.


Il disturbo di presentazione più comune è il dolore addominale del quadrante inferiore sinistro con sintomi di malessere sistemico, a volte con febbre e malessere, tuttavia la presentazione può variare ampiamente. L'imaging della sezione trasversale gold standard è la TC multi-rivelatore. È minimamente invasivo e ha una sensibilità compresa tra il 98% e una specificità fino al 99% per la diagnosi di diverticolite acuta. La diverticolite acuta non complicata può essere gestita in sicurezza in regime ambulatoriale in pazienti accuratamente selezionati. Il ricovero è solitamente necessario per i pazienti con immunosoppressione, intolleranza all'assunzione orale, segni di sepsi grave, e comorbidità. Il ruolo degli antibiotici è stato messo in discussione in numerosi studi randomizzati controllati ed è probabile che in futuro vedremo più pazienti con malattia non complicata trattati con l'osservazione.


Mentre il coinvolgimento del colon sigmoideo è considerato il sito più comune di diverticolite del colon nei paesi occidentali, nei paesi asiatici, la diverticolite del lato destro è più numerosa della sinistra. Questa differenza sembra essere secondaria a fattori dietetici e genetici. La diagnosi differenziale potrebbe essere difficile a causa della somiglianza con l'appendicite. La diverticolite trasversa del colon (colon trasverso) è molto rara e rappresenta meno dell'1% delle diverticoliti del colon.





(ora qui si entra in maggiori dettagli della clinica)

La diverticolite acuta può essere ulteriormente suddivisa in presentazioni complicate e non complicate. La diverticolite semplice è caratterizzata da un'infiammazione limitata alla parete del colon e ai tessuti circostanti. La gestione della diverticolite semplice sta cambiando. L'uso di antibiotici è stato messo in dubbio poiché sembra che l'uso di antibiotici possa essere evitato in gruppi selezionati di pazienti. L'intervento chirurgico sembra migliorare la qualità della vita del paziente. La decisione di procedere con l'intervento chirurgico è raccomandata in modo individualizzato.

La diverticolite complicata è definita come diverticolite associata a perforazione localizzata o generalizzata, ascessi localizzati o distanti, fistole, stenosi o ostruzioni. Gli ascessi possono essere trattati con drenaggio percutaneo se l'ascesso è abbastanza grande. La strategia ottimale a lungo termine per i pazienti sottoposti con successo a una gestione non chirurgica del loro ascesso diverticolare rimane controversa. Ci sono chiaramente pazienti che farebbero bene con una colectomia elettiva e un sottogruppo che potrebbe evitare un'operazione tutti insieme, tuttavia, la sfida è l'appropriata stratificazione del rischio e la selezione del paziente. La gestione dei pazienti con perforazione dipende in larga misura dalla presenza di peritonite fecola o purulenta, dall'entità della contaminazione e dallo stato emodinamico e dalle comorbidità associate.


Dopo un episodio di diverticolite acuta, numerose società hanno raccomandato la colonscopia di routine per escludere la presenza di cancro del colon-retto o la presenza di diagnosi alternative come la colite ischemica o la malattia infiammatoria intestinale per la presentazione clinica. La valutazione endoscopica del colon è normalmente ritardata di circa 6 settimane dall'episodio acuto per ridurre il rischio associato alla colonscopia. Ulteriori studi hanno messo in dubbio la necessità di una valutazione endoscopica per ogni paziente con diverticolite acuta. La colonscopia deve essere eseguita di routine dopo casi di diverticolite complicata, quando la presentazione clinica è atipica o se vi sono ambiguità diagnostiche, o il paziente ha altre indicazioni per la colonscopia come sanguinamento rettale o ha più di 50 anni senza una colonscopia recente.


Per i pazienti in cui è indicata la colectomia elettiva, è imperativo identificare un'ampia gamma di comorbidità modificabili del paziente. Ogni tentativo dovrebbe essere fatto per aumentare le possibilità di successo di un intervento chirurgico del paziente. Ciò include l'ottimizzazione dei fattori di rischio del paziente, nonché l'adattamento dell'approccio chirurgico e la gestione perioperatoria. Un risultato positivo dipende molto da un'attenzione premurosa a ciò che rende "complicato" un paziente complicato.


La gestione operatoria rimane complessa e dipende da molteplici fattori, tra cui l'età del paziente, le comorbilità, lo stato nutrizionale, la gravità della malattia e le preferenze e l'esperienza del chirurgo. È importante sottolineare che lo stato della chirurgia, elettiva rispetto a un'operazione urgente o d'emergenza, è fondamentale nel processo decisionale e gli algoritmi di trattamento sono divergenti in base all'acutezza della chirurgia. La resezione dell'intestino malato al colon prossimale sano e ai margini rettali rimane un principio fondamentale del trattamento, sebbene l'approccio operatorio possa variare.

Per la diverticolite acuta esistono numerosi approcci chirurgici, tra cui la colostomia ad anello, la sigmoidectomia con colostomia (procedura di Hartmann) e la sigmoidectomia con anastomosi colorettale primaria. Nel complesso, i dati suggeriscono che l'anastomosi primaria è preferibile alla procedura di Hartman in pazienti selezionati con diverticolite acuta. I pazienti con instabilità emodinamica, stato immunocompromesso, peritonite fecola, intestino gravemente edematoso o ischemico o malnutrizione significativa sono scarsi candidati. La decisione di deviare dopo l'anastomosi colorettale è a discrezione del chirurgo operatorio. Devono essere presi in considerazione i fattori del paziente, tra cui la gravità della malattia, la qualità dei tessuti e le comorbidità. Considerazioni tecniche per casi elettivi includono un'adeguata preparazione intestinale, l'uso di un approccio laparoscopico,


La gestione del paziente con una colostomia terminale dopo una procedura di Hartmann per diverticolite acuta può rappresentare uno scenario clinico impegnativo. Tra il 20 e il 50% dei pazienti trattati con resezione sigmoidea e colostomia finale dopo un iniziale grave attacco di diverticolite non tornerà mai alla loro normale anatomia. Le ragioni degli alti tassi di colostomia permanente sono multifattoriali. Il dibattito sul momento migliore per un takedown della colostomia continua. Sei mesi è generalmente scelto come il momento più sicuro per procedere quando le aderenze possono essere più morbide consentendo una dissezione più favorevole. L'approccio chirurgico sarà una decisione personale del chirurgo operativo in base alla sua esperienza. Le operazioni di rimozione della colostomia sono interventi chirurgici impegnativi. Il chirurgo dovrebbe anticipare e pianificare adeguatamente un'operazione lunga e difficile. Il paziente deve essere sottoposto a una preparazione intestinale completa con antibiotici. La pianificazione preoperatoria è fondamentale; rivedere la nota operatoria iniziale e definire l'anatomia prima dell'inversione. Quando è necessaria una chiusura complessa della parete addominale, prendere in considerazione la consultazione con uno specialista dell'ernia. La chirurgia a cielo aperto è l'approccio chirurgico preferito per la maggior parte delle operazioni di rimozione della colostomia. Infine, prendere in considerazione i cateteri ureterali, l'ileostomia dell'ansa deviatrice e prepararsi in anticipo a tutte le opzioni anastomotiche. La chirurgia a cielo aperto è l'approccio chirurgico preferito per la maggior parte delle operazioni di rimozione della colostomia. Infine, prendere in considerazione i cateteri ureterali, l'ileostomia dell'ansa deviatrice e prepararsi in anticipo a tutte le opzioni anastomotiche. La chirurgia a cielo aperto è l'approccio chirurgico preferito per la maggior parte delle operazioni di rimozione della colostomia. Infine, prendere in considerazione i cateteri ureterali, l'ileostomia dell'ansa deviatrice e prepararsi in anticipo a tutte le opzioni anastomotiche.


Fin dal suo inizio alla fine degli anni '90, il lavaggio laparoscopico è stato riconosciuto come una nuova modalità di trattamento nella gestione della diverticolite complicata; in particolare, diverticolite Hinchey III (purulenta). Nell'ultimo decennio, è stato oggetto di numerosi studi randomizzati controllati, studi retrospettivi, revisioni sistematiche e analisi costo-efficienza. Nonostante sia oggetto di molti dibattiti e controversie, esiste un ruolo chiaro per il lavaggio laparoscopico nella gestione della diverticolite acuta con l'avvertenza che la selezione del paziente è fondamentale.


La colite segmentale associata a diverticolite (SCAD) è una condizione infiammatoria che colpisce il colon in segmenti che sono anche colpiti dalla diverticolosi, vale a dire il colon sigmoideo. Sebbene la SCAD sia considerata un'entità clinica separata, è spesso confusa con la diverticolite o la malattia infiammatoria intestinale (IBD). La SCAD colpisce circa l'1,4% della popolazione generale e dall'1,15 all'11,4% di quelli con diverticolosi e colpisce più comunemente quelli nella loro sesta decade di vita. L'esatta patogenesi della SCAD è sconosciuta, ma i meccanismi proposti includono la ridondanza della mucosa e il prolasso che si verifica nei segmenti diverticolari, la stasi fecale e l'ischemia localizzata. La maggior parte dei casi di SCAD si risolve con una dieta ricca di fibre e antibiotici, con salicilati riservati ai casi più gravi. La ricaduta è rara e raramente è necessaria l'immunosoppressione con steroidi.


Un decorso clinico recidivante può suggerire una diagnosi di IBD e il trattamento in quanto tale dovrebbe essere iniziato. La chirurgia è estremamente rara e riservata a gravi malattie refrattarie.


Mentre il coinvolgimento del colon sigmoideo è considerato il sito più comune di diverticolite del colon nei paesi occidentali, Nei paesi asiatici, la diverticolite del lato destro è più numerosa della sinistra. Questa differenza sembra essere secondaria a fattori dietetici e genetici. La diagnosi differenziale potrebbe essere difficile a causa della somiglianza con l'appendicite. Tuttavia, studi di imaging accurati consentono una diagnosi preoperatoria e una pianificazione della gestione precisa. La diverticolite trasversa del colon è molto rara e rappresenta meno dell'1% delle diverticoliti del colon con un tasso di perforazione che è stato stimato essere ancora più raro. I diverticoli rettali sono per lo più asintomatici e diagnosticati incidentalmente nella maggior parte dei pazienti e raramente richiedono un trattamento. I diverticoli del colon gigante (GCD) sono una rara presentazione di malattia diverticolare del colon ed è definito come un diverticolo cistico pieno d'aria di diametro superiore a 4 cm. La patogenesi di GCD non è ben definita.



( di seguito, qualche dato epdemiologico)

Nelle nazioni occidentali e industrializzate, la diverticolosi del colon sigmoideo, definita dalla sporgenza a forma di sacco della parete del colon, ha tassi di prevalenza compresi tra il 5 e il 45%, a seconda dell'età e del metodo di diagnosi. 1 Circa il 4-15% dei pazienti con diverticolosi sviluppa diverticolite. 2 – 4 Le complicazioni portano a morbilità e mortalità sostanziali. Per la sola perforazione, la mortalità a 1 anno è del 19%. 5 Nel 2004, la malattia diverticolare è stata responsabile di 313.000 ricoveri, 1,9 milioni di visite ambulatoriali e 3365 decessi negli Stati Uniti. 6La spesa per la malattia diverticolare negli Stati Uniti è stata stimata in 2,5 miliardi di dollari all'anno. 7 Nel 2004, c'erano circa 2,8 milioni di prescrizioni per un costo di $ 100 milioni nelle farmacie al dettaglio per la diagnosi della malattia diverticolare. 6 Tra il 1998 e il 2005, i ricoveri ospedalieri statunitensi per diverticolite sono aumentati del 26% e le operazioni elettive del 29%.


Altre informazioni potrete trovarle leggendo il lavoro originale ; questo il link https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7575828/

227 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti