• SANI E INFORMATI

CALCOLI ALLA CISTIFELLEA: risolvili senza farmaci ne' chirurgia

Aggiornamento: 23 lug 2019

Nascimben Andrea







Oggi parleremo dei calcoli alla cistifellea, fenomeno diffusissimo tra le popolazioni occidentali. Da alcuni studi epidemiologici è emerso che almeno il 90% dopo i 65 anni ha queste formazioni calcolosiche.


Ma perché si formano?

Se fate una ricerca su Google vi verrà fuori :

fattori genetici

sorappeso

diabete




Si ma perché in queste condizioni?

Con quali meccanismi?

E soprattutto come faccio a risolvere la questione o eventualmente non operare quelli che ho già?


Anche se fino ad oggi ma hanno procurato qualche colica?, dico solo qualche perché se fossero coliche ricorrenti e l'ecografia addominale mettesse in luce infiammazione estesa l’unica soluzione sarebbe quella chirurgica.

Meglio evitare condizioni infiammatorie croniche molto estese ai tessuti del circolo epatico e pancreatico, perché ci potrebbero essere complicanze molto gravi.


Purtroppo la chirurgia oggi non prevede il risparmio dell'organo della colecisti, in nessuna situazione, nemmeno se la condizione infiammatoria risultasse contenuta: l’organo viene gettato via insieme ai calcoli.



Ma come possiamo fare dunque se abbiamo dei calcoli che ci danno fastidio solo occasionalmente anche se con forti coliche?

Vi potrei dire mangiate in questo modo e non assumete farmaci, ma generalmente

le persone sono molto scettiche con chi non indossa il camicione bianco e il fonendoscopio (giustamente).


Per cui oggi proverò a fornirvi delle brevi spiegazioni di fisiologia, per poi concludere con dei semplici suggerimenti pratici.


Ma prima di iniziare, vorrei mettervi al corrente di un aspetto: il sottoscritto gli è stato diagnosticato un calcolone di 15 mm TRE anni fa circa e per il quale ero stato messo, rapidamente, in lista per l’intervento chirurgico. Secondo i medici il mio era assolutamente un quadro di pertinenza chirurgica. Probabilmente lo era davvero, viste le ricorrenti coliche dolorosissime 3, 4 volte all'anno.


Ho preferito non operare ,nonostante mi fosse stato detto che che nel giro di 5-6 mesi avrei dovuto far ricorso alla chirurgia. Ho iniziato a studiare se vi erano strade alternative. Sulla base di mie pregresse conoscenze del sistema biologico e di alcuni dati riscontrati in letteratura, ho capito che forse potevano esserci soluzioni differenti all'asportazione della colecisti. Non escludo che in futuro il sasso di 15 mm possa in qualche modo farsi sentire.

Purtroppo se certi approfondimenti li avessi fatti 10 anni prima, probabilmante la formazione calcolosica, si sarebbe potuta fermare a pochi millimetri o magari avrei potuto anticiparla del tutto.

Purtroppo l’igoranza mi ha fatto pagare un prezzo molto alto.Torniamo a noi, ed iniziamo.