top of page

FIBRE E ALIMENTAZIONE INCROCIATA

Nascimben Andrea



L'alimentazione incrociata è un fenomeno affascinante che si verifica nell'intestino in presenza di fibre alimentari: la scomposizione dei prodotti della fermentazione di un carboidrato complesso da parte di una specie batterica diventa un substrato per l'attività di un'altra specie batterica.


Bifidobatteri e Lactobacillus , ad esempio, utilizzano i fruttani come fonte di energia. L'acido lattico e l'acido propionico prodotti durante la fermentazione vengono utilizzati dai Eubacterium , Roseburia e Faecalibacterium prausnitzi, che lo usano come fonte di energia (Holscher HD Fibre alimentari e prebiotici e microbiota gastrointestinale. Microbi intestinali. 2017)


Le fibre alimentari solubili hanno anche un meccanismo d'azione fisico con un ruolo importante nel modulare l'assorbimento di alcuni macro e micronutrienti.

Ad esempio, per l'alto peso molecolare e la solubilità in acqua, aumentano la viscosità del contenuto intestinale, riducendo l'assorbimento di colesterolo, glucosio e il riassorbimento dei sali biliari. Questo riduce i livelli sierici di colesterolo e stabilizza la secrezione di insulina,

Inoltre, l'aumento del volume intestinale favorisce la sensazione di sazietà e riduce l'appetito





I cereali integrali, i legumi, la verdura e la frutta sono considerati gli alimenti più ricchi di componenti prebiotici. Inoltre, i prebiotici possono stimolare un maggiore equilibrio gastrointestinale e la crescita e il metabolismo dei batteri Simbiotici


I prebiotici svolgono un ruolo importante nella formazione del microbioma intestinale influenzando lo sviluppo e la modulazione del sistema immunitario, diminuendo l'infiammazione e lo stress ossidativo e creando una risposta immunitaria equilibrata che protegge dalla colonizzazione dei patogeni.


Inoltre, una dieta ben bilanciata promuove la crescita di un microbioma intestinale sano in grado di produrre SCFA, molecole di segnalazione che influenzano il corretto funzionamento del sistema immunitario, promuovendo l'apoptosi cellulare inibendo lo sviluppo e la proliferazione delle cellule tumorali (STUDIO: Aponte M., Murru N., Shoukat M. Uso terapeutico, profilattico e funzionale dei probiotici: una prospettiva attuale. Davanti. Microbiolo. 2020; 11 :562048. doi: 10.3389/fmicb.2020.562048)



Come per la fibra vegetale, anche il MIELE ha un effetto prebiotico garantendo il buon funzionamento del sistema digestivo. Oltre a colonizzare e far crescere microrganismi benefici, il miele può modulare lo stress ossidativo, stimolando l'apoptosi cellulare e riducendo la proliferazione cellulare Questi effetti si verificano attraverso vari meccanismi (attivazione della via mitocondriale, arresto del ciclo cellulare e aumento della permeabilità dei mitocondri) (STUDIO: Afrin S., Haneefa SM, Fernandez-Cabezudo MJ, Giampieri F., Al-Ramadi BK, Battino M. Proprietà terapeutiche e preventive del miele e dei suoi composti bioattivi nel cancro: una revisione basata sull'evidenza. Nutr. Ris. Rev. 2020. STUDIO: Erejuwa O., Sulaiman S., Wahab M. Effetti del miele e dei suoi meccanismi d'azione sullo sviluppo e la progressione del cancro. Molecole. 2014)


Una FIBRA assunta come integratore, il FOS (frutto-oligo-saccaridi) ha dimostrato di saper incrementare l'abbondanza di batteri come i Prevotella intestinalis riducendo i batteri Firmicutes (STUDIO: Iljazovic A., Roy U., Gálvez EJC, Lesker TR, Zhao B., Gronow A., Amend L., Will SE, Hofmann JD, Pils MC, et al. Perturbazione del microbioma intestinale di Prevotella Spp. Migliora la suscettibilità dell'ospite all'infiammazione della mucosa. Immunolo mucoso. 2021; STUDIO: Franke T., Deppenmeier U. Fisiologia e metabolismo centrale del carbonio del batterio intestinale Prevotella Copri. Mol. Microbiolo. 2018)


Alcuni autori ritengono che maggiore è la diversità di fibre nelle diete, più vario e più sano sarà il microbiota previsto (STUDIO: Frame LA, Costa E., Jackson SA Current Explorations of Nutrition and the Gut Microbiome: A Comprehensive Evaluation of the Review Literature. Nutr. Rev. 2020)


Credo in conclusione che un'Alimentazione Ancestrale (ovvero naturale), non possa non prevedere il giusto apporto di FIBRE, Polifenoli, Minerali e Oligoelementi, composti che possiamo trovare quasi esclusivamente nei cibi vegetali grezzi non raffinati .


Coloro al contrario, che diversamente riducono, con scelte nutrizionali poco rispettose del sistema biologico, queste essenziali componenti dell'alimentazione umana, non potranno mai raggiungere equilibrio Microbiotico ne tanto meno attivare virtuosi meccanismi di salute.





35 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page