ATTIVITA' FISICA E INVECCHIAMENTO

Aggiornamento: 2 ott 2019

Nascimben Andrea





Un indicatore comune dell'invecchiamento è il progressivo declino dei livelli di attività fisica, condiviso da una vasta gamma di specie animali, uomo compreso (1)

Nell'uomo, l'inattività fisica ha conseguenze metaboliche importanti, a causa di un declino funzionale di sistemi e di organi che in ultima analisi porta ad una maggiore incidenza e mortalità da malattie come diabete mellito di tipo II, malattie neurodegenerative, cancro e malattie cardiovascolari (2).

Al contrario, l'attività fisica regolare è in grado di migliorare lo stato metabolico e la sensibilità all'insulina, peso e composizione del corpo in individui giovani e anziani (ad esempio aumentando la massa magra e riducendo il tessuto adiposo) (3 ,4 )



Inoltre, l'attività fisica ha dimostrato di saper attenuare diverse malattie, non solo legate all’invecchiamento, come il diabete di tipo II (5), il cancro [ 6 ], l'ipertensione [ 7 ] e l'osteoporosi [ 8 ] e pressione sanguigna.


Muoversi per soli 30-40 minuti in maniera continuativa come un'attività aerobica ( camminare, fare giardinaggio impegantivo , allenarsi con piccoli pesi ), migliora il profilo lipidico di colesterolo lipoproteico (LDL) a bassa densità e un aumento dei livelli di colesterolo HDL [ 9].


Sperimentalmente, l'effetto positivo dell'attività fisica sulla durata massima di vita è stato documentato nei ratti in cui un moderato esercizio prolungato è stato in grado di indurre un aumento dell'attività SIRT1, (le proteine delle Sirtuine, sono implicate nell’incremento del metabolsimo ossidativo e diminuzione di quello glicolitico) suggerendo che il percorso indotto dalle Sirtuine, può essere coinvolto nel contrastare disfunzioni legate all'età e al sovrappeso [ 10 ].

Il percorso delle sirtuine è acceso anche dalla Restrizione Calorica e dal Resveratrolo.


La prevenzione o la gestione delle malattie croniche nelle persone anziane, dipendono tra le altre cosa anche dall’efficienza dei sistemi antiossidanti cellulari [ 11], sistemi enzimatici che vengono potenziati dall’attività fisica in particolare quella di resistenza [ 12 - 13].


L'attività fisica ha effetti positivi non solo sulle capacità muscolari, ma anche sulla salute mentale degli anziani in grado di frenare processi di neuro-degenerazione del cervello


Diverse linee di prove suggeriscono che il danno ossidativo accumulato , oltre alle malattie degenerative già note, rappresenta un meccanismo di declino cognitivo legato all'età [ 14 ] , e il cervello grande utilizzatore di ossigeno più di altri tessuti , aumenta la potenziale disfunzione mitocondriale e conseguente formazione di ROS con tutti i danni conseguenti.


L'attività fisica regolare sembra al contrario proteggere contro i danni cerebrali in diverse aree anatomiche dell'encefalo (ippocampo, corteccia motoria, cerebellum), ( 15) ed avere effetti neurotrofici ( BDNF ; Fattore neurotrofico derivato dal cervello), una proteina riportata per modulare la plasticità sinaptica nel cervello adulto [ 17 ].


Infatti, le persone anziane che hanno intrapreso un'attività fisica regolare durante la loro vita subiscono una minore perdita di tessuto cerebrale rispetto ai soggetti sedentari e hanno migliori prestazioni cognitive oltre a migliori performance osteo-muscolari e cardio vascolari [ 18 ].




Dunque per concludere, fare Attività fisica, smettere di fumare sigarette, mantenere la pressione sanguigna normale e evitare obesità/sovrappeso (soprattutto addominale) , sono tutti fattori che concorrono alla riduzione significativa mortalità per tutte le cause [ 19].


Condividi Liberamente questo Post

TUTELA LA TUA SALUTE CON L'INFORMAZIONE






bibliografia

1. Herndon LA, Schmeissner PJ, Dudaronek JM, Brown PA, Listner KM, Sakano Y., Paupard MC, Hall DH, Driscoll M. I fattori stocastici e genetici influenzano il declino specifico del tessuto nell'invecchiamento di C. elegans . Natura. 2002; 419 : 808-814. [ PubMed ]

2. Lee IM, Shiroma EJ, Lobelo F., Puska P., Blair SN, Katzmarzyk PT per il gruppo di lavoro Lancet Physics Activity Series. Effetto dell'inattività fisica sulle principali malattie non trasmissibili in tutto il mondo: un'analisi dell'onere della malattia e della speranza di vita. Lancetta. 2012; 380 : 219-229. [ Articolo libero di PMC ] [ PubMed ]

3. Fiatraone MA, O'Neill EF, Ryan ND, Clements KM, Solares GR, Nelson ME, Roberts SB, Kehayias JJ, Lipsitz LA, Evans WJ Formazione di esercizio e integrazione nutrizionale per la fragilità fisica in persone molto anziane. N. Engl. J. Med. 1994; 330 : 1769-1775. [ PubMed ]

4. Polidori MC, Mecocci P., Cherubini A., Senin U. Attività fisica e stress ossidativo durante l'invecchiamento. Int. J. Sport Med. 2000; 21 : 154-157. [ PubMed ]

5. Singh S., Melkani GC, Rani C., Gaur SP, Agrawal V., Agrawal CG Sforzo ossidativo e controllo metabolico in diabete mellito non insulino-dipendente. Indiano J. Biochem. Biophys. 1997; 34 : 512-517. [ PubMed ]

6. Olinski R., Gackowski D., Rozalski R., Foksinski M., Bialkowski K. Danno del DNA ossidativo nei pazienti affetti da tumore: una causa o una conseguenza dello sviluppo della malattia? Mutat. Res. 2003; 531 : 177-190. [ PubMed ]

7. Dengel DR, Hagberg JM, Pratley RE, Rogus EM, Goldberg AP Miglioramenti nella pressione sanguigna, nel metabolismo del glucosio e nei lipidi lipoproteici dopo l'esercizio aerobico e la perdita di peso negli uomini di mezza età obesi e ipertesi. Metabolismo. 1998; 47 : 1075-1082. [ PubMed ]

8. Evans WJ Orientamenti formativi per gli anziani. Med. Sci. Sports Exerc. 1999; 31 : 12-17. [ PubMed ]

9. Wojtaszewski JF, Nielsen P., Hansen BF, Richter EA, Kiens B. Attivazione in isoform-specificità e dipendenza dell'attività fisica della proteina chinasi attivata da 5'-AMP nei muscoli scheletrici umani. J. Physiol. 2000; 528 : 221-226. [ Articolo libero di PMC ] [ PubMed ]

10. Arroll B., Beaglehole R. L'attività fisica riduce la pressione sanguigna: una revisione critica degli studi clinici. J. Clin. Epidemiol. 1992; 45 : 439-447. [ PubMed ]

11. Thompson PD, Buchner D., Piña IL, Balady GJ, Williams MA, Marcus BH, Berra K., Blair SN, Costa F., Franklin B., et al. Esercizio e attività fisica nella prevenzione e nel trattamento delle malattie cardiovascolari aterosclerotiche. Circolazione. 2003; 107 : 3109-3116. [ PubMed ]

12. Corbi G., Conti V., Scapagnini G., Filippelli A., Ferrara N. Ruolo delle sirtuine, restrizione calorica e attività fisica nell'invecchiamento. Davanti. Biosci. 2012; 4 : 768-778. [ PubMed ]

13. Paffenbarger RS, Jr, Hyde RT, Wing AL, Lee IM, Jung DL, Kampert JB L'associazione dei cambiamenti nel livello di attività fisica e di altre caratteristiche di stile di vita con la mortalità tra gli uomini. N. Engl. J. Med. 1993; 328 : 538-545. [ PubMed ]

14. Fulle S., Protasi F., di Tano G., Pietrangelo T., Beltramin A., Boncompagni S., Vecchiet L., Fanò G. Il contributo di specie reattive di ossigeno alla sarcopenia e all'invecchiamento muscolare. Exp. Gerontol. 2004; 39 : 17-24. [ PubMed ]

15. Semba RD, Blaum C., Guralnik JM, Moncrief DT, Ricks MO, Fried LP. Lo stato di carotenoidi e vitamina E è associato a indicatori di sarcopenia tra le donne anziane che vivono nella comunità. Aging Clin. Exp. Res. 2003; 15 : 482-487. [ PubMed ]

16. Hu FB, Willett WC, Li T., Stampfer MJ, Colditz GA, Manson JE Adiposity rispetto all'attività fisica nella predizione della mortalità tra le donne. N. Engl. J. Med. 2004; 351 : 2694-2703. [ PubMed ]

17. Cesari M., Pahor M., Bartali B., Cherubini A., Penninx BW, Williams GR, Atkinson H., Martin A., Guralnik JM, Ferrucci L. Antiossidanti e prestazioni fisiche in anziani: L'Invecchiare nel Chianti (InCHIANTI). Am. J. Clin. Nutr. 2004; 79 : 289-294. [ PubMed ]

18. Muller FL, Lustgarten MS, Jang Y., Richardson A., van Remmen H. Tendenze nelle teorie di invecchiamento ossidativo. Libero Radic. Biol. Med. 2007; 43 : 477-503. [ PubMed ]

19. Cotman C., Engesser-Cesar C. Esercizio aumenta e protegge la funzione del cervello. Exerc. Sci Sci. Rev. 2002; 30 : 75-79. [ PubMed ]

1.011 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti