CERVELLO E ACIDI GRASSI POLINSATURI OMEGA-3

Nascimben andrea






Ci sono due tipi principali di PUFA nel corpo umano, i PUFA omega-6 (n-6) l'acido linoleico (LA, 18:2n-6) e i PUFA n-3 dell'acido α-linolenico ( ALA, 18:3n-3).


I PUFA N-3 e n-6 sono costituenti importanti di tutte le membrane cellulari; sono chiamati EFA (acidi grassi essenziali) , perché sono cruciali per la sopravvivenza dell'uomo e dei mammiferi ma non possono essere sintetizzati all'interno dell'organismo [ 1 ]; e può essere ottenuto solo attraverso la dieta.

L'acido linoleico, il capostipite, può essere convertito in acido gamma-linolenico (GLA, 18:3n-6) e il GLA può essere allungato per formare Diomo-GLA (20:3n-6), che è il precursore della prostaglandina (PG)-1s.






Il diomo-GLA può anche essere convertito in acido arachidonico (AA, 20:4n-6), che è il precursore dei PG-2, dei trombossani (Txs) e dei leucotrieni (LT)-4.


Dal versante Omega3, l'ALA può essere convertito in acido eicosapentaenoico (EPA, 20:5n-3) e l'EPA costituisce il precursore di PG-3 e leucotrieni LT-5. Inoltre, l'EPA può essere convertito in acido docosaesaenoico (DHA, 22:6n-3).


Sappiamo che le prostaglandine e i leucotrieni sono altamente biologicamente attivi, hanno un'azione proinfiammatoria e sono noti per essere coinvolti nella fisiopatologia dei disturbi associati all'infiammazione (1- 3).

Anche in ambito neurologico molti dati ci suggeriscono quanto siano importanti i PUFA Omega-3 nei disturbi cerebrali [ 4- 8 ].


DHA ed EPA sono entrambi essenziali per il cervello e il corpo e la carenza di entrambi può compromettere lo sviluppo del cervello e attribuire allo sviluppo di diversi disturbi cerebrali come Deficit di attenzione (ADHD), autismo (ASD), demenza e depressione.


Ad esempio, la carenza di DHA è stata associata all'instabilità della membrana neuronale e alla trasmissione disfunzionale di serotonina, norepinefrina e dopamina [ 9 ], che potrebbero essere associate all'umore e alla disfunzione cognitiva dell'ADHD e della depressione.


Inoltre, i PUFA n-3 hanno contribuito a migliorare e prevenire i sintomi di depressione come ci suggeriscono numerosi studi ( 5 , 6 , 10 , 11 ), ADHD [(7 , 12) e ASD [ 13],oltre al miglioramento della funzione cognitiva generale[ 8 ].


Ache questa breve rassegna sugli acidi grassi essenziali Omega3 depone in favore dell'assunzione di questi preziosi alleati antinfiammatori e modulatori del sistema immunitario.


Buona nutrizione a tutti






bibliografia

1. Das ONU. Acidi grassi essenziali: biochimica, fisiologia e patologia. Biotecnologie J. 2006; 1 :420-439. doi: 10.1002/biot.200600012. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

2. Connor NOI. Importanza degli acidi grassi n-3 nella salute e nella malattia. Am J Clin Nutr. 2000; 71 (1 suppl):171S-175S. doi: 10.1093/ajcn/71.1.171S. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

3. Torpy JM, Lynm C, Glass RM. Mangiare pesce: benefici e rischi per la salute. JAMA. 2006; 296 :1926. doi: 10.1001/jama.296.15.1926. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

4. Hibbeln JR, Davis JM, Steer C, Emmett P, Rogers I, Williams C, et al. Consumo materno di pesce in gravidanza e risultati dello sviluppo neurologico nell'infanzia (studio ALSPAC): uno studio di coorte osservazionale. Lancetta. 2007; 369 :578-585. doi: 10.1016/S0140-6736(07)60277-3. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

5. Su KP, Huang SY, Chiu TH, Huang KC, Huang CL, Chang HC, et al. Acidi grassi Omega-3 per il disturbo depressivo maggiore durante la gravidanza: risultati di uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Psichiatria J Clin. 2008; 69 : 644–651. doi: 10.4088/JCP.v69n0418. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

6. Su KP, Lai HC, Yang HT, Su WP, Peng CY, Chang JP, et al. Acidi grassi Omega-3 nella prevenzione della depressione indotta da interferone alfa: risultati di uno studio randomizzato e controllato. Psichiatria biologica. 2014; 76 :559-566. doi: 10.1016/j.biopsych.2014.01.008. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

7. Chang JP, Su KP, Mondelli V, Pariante CM. Acidi grassi polinsaturi Omega-3 nei giovani con disturbo da deficit di attenzione e iperattività: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi clinici e studi biologici. Neuropsicofarmacologia. 2018; 43 :534-545. doi: 10.1038/npp.2017.160. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

8. Chiu CC, Su KP, Cheng TC, Liu HC, Chang CJ, Dewey ME, et al. Gli effetti della monoterapia con acidi grassi omega-3 nella malattia di Alzheimer e nel deterioramento cognitivo lieve: uno studio preliminare randomizzato in doppio cieco controllato con placebo. Prog Neuropsicofarmaco Biol Psichiatria. 2008; 32 :1538–1544. doi: 10.1016/j.pnpbp.2008.05.015. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

9. Chalon S. Acidi grassi Omega-3 e neurotrasmissione delle monoamine. Prostaglandine Leukot Essent Acidi Grassi. 2006; 75 :259-269. doi: 10.1016/j.plefa.2006.07.005. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

10. Su KP, Huang SY, Chiu CC, Shen WW. Acidi grassi Omega-3 nel disturbo depressivo maggiore. Uno studio preliminare in doppio cieco, controllato con placebo. Eur Neuropsicofarmaco. 2003; 13 :267–271. doi: 10.1016/S0924-977X(03)00032-4. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

11. Lin PY, Su KP. Una revisione meta-analitica di studi in doppio cieco controllati con placebo sull'efficacia antidepressiva degli acidi grassi omega-3. Psichiatria J Clin. 2007; 68 :1056–1061. doi: 10.4088/JCP.v68n0712. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

12. Chang JP, Su KP, Mondelli V, Satyanarayanan SK, Yang HT, Chiang YJ, et al. L'acido eicosapentaenoico (EPA) ad alte dosi migliora l'attenzione e la vigilanza nei bambini e negli adolescenti con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e bassi livelli di EPA endogeni. Psichiatria trad. 2019; 9 :303. doi: 10.1038/s41398-019-0633-0. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

13. Cheng YS, Tseng PT, Chen YW, Stubbs B, Yang WC, Chen TY, et al. L'integrazione di acidi grassi omega 3 può migliorare l'iperattività, la letargia e la stereotipia nei bambini con disturbi dello spettro autistico: una meta-analisi di studi randomizzati controllati. Neuropsychiatr Dis Treat. 2017; 13 :2531-2543. doi: 10.2147/NDT.S147305. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]


50 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti