• SANI E INFORMATI

DIS-REGOLAZIONE DEGLI ACIDI BILIARI: il Microbioma protagonista

Aggiornamento: 8 ott 2019

Nascimben Andrea



Gli acidi biliari sono sintetizzati nel fegato e accumulati nella bile, la quale verrà riversata (secreta) nel duodeno per facilitare la digestione e l'assorbimento dei grassi (micellare i grassi in tante goccioline) e delle vitamine liposolubili (vitamina B e vitaminaK )

Gli acidi biliari derivano dal colesterolo, e costituiscono la soluzione più efficiente che ha il nostro organismo per diminuire i livelli di colesterolo nel sangue.


Ma oltre alle funzioni appena esposte, gli acidi biliari rivestono un ruolo importante in diverse attività metaboliche, essendo il substrato ( il composto) sul quale andranno ad agire i nostri batteri intestinali.


Infatti l’importanza dei nostri acidi biliari nel mantenimento del peso corporeo stà avendo sempre maggior riscontro scientifico.

A causa di stili di vita sedentari sempre più diffuse e diete ad alto contenuto di grassi saturi e carboidrati, il diabete e l’epidemia di obesità continua a crescere senza sosta.


Un corpo sostanziale di prove accumulato, associa diabete, obesità e sovrappeso drammaticamente ad un più elevato rischio di sviluppo del cancro, in particolare nel fegato e nel tratto gastrointestinale.




I Sali biliari prodotti dal fegato e riversati con la bile nel nostro intestino, vengono elaborati dai nostri batteri simbiotici, rendendoli molto compatibili con i recettori (FXr e TGr) presenti sulle cellule di intestino e fegato. Questo legame attiva potentemente l’incremento dell’ossidazione dei grassi.




Incrementare l’utilizzo dei grassi in deposito, riduce in maniera significativa il rischio di fegato grasso (steatosico) e l'accumulo del grasso addominale.

Ancora una volta il microbiota intestinale svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento della salute e della forma fisica.


Infatti, gli individui obesi e diabetici hanno dimostrato di soffrire di disregolazione di acidi biliari (BA) e disbiosi del microbioma intestinale.


Una carenza di famiglie di batteri simbionti o eccessi di quelli patogeni (per elevati livelli di carboidrati ad alto indice glicemico, carenza di fibre indigeribili ed eccesso di proteine animali) non consentono la giusta metabolizzazione degli acidi biliari, composti essenziali per la regolazione del colesterolo e dell'assorbimento dei grassi.