• SANI E INFORMATI

INTESTINO E FREQUENZA CARDIACA

Nascimben Andrea






La frequenza del battito aumenta se:


1-abbiamo una vaso costrizione periferica. Un evento legato a diversi fattori:

A) ormoni eicosanoidi pro infiammatori e vaso costrittori (leucotrieni), dovuto ad un eccesso di insulina e sbilanciamento tra Omega3 e Omega6 (Ergo; eccesso di carboidrati e grassi omega6)

B) Eccesso di ROS , i cosi detti "Radicali Liberi" (generati da eccesso di glicolisi, AGE, deficit ossigeno) che inibiscono il rilascio di ossido nitrico, potente vasodilatatore.

La necessità di vincere le resistenze periferiche (capillari) induce il cuore ad aumentare l frequenza del battito e a generare l’ipertrofia sistolica.


2-abbiamo stimolazione della componente neurovegetative Ortosimpatica, proveniente dal sistema enterico, mediata dalle cellule dell’immunità, la quale comporta l'aumento del cortisolo. Questo ormone, genera effetti potenti vasocostrittori e cronotropi sul cuore.


3-abbiamo anemia (sia sideropenica che macrocitica) che comporta minore sintesi di emoglobina a causa di carenza di vit B. La carenza di emoglobina genera una carenza di ossigeno che a sua volta comporterà un’incrementando della frequenza delle pulsazioni a fini compensativi. L’anemia ha grande correlazione con la disbiosi intestinale.






Per risolvere queste alterazioni para-fisiologiche abbiamo TRE strumenti efficacissimi:


Il PRIMO è fare ovviamente Attività Fisica, perchè ciò significa:


A) aumentare il rilascio di ossido nitrico (potente vasodilatatore)


B) potenziare gli enzimi antiossidanti e dunque riduzione della presenza dei ROS (Specie Reattive dell’Ossigeno) infiammatori.


C) Migliorare la Gittata Sistolica.


In tal senso svolgere regolarmente un lavoro Aerobico ad alta intensità (camminata in salita o corsa) riduce la frequenza Cardiaca, e abbassa sensibilmente il livello di glicemia. Quest’ultimo evento, a sua volta, comporta una significativa riduzione dell’infiammazione di basso grado (metainfiammazione) tipica dei soggetti iperalimentati e sedentari.