• SANI E INFORMATI

COSE' IL DIABETE tipo2

Aggiornamento: 28 set 2020

Facebook

Il diabete di tipo 2 è dovuto sia all'insufficiente produzione di insulina dalle cellule β del pancreas che all'insulinoresistenza, cioè alla scarsa sensibilità delle cellule all'azione dell'insulina.

L’infiammazione, una condizione sempre associata al diabete o all’iperglicemia, rende difficile l’attivazione delle cascate enzimatiche che portano in superficie i recettori GLUT4 nel muscolo e tessuto adiposo generando l’intolleranza al glucosio. L’infiammazione desensibilizza il recettore insulinico generando l’Insulino-resistenza.

Abbassare l’infiammazione è il primo passaggio essenziale a ridurre l’insulino resistenza, dunque ridurre tutti i carboidrati e associare una moderata attività fisica indispensabile



L'Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce la condizione di diabete (tipo 1 e tipo 2) dopo una rilevazione di elevati valori di glucosio nel sangue con la presenza di sintomi tipici. I valori elevati di glicemia possono essere così rilevati:[3]

· Glicemia plasmatica a digiuno ≥ 7,0 mmol/l (126 mg/dl) o

· Glicemia plasmatica rilevata 2 ore dopo la somministrazione orale di 75g glucosio (2HrPPG, 2-Hours Post-Prandial Glucose) ≥ 11,1 mmol/l (200 mg/dl); è questo il cosiddetto test orale di tolleranza al glucosio, o OGTT (Oral Glucose Tolerance Test).




Un livello di zucchero nel sangue superiore alle 11,1 mmol/l (200 mg/dL) in associazione con i sintomi tipici del diabete,[11] o di un'emoglobina glicata (HbA1c) superiore al 6,5%, è sufficiente per la formulazione di diagnosi di diabete.[2]

Il diabete mellito di tipo 2 è caratterizzato da iperglicemia nel contesto della resistenza all'insulina e un deficit relativo di insulina.[1]

Nel diabete mellito di tipo 1, vi è una carenza assoluta di insulina a causa della distruzione delle cellule insulari del pancreas

Il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2 possono essere in genere distinti in base alle circostanze di presentazione.[10-11] Se la diagnosi è in dubbio, possono essere utili i test anticorpali per confermare il diabete di tipo 1 e il C-peptide può essere invece utile per confermare il diabete di tipo 2.[12]

L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda solamente di proporre il test ai gruppi ad alto rischio.[13] alcuni gruppi etnici (ispanici, afro-americani e nativi americani), donne con una storia di diabete gestazionale o con sindrome dell'ovaio policistico, soggetti con peso eccessivo e con condizioni associate alla sindrome metabolica.[3-4]