top of page

QUANDO LA MEDICINA FARMACO-PRESCRITTIVA SI METTE DI TRAVERSO… e demolisce il paziente.

Un Spunto di Riflessione


Una donna di 63 anni, dopo essere stata bravissima nell’applicare i suggerimenti Nutrizionali ricevuti normalizzando nel corso di Due mesi :

-una TRENTENNALE IRREGOLARITA' INTESTINALE (alvo alternato stitichezza/diarrea, sanguinamento frequente ed emorroidi di III grado),

-risolto integralmente un REFLUSSO presente da oltre 10 ANNI (sospendendo definitivamente la “terapia” chimica)

-azzerato una cronica SINTOMATOLOGIA OSTEOARTICOLARE (diffusa in area lombare, adduttoria, e coxo-femorale refrattaria a pluri terapie chimiche e fisioterapiche ),

-migliorato la PERFORMANCE motoria (portando la paziente da una autonomia deambulatoria di 10-15 minuti ad oltre 1 ora in assenza di sintomatologia)

- generato una benefica sensazione di ENERGIA e VITALITA'

.

.

MI SCRIVE UNA MAIL (che qui di seguito riporto ) :

“Buongiorno, in attesa di fare il terzo controllo

Le scrivo per chiedere un consiglio:

Prima di Natale la mia situazione era MOLTO migliorata (come le avevo scritto).

Poi a Natale ho avuto influenza, febbre, mal di gola e di testa, congestione nasale e tosse prima secca e catarro.

Il medico mi ha prescritto BRUFEN (PER 10 GIORNI) CON FLUIMUCIL (già finito il secondo flacone), visto che la tosse non passava mi ha dato CLENIL aerosol e ora antibiotico per 6 giorni.

Ho ancora tosse con catarro (ma meno di prima)

IL PROBLEMA È CHE SONO TORNATI TANTI DISTURBI.

Reflusso con eruttazioni durante tutta la giornata, difficoltà a digerire qualsiasi cibo, pancia gonfissima e flatulenza (con emissione anche senza accorgermi e non è bello) molte volte con cattivo odore.

Vertigini parossistiche.

COSA MI CONSIGLIA CORTESEMENTE?

Grazie

Buona giornata

Dany “

.

.

DUNQUE, in breve:

-Facciamo un lavoro certosino per mettere a punto un'alimentazione che sia efficace e compatibile con i suoi disturbi,

-Iniziamo finalmente a far girare il VOLANO DELLA SALUTE,

-Cominciamo a mettere a segno miglioramenti obiettivi uno in seguito all’altro,

ormai siamo in dirittura di arrivo, il quadro di salute è pressoché recuperato e cosa succede ???

.

Che arriva un signore che dovrebbe, in teoria, occuparsi di SALUTE ed essere profondo conoscitore del sistema biologico che, senza esitare un attimo,

APRE IL PRONTUARIO E PRESCRIVE......

LORO è ormai cosa nota, sono NATI non per fare anamnesi, visitare e analizzare la clinica del paziente, ma per PRESCRIVERE (6 anni di medicina servono a questo)

.

.

Cosa avreste risposto voi ad una paziente che ti chiede un “CONSIGLIO” , dopo che ha scardinato la propria salute ?

di primo acchito avrei voluto non rispondere affatto; solo dopo una rapida riflessione decido di inviarvi la Mail che riporto qui sotto (con copia/incolla):

.

.

“Cara signora la prima cosa che mi verrebbe da dirle è di far riferimento a quel signore che le ha prescritto una batteria di farmaci, senza aver ben chè minima consapevolezza che in questo modo le stava semplicemente demolendo (ancora una volta) il microbiota che con tanta fatica stavamo costruendo ....

E' vero che il mio ruolo è ormai quello di rimettere le persone in un percorso di fisiologia dopo che questi soggetti, con le facili "terapie" accompagnano le persone verso malattie e disfunzioni, ma qui Dany è davvero curiosa la questione:

Prima, legittimamente, segue una serie di alimentazioni "ardite" e palesemente contro natura (una iperproteica) per poi a condizione di salute compromessa, far ricorso al sottoscritto ( che nel corso di un paio di mesi la riconduce verso una condizione di salute ottimale)

.

Ora arriva quest'altro signore, che la trascina nuovamente in disbiosi e dunque decide di chiedere, ancora una volta, al sottoscritto come risolvere i dissesti che altri hanno creato ....

.

Prenoti, pure un appuntamento con Carlotta , faremo il preciso punto della situazione. Troveremo una via d'uscita.

Del resto il mio ruolo è ormai quello di risolvere ......

Un cordiale saluto

Dott Nascimben”

.

.

.

Siamo ancora in work in progress, anche se le prime informazioni pervenute lasciano ben sperare, tra qualche settimana faremo il punto della situazione.

.

.

.

Non mi resta che concludere invitandovi alla prudenza rispetto alle facili prescrizioni, ed iniziare ad attribuire primaria importanza a ciò che andrete ad introdurre nel vostro tratto digerente, perchè è tutt'altro che ininfluente .....

Abbiate piena fiducia nelle potenzialità di ripristino della fisiologia che il sistema biologico è in grado di attuare

ma a patto che lo mettiate nelle condizioni di farlo …...

.

.

Buona RIFLESSIONE a tutti

Alla prossima

.

.

.

Leggi i Casi Clinici sul Blog

Il METODO TERAPEUTICO e il suo razionale

in sintesi (Video)

Iscriviti alla Newsletter

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Коментарі


bottom of page