• SANI E INFORMATI

CARBOIDRATI: DI QUANTI NE ABBIAMO BISOGNO GIORNALMENTE ?

Aggiornamento: ott 21

MA DI QUANTI CARBOIDRATI ABBIAMO BISOGNO GIORNALMENTE ?

Vediamo di scoprirlo una volta per tutte, con l’ausilio dei numeri (e della scienza).


I principali testi di fisiologia, indicano quale NECESSITA’ GLUCIDICA giornaliera, per un soggetto maschile, di peso 70-72 chilogrammi, età media 40-45 anni, in condizioni di blanda attività fisica, come un lavoro impiegatizio, circa 180-210 gr.

Dei quali: 100/110 gr utilizzati dal SNC (Sistema Nervoso Centrale) 30-40 gr dalla muscolatura (soprattutto le fibre tipo2) 30-40 gr dai leucociti (Globuli bianchi) 30-35 utilizzati dagli eritrociti (Globuli rossi)


Ma è importante sottolineare che solo per quest’ ultima tipologia cellulare (oltre a cornea, cristallino e retina ) vi è però una reale dipendenza dal metabolismo glucidico, poiché sono cellule prive di mitocondri.

Tutte le altre hanno, la possibilità di utilizzare SUBSTRATI ENERGETICI ALTERNATIVI, come: - i corpi chetonici per SNC e per i muscoli (oltre agli acidi grassi) - gli acidi grassi per le cellule dell’immunità e la midollare renale (anche se preferibilmente effettuano con maggior efficacia la glicolisi ).

Infatti le necessità essenziali, senza compromettere l’eritropoiesi, si stimano, intorno ai 30-35 gr di glucosio (ma che in realtà possono essere prodotti dalla gluconeogenesi epatica)

Ma facciamo finta di avere comunque necessità biologiche di assumere tutti i 180 gr di glucosio giornaliero; questi corrisponderebbero a 720 Kcal. Complessivamente, per il soggetto ipotizzato nella nostra analisi, i suggerimenti LARN Europei e Nazionali (Società Italiana di Nutrizione Umana) prevedono un ingresso calorico giornaliero di 2.200.2.250 Kcal, che percentualmente corrispondono al........ 30-32% dell’introito calorico complessivo.

QUESTA E’ LA REALE NECESSITA’ DI CARBOIDRATI di un uomo di 70-72 Kg, età media e poco attivo.



DUNQUE PERCHE’ SI CONTINUA A SUGGERIRE DI ASSUMERE IL 50% DELLA PROPRIA ENERGIA DA FONTI GLUCIDICHE?

Perché ancora oggi ci si basa su studi effettuati su popolazioni rurali negli anni ’50 (Seventy Country del dott. Ancel Keys), che però avevano un dispendio energetico indiscutibilmente superiore a quello attuale.


Un dato solo per farvi riflettere: lo studio sopra citato mette in evidenza un consumo calorico medio di 2.500 Kcal, per uomini agricoltori (età media 42 anni) che lavoravano nei campi 10-12 ore giornalmente (oggi i LARN prevederebbero per questa tipologia di soggetti, circa 3000-3200 Kcal )

Fornire almeno 1200/1500 Kcal dai carboidrati (ovvero pari al 60% dell’energia complessiva giornaliera) per soggetti che facevano un lavoro fisicamente molto impegnativo era dunque assolutamente indicato.



MA COSA C’ENTRA SUGGERIRE LA STESSA PERCENTUALE DI CARBOIDRATI AD UN IMPIEGATO CHE INVECE DI ESSERE CON UNA FALCE IN MANO A TAGLIARE GRANO , SI TROVA AMMOSCIATO SU UNA SEDIA ?


Alla prossima puntata, sempre a base di Carboidrati!