ANTIOSSIDANTI e SALUTE

Aggiornamento: 24 nov 2019

Nascimben Andrea






La dieta "mediterranea" (se ricca di fibre e contenuta nei carboidrati), il consumo di vino rosso, ricchi di antiossidanti come il resveratrolo, hanno dimostrato di avere effetti protettivi contro i danni ossidativi.


Fondamentale risulta essere la presenza di vitamina C e il beta-carotene (vitaminaE), così come elevati livelli di Polifenoli (1) In generale, le persone che consumano grandi quantità di frutta e verdura hanno una minore incidenza di malattie cardiovascolari, ictus e tumori e si è ipotizzato che i micro-nutrienti sopra riportati, possano essere responsabili della riduzione delle malattie croniche (2).



Valutazione nutrizionale dei centenari italiani, particolarmente provenienti da aree rurali dove la concentrazione di centenari è 4 volte superiore alla media nazionale (2,4 / 10,000) e un rapporto femminile / maschile di 1: 1 (rapporto nazionale 4: 1) ha mostrato una prevalenza della dieta mediterranea (priva di cibi industriali e molta attività fisica annessa) tra individui di lunga vita (3-4)


Il consumo regolare di frutta, verdura, cereali integrali e altri alimenti vegetali è stato negativamente correlato con il rischio di sviluppo di malattie croniche. Frutta e verdura sono ricchi di sostanze fitochimiche che funzionano come antiossidanti, forniscono vitamine e minerali alla dieta e sono fonti di fitoestrogeni e agenti antinfiammatori.


Oltre alla dieta mediterranea, gli studi nutrizionali condotti nella popolazione asiatica suggeriscono che la tradizionale dieta Okinawan, con la sua elevata assunzione di verdure a foglia verde e giallo, patate dolci e soia come proteina di base, integrata da piccole quantità di pesce e di carne, può rappresentare un notevole vantaggio nel raggiungere la loro aspettativa di vita eccezionalmente lunga, grazie ad una quantità particolarmente elevata di vitamine antiossidanti (5)


Un ruolo molto importante di antiossidanti è stato riconosciuto per i semi di soia e legumi riconosciuti per la sua capacità di stimolare il sistema immunitario e ridurre il colesterolo LDL. La sua capacità antiossidante è stata attribuita a una grande presenza di acidi fenolici (come l'acido caffeico, ecc. ) e genisteina, isoflavone e fitoestrogeno ampiamente studiato in relazione al rischio di cancro. L'assunzione di soia ha dimostrato di aumentare l'attività di enzimi antiossidanti, inclusi SOD, GPX, CAT e GSR (glutation reduttasi) (6)



Antiossidanti alimentari


La vitamina C è il principale antiossidante idrofilo e un potente inibitore della perossidazione dei lipidi. Nelle membrane, questa molecola riduce rapidamente i radicali e rigenera il α-tocoferolo (vitamina E). La vitamina E è una vitamina solubile in lipidi che si trova nelle membrane cellulari e nelle lipoproteine ​​circolanti. La sua funzione antiossidante è fortemente legata alla capacità di essere rigenerata da parte della Vitamina C (7) ed è dimostrato avere grandi potenzialità nel prevenire l'aterosclerosi attraverso l'inibizione dell’ossidazione delle LDL (8, 9) .









La vitamina A è essenziale per il buon funzionamento del Sistema immunitario e l’apparato visivo. Si può trovare in due forme lipidiche principali, retinolo e caroteni. Il β-carotene più conosciuto è un potente antiossidante in grado di abbassare l'ossigeno singolo (10) e ridurre la perossidazione dei lipidi (11); la sua esaurimento, come quella di α-carotene, β-criptoxantina, il licopene e la luteina / zeaxantina, è stata associata a aterosclerosi (12), malattie cardiovascolari (13) sarcopenia e mortalità. Più in generale, la vitamina C, la vitamina E ei carotenoidi (vitamina A) hanno dimostrato di contrastare sinergicamente la perossidazione lipidica (14)





Antiossidanti endogeni


Un ruolo potente di antiossidanti naturali è stato riconosciuto per la melatonina, un ormone sintetizzato a partire dalla serotonina, soprattutto nella ghiandola pineale, dove questa sostanza contribuisce alla riduzione dei danni ossidativi (15). La melatonina esercita la sua capacità antiossidante stimolando l'espressione e l'attività di due enzimi chiave: Glutatione perossidasi (GPX) e Superossido dismutasi (SOD) e inibendo quella della sintesi dell'ossido nitrico (16), enzimi coinvolti in molti processi biochimici come la respirazione cellulare, la riproduzione di DNA e RNA, la manutenzione dell'integrità della membrana cellulare e il sequestro dei radicali liberi (17).

Ricordiamo che la Serotonina è prodotta soprattutto nel tratto gastrointestinale, ecco quindi un'altra valida ragione per mantenere questo fondamentale apparato in perfetta efficienza.



Longevità e alimenti


Oltre ad avere una dieta ricca di frutta, verdure e fibre, le persone che vivono più a lungo hanno un regime a basso contenuto calorico, con un apporto calorico giornaliero medio di circa il 77% -80% rispetto a quello raccomandato per il loro genere. Studi popolari su questo argomento sono stati condotti in centenari Okinawan e Askhenazi (18-19) in queste popolazioni è stata riportata un'assunzione di calorie basse in soggetti eccezionalmente lunghi, che imita gli effetti della CR nei modelli animali.


Nell'uomo, un regime a basse calorie, è in grado di ritardare molte malattie associate all'invecchiamento, compresi il cancro, il diabete, l'aterosclerosi, le malattie cardiovascolari e neurodegenerative. È anche rilevante il possibile impatto di un'alimentazione limitata nelle calorie, sull'invecchiamento del cervello, ritenendo che un periodo di tre mesi di CR negli umani sani sia stato sufficiente a migliorare la memoria verbale di circa il 20% (20-21)

Nel complesso, un piano alimentare equilibrato e sano, con meno piatti calorici, ricchi di verdure e frutta ma bassi di grassi animali, carni rosse e limitato nei Carboidrati, possono consentire a lunga vita di beneficiare delle difese naturali antiossidanti e anche di mantenere una salute peso.





Bibliografia

1. Urquiaga I., Strobel P., Perez D., Martinez C., Cuevas A., Castillo O., Marshall G., Rozowski J., Leighton F. La dieta mediterranea e il vino rosso proteggono dai danni ossidativi nei giovani volontari. L'aterosclerosi. 2010; 211 : 694-699. [ PubMed ]

2. Riccioni G., Bucciarelli T., Mancini B., di Ilio C., Capra V., D'Orazio N. Il ruolo della supplementazione vitaminica antiossidante nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Expert Opin. Investig. Droga. 2007; 16 : 25-32. [ PubMed ]

3. Vasto S., Rizzo C., Caruso C. Centenari e dieta: cosa mangiano nella parte occidentale della Sicilia. Immun. Invecchiamento. 2012; 9 : 10. : 1-10: 6. [ Articolo libero di PMC ] [ PubMed ]

4. Covas MI, Gambert P., Fitó M., de la Torre R. Vino e stress ossidativo: Evidenza aggiornata degli effetti del consumo moderato di vino sui danni ossidativi negli esseri umani. L'aterosclerosi. 2010; 208 : 297-304. [ PubMed ]

5. Willcox DC, Willcox BJ, Todoriki H., Suzuki M. La dieta dell'Okinawan: implicazioni sulla salute di un basso contenuto calorico, nutriente-denso, antiossidante ricco di dieta a basso contenuto di carica glicemica. Marmellata. Coll. Nutr. 2009; 28 : 500S-516S. [ PubMed ]

6. Kris-Etherton PM, Hecker KD, Bonanome A., Coval SM, Binkoski AE, Hilpert KF, Griel AE, Etherton TD I composti bioattivi nei cibi: il loro ruolo nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e del cancro. Am. J. Med. 2002; 113 : 71S-88S. [ PubMed ]

7. Huang HY, Appel LJ, Croft KD, Miller ER, III, Mori TA, Puddey IB Effetti della vitamina C e della vitamina E sulla perossidazione lipidica in vivo : risultati di uno studio controllato randomizzato. Am. J. Clin. Nutr. 2002; 76 : 549-555. [ PubMed ]

8. Maxwell SR Prospettive per l'uso di terapie antiossidanti. Droga. 1995; 49 : 345-361. [ PubMed ]

9. Steinberg D. Uno sguardo critico sulle prove dell'ossidazione del LDL in aterogenesi. L'aterosclerosi. 1997; 131 : S5-S7. [ PubMed ]

10. Witztum JL L'ipotesi di ossidazione dell'aterosclerosi. Lancetta. 1994; 344 : 793-795. [ PubMed ]

11. Di Mascio P., Kaiser SP, Devasagayam TP, Sies H. Significato biologico delle specie di ossigeno attivo: studi in vitro sul danneggiamento del DNA del singolo danno causato dall'ossigeno e sulla capacità di abbattimento dell'ossigeno dell'ossigeno di carotenoidi, tocoferoli e tioli. Adv. Exp. Med. Biol. 1991; 283 : 71-77. [ PubMed ]

12. Upritchard JE, Schuurman CR, Wiersma A., Tijburg LB, Coolen SA, Rijken PJ, Wiseman SA La diffusione integrata con dosi moderate di vitamina E e carotenoidi riduce la perossidazione dei lipidi negli adulti sani e non fumanti. Am. J. Clin. Nutr. 2003; 78 : 985-992. [ PubMed ]

13. Principe MR, LaMuraglia GM, MacNichol EF, Jr Aumento dell'assorbimento preferenziale nella placca aterosclerotica umana con beta carotene orale. Implicazioni per l'endarterectomia laser. Circolazione. 1988; 78 : 338-344. [ PubMed ]

14. Gaziano JM, Manson JE, Branch LG, Colditz GA, Willett WC, Buring JE Uno studio prospettico del consumo di carotenoidi negli ortofrutticoli e diminuzione della mortalità cardiovascolare negli anziani. Ann. Epidemiol. 1995; 5 : 255-260. [ PubMed ]

15. Niki E., Noguchi N., Tsuchihashi H., Gotoh N. Interazione tra vitamina C, vitamina E e beta-carotene. Am. J. Clin. Nutr. 1995; 62 : 1322S-1326S. [ PubMed ]

16. Aydogan S., Yerer MB, Goktas A. Melatonina e ossido di azoto. J. Endocrinolo. Investire. 2006; 29 : 281-287. [ PubMed ]

17. Nishida S. Effetti metabolici della melatonina su stress ossidativo e diabete mellito. Endocrino. 2005; 27 : 131-136. [ PubMed ]

18 Pieri C., Marra M., Moroni F., Marcheselli F., Benatti C. La modulazione del livello di glutatione intracellulare modula la risposta mitocondriale nel proliferare gli splenociti del ratto. Arco. Gerontol. Geriatr. 1995; 21 : 115-125. [ PubMed ]

19. Gaetke LM, Chow CK Tossicità del rame, stress ossidativo e nutrienti antiossidanti. Tossicologia. 2003; 189 : 147-163. [ PubMed ]

20. Willcox DC, Willcox BJ, Todoriki H., Curb JD, restrizione Suzuki M. Caloric e longevità umana: cosa possiamo imparare dagli Okinawans? Biogerontologia. 2006; 7 : 173-177. [ PubMed ]

21. Rajpathak SN, Liu Y., Ben-David O., Reddy S., Atzmon G., Crandall J., Barzilai N. Fattori di stile di vita di persone con una longevità eccezionale. Marmellata. Geriatr. Soc. 2011; 59 : 1509-1512. [ PubMed ]

21. Witte AV, Fobker M., Gellner R., Knecht S., Flöel A. Caloric restringimento migliora la memoria negli umani anziani. Proc. Natl. Acad. Sci. STATI UNITI D'AMERICA. 2009; 106 : 1255-1260. [ Articolo libero di PMC ] [ PubMed ]

60 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti