GLUTATIONE: protagonista delle nostre difese, forse un pò spesso tirato per la "giacchetta" .....

Nascimben Andrea




Il glutatione è un tripeptide, costituito da cisteina, glicina legate da un normale legame peptidico e da acido glutammico legato a sua volta alla Cisteina.

Lo si trova in concentrazioni sorprendentemente elevate - 5 millimolari - nella maggior parte delle cellule, ovvero la stessa concentrazione nelle cellule di glucosio, potassio e colesterolo!


Considerando l'elevato livello di attività metabolica richiesta per produrre glutatione, un livello così elevato ne sottolinea l'importanza.Il Glutatione plasmatico è per il 90% prodotto dal fegato.


E' un composto che entra in campo per una serie di attività:


-Neutralizzazione diretta dei radicali idrossilici e radicali superossido

-Cofattore per diversi enzimi antiossidanti, come per esempio glutatione deifrogenasi per rigenrare la vit. C

-Neutralizzazione dei radicali liberi prodotti dal metabolismo epatico di fase I delle tossine chimiche

-Trasporto del mercurio dalle cellule e dal cervello verso l'eliminazione epatica

-Regolazione della proliferazione cellulare e dell'apoptosi

-Vitale per la funzione mitocondriale.




L'esaurimento del GSH è stato fortemente associato alle malattie e alla perdita di funzionalità con l'invecchiamento. Uno studio rappresentativo di anziani residenti in comunità ha scoperto che livelli più elevati di glutatione erano associati a livelli più elevati di salute fisica, meno malattie Infatti è stato riscontrato che lo stato di GSH è parallelo all'attività della telomerasi, un importante indicatore della durata della vita.


Un altro importante dato è che il basso livello di GSH porta a progressivi danni al DNA mitocondriale.


Però non bisogna dimenticare come Halliwell ha scritto molto bene, non è diffiile incorrere in quello che è stato definito come il "paradosso antiossidante", ovvero la situazione in cui gli antiossidanti come il glutatione possono possedere un'attività pro-ossidante, poichè il sistema biologico lavora su meccanismi raffinatissimi di ormesi ed omeostasi costante.


In effetti, un'alterazione dell'equilibrio redox (ossido-riduzione) può essere la causa o la conseguenza di una malattia proprio perchè è difficile conoscere il livello al quale un antiossidante diventa un pro-ossidante.

Pertanto, c'è ancora molto da capire sul ruolo dei livelli di glutatione nella salute e dunque la prudenza nel "manipolare" delicatissimi meccanismi biochimici dovrebbe essere la regola....(medici e non medici)


E' bene considerare che l'esaurimento del glutatione innesca l'apoptosi, e dunque in quei soggetti considerabili come a rischio oncologico, l'incremento dei livelli di Glutatione non dovrebbe essere ricercato (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2821140/), ma piuttosto sarebbe utile predisporre tutte quelle condizioni che possano favorire la sintesi di Glutatione endogeno.



Vediamo, ora, quali potrebbero essere le soluzione che favoriscono la genesi di Glutatione


NAC

Sappaimo che la mancanza di cisteina è la via limitante la sintesi di glutatione dunque integrazione con NAC potrebbe fornire una buona soluzione di cisteina, oltretutto è la formula che riesce a superare la barrieera gastica efficiacemente. Analogamente ad altri studi, è necessario esplorare di più il modo in cui il NAC influenza i livelli di glutatione, perchè i fattori polimorfici dei geni che trascrivono le informazioni per la sintesi del glutatione fanno la differenza.



ALA

Anche l'acido lipoico (ALA) è considerato un antiossidante se utilizzato a bassi dosaggi, poichè è un coenzima della glutatione reduttasi, inoltre, aumenta i livelli di una proteina chiamata AMPK, la quale inibisce la sintesi proteica muscolare (grazie alla sottoregolazione della via di segnalazione mTOR), la sintesi di colestrolo, la formazione del glicogeno (GSK) e consente la risalita dei Glut, iniziando una graduale incremento della beta ossidazione.


Immunoglobuline del latte

Alcuni studi suggeriscono la capacità di aumentare i livelli di Glutatione da parte delle proteine del siero di latte, probabilmente a causa del suo più alto contenuto di cisteina (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27423583/).



Omega-3

A causa del loro coinvolgimento nella produzione di prostaglandine infiammatorie e antinfiammatorie, gli acidi grassi omega-3 sono stati studiati per i loro effetti sui livelli di glutatione. In uno studio l'assunzione di 4000 mg di integratori di omega-3 al giorno per 12 settimane ha portato ad un maggiore presenza di Glutatione riducendo i sintomi depressivi negli anziani che avevano un rischio maggiore di sviluppare depressione rispetto al gruppo di controllo che assumeva un placebo (Duffy SL, Lagopoulos J., Cockayne N., Lewis SJ, Hickie IB, Hermens DF, Naismith SL L'effetto dell'integrazione di acidi grassi ω-3 per 12 settimane sulla concentrazione di glutatione talamo in vivo in pazienti "a rischio" di depressione. Nutrizione. 2015; 31 : 1247–1254. doi: 10.1016 / j.nut.2015.04.019.)


Vitamina C

In 48 individui con carenza di ascorbato, l'assunzione di 500 o 1000 mg al giorno di vitamina C per 13 settimane ha portato ad un aumento del 18% dei livelli di glutatione nei linfociti rispetto al placebo. Allo stesso modo, negli adulti sani che seguono una dieta ristretta di vitamina C auto-selezionata e una settimana iniziale di integrazione con placebo, assumendo 500 mg di L-ascorbato al giorno per le settimane due e tre e 2000 mg al giorno per le settimane quattro e cinque in uno studio di sei settimane ha portato a un aumento del livello di glutatione nei globuli rossi. La dose più bassa di 500 mg al giorno ha portato all'aumento più pronunciato dei livelli di glutatione (Johnston CS, Meyer CG, Srilakshmi JC La vitamina C eleva il glutatione dei globuli rossi negli adulti sani. Am. J. Clin. Nutr. 1993; 58 : 103–105. doi: 10.1093 / ajcn / 58.1.103 ) questi risultati probablimente sono dovuti al risparmio che si fa del glutaione come antiosidante grazie all'utizzo della vit C presente.


Vitamina E

L'integrazione di vitamina E è stata studiata in misura limitata nelle popolazioni diabetiche soggette a livelli di stress ossidativo endogeno più elevati con grande rilevanza negli studi che hanno coinvolto i bambini diabetici di tipo 1.





Selenio

Il selenio è un noto antiossidante e cofattore della glutatione perossidasi. In uno studio sui topi (Song E., Su C., Fu J., Xia X., Yang S., Xiao C., Lu B., Chen H., Sun Z., Wu S., et al. La supplementazione di selenio mostra effetti protettivi contro il danno cerebrale indotto dalla patulina nei topi attraverso l'aumento dell'attività e dell'espressione enzimatica correlata al GSH. Life Sci. 2014; 109 : 37–43. doi: 10.1016 / j.lfs.2014.05.0) la supplementazione di selenio ha aumentato l'espressione e l'attività di alcuni enzimi correlati al glutatione. Vale la pena notare che l'eccesso di selenio può contribuire allo stress ossidativo piuttosto che alleviarlo e questo effetto può essere correlato a certi genotipi (Galan-Chilet I., Tellez-Plaza M., Guallar E., De Marco G., Lopez-Izquierdo R., Gonzalez-Manzano I., Carmen Tormos M., Martin-Nuñez GM, Rojo-Martinez G. , Saez GT, et al. Livelli di selenio plasmatico e biomarcatori dello stress ossidativo: uno studio basato sulla popolazione dell'interazione gene-ambiente. Radic gratuito. Biol. Med. 2014; 74 : 229–236. doi: 10.1016 / j.freeradbiomed.2014.07.005)




QUALI CONCLUSIONI TRARRE DA QUESTA DESAMINA DEL GLUTATIONE ?


1) che l'uso di composti che possano favorire la formazione ENDOGENA di Glutatione sono maggiormente consigliabili rispetto all'assunzione esogena del Glutatione.


2) che i precursori siano assunti in bassi dosaggi .


3) che l'omega3 , non essendo un precursore ma un "limitatore" dell'infiammazione può essere assunto anche a dosaggi, relativamente, alti come 2-4 gr al giorno.


4) che la prudenza nell'INTEGRARE deve essere la regola , poichè le complessità del sistema biologico, e la limitazione dei lavori scientifici sull'argomento, non consentono di avere piena chiarezza sugli effetti sistemici che possono generare.



Buona riflessione a tutti

159 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti