ESPOSIZIONE AL SOLE e FARMACI

Nascimben Andrea



Vediamo quelli che sono i farmaci da evitare con l'esposizione al sole secondo l'Agenzia del farmaco Italiana.


Sicuramente in alcuni momenti dell'anno, come in estate, è importante sapere quali sono i farmaci da evitare se ci si espone al sole, infatti I RAGGI UVA possono interagire con le molecole di alcuni farmaci causando reazioni di fotosensibilità o reazioni allergiche che si manifestano soprattutto con eritemi, bolle sulla pelle, prurito.


Ricordiamo però che la sintesi di Vitamina D avviene se ci espone ai raggi UVB, dunque non sono i raggi direttamente coinvolti con l'interazione da farmaci , oltretutto un'esposizione breve (20-60 minuti con gradualità e sulla base della fotosensibilità individuale) risulta assolutamente indicata.




Vediamo la lista dei farmaci fotosensibili secondo l'AIFA

I principali farmaci fotosensibilizzanti sono: le tetracicline, i chinolonici, l’amiodarone, le fenotiazine, ilmetotrexato, i FANS, la sulfonamide, i diuretici e gli ipoglicemizzanti.


E un pò più nel dettaglio troviamo:


FANS, antiinfiammatori non steroidei, compreso Ketoprofene, Naprossene Colecoxib, che vengono comunemente usati per combattere dolore e infiammazione. e come ci suggerisce l'agenzia del farmaco, da evitare assolutamente le formulazioni in gel che vanno applicate direttamente sulla cute per poi esporsi al sole


antibiotici: come chinoloni, sulfamidici e tetracicline

antifungini: come il ketoconazolo


antistaminici: sostanzialmente le creme che vengo o utilizzate per trattare i sintomi delle punture di insetto. Da usare con attenzione, in particolare, le creme a base di prometazina

contraccettivi orali: massima attenzione quando si prende la pillola anticoncezionale perché possono provocare la comparsa di macchie solari sulla pelle;


farmaci per la cura del diabete.

Dunque sarebbe opportuno evitare di esporsi al sole se abbiamo assunto un farmaco fotosensibile, comunque proteggere la pelle durante l'esposizione ai raggi Uv con delle creme solari protettive con fattore di protezione alto, fermo restando sulla necessità di esporsi comunque 20-30 minuti al giorno nella fascia calda (11-14) poichè momento opportuno per sintetizzare la Vitamina D



Esposizione al sole e cortisone

Il cortisone NON è cosiderato un farmaco fotosensibile vero e proprio, ma in via prudenziale, così come per qualsiasi altro farmaco, è bene proteggersi con crema solare se lo si assume fermo restando sulla necessità di esporsi comunque 20-30 minuti al giorno nella fascia calda (11-14) poichè momento opportuno per sintetizzare la Vitamina D (maggior presenza di raggi UVB)




La salute è un bene UNICO

non affidarlo all'industria ( e ai suoi fedeli collaboratori)










73 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti