top of page

REFLUSSO: UN CASO PIU’ DIFFICILE DEL PREVISTO (la dieta senza Nichel complica il quadro …)

Un Caso Clinico del dott.Andrea Nascimben



dott.Andrea Nacimben
dott.Andrea Nascimben

Il 20 febbraio ‘23 ricevo la Mail che riporto qui di seguito con Copia/incolla: . . “Buonasera allego la documentazione medica per la consulenza ONLINE di domani. Sono esami fatti dopo aver sviluppato una forte gastrite (circa 3/4 settimane dopo aver avuto il covid in forma leggera a gennaio 2022) che è perdurata per 4/5 mesi. Descrivo qui alcuni dei sintomi accusati nell'ultimo anno fino ad oggi: Dopo la gastroscopia fatta a maggio ho iniziato ad avvertire sempre di più il reflusso e combatto ancora oggi con reflusso se non faccio esercizi di respirazione diaframmatica (sono stata seguita da una fisioterapista …..) Seguo un'alimentazione a BASSO contenuto di NICHEL Ho spesso problemi digestivi e le cose che riesco a MANGIARE senza sentirmi male (maggiormente nausea e gonfiore) sembrano diventare SEMPRE MENO. Nell'ultimo mese mi ero stufata di mangiare le "solite 4 cose" che rimangono quando si devono togliere alimenti ad alto contenuto di Nichel d ho iniziato a mangiare qualche cosa con Nichel (prodotti senza glutine che purtroppo contengono farina di mais, lieviti chimici ecc., perché mi veniva la nausea quando mangiavo il glutine ultimamente). Nell'ultima settimana ho iniziato a sentire le conseguenze ed il reflusso è tornato in piena forza, se non peggio, dopo che ero riuscita a tenerlo sotto controllo in tal modo da non sentirlo quasi più. . In allegato trova i seguenti referti: ….. Cordiali saluti e a domani, Eva B. “ . . Il giorno seguente abbiamo il nostro primo incontro tramite VIDEOCONFERENZA e nell’anamnesi mi annoto: Bassi livelli di Vitamina D , una serie di (costosi e poco utili ) “Esami Genetici” , diversi i farmaci antiacidi assunti per cercare di contrastare il Reflusso cronico e ormai persistente h24. Il REFLUSSO si manifesta con la seguente sintomatologia: acido fino al cavo orale, sensazione di soffocamento, nodo in gola e frequente nausea. . INTESTINO: evacuazione quotidiana con feci a volte caprine e a volte conformate . Un altro PUNTO DOLENTE, anzi un’importante concausa che ha complicato indubbiamente il quadro della paziente è stata la cosiddetta dieta a “BASSO tenore di NICHEL”, una scelta davvero poco razionale ed anzi in tutta evidenza contro natura poiché NON RISPETTOSA delle più basilari caratteristiche dell'alimentazione dell’uomo. . . Il volto di Eva è scavato, le occhiaie sul volto ben presenti. Nonostante fosse una giovane donna in leggero sottopeso questa modalità alimentare ha comportato un ulteriore calo ponderale, attestandosi a 63 kg per 178 cm di altezza (ed anzi nei mesi precedenti era scesa fino a raggiungere i 57 kg ) . Credo che la donna dopo un anno di questa discutibile modalità alimentare, si trovasse ormai prossima ad una condizione di MALNUTRIZIONE, oltre a stanchezza cronica, energia mentale ridotta ai minimi termini e pressione psicologica generata dalla gamma sempre più ristretta di alimenti consentiti … . Ma ciò che abbatte ancor più la nostra paziente è il fatto che nonostante i continui sacrifici e insensatezze "nutrizionali" nessun risultato significativo era riuscito ad ottenere; il reflusso persiste. L’unico effetto positivo è stato un modesto contenimento del reflusso ma in forma transitoria . Una dei tanti effetti avversi di questo modello “nutrizionale” è che ogni grammo di FIBRE (e non di NICHEL) il paziente generalmente riferisce disturbi a livello del tratto digerente e come potrebbe essere differente se con il tempo ha ormai selezionato specie batteriche che non sanno fare una VIRTUOSA FERMENTAZIONE ?? ed è noto che il microbiota cresce e sviluppa le sue attività metaboliche in relazione ai substrati che noi andremo ad inserire con la nostra alimentazione. . . Quella che sta seguendo la paziente, da circa 1 anno, è un'alimentazione non solo pressoché priva di FIBRE, ma anche di Vitamine e FITO-composti protettivi , fondamentalmente ricca solo di PROTEINE ANIMALI . EVA, mi fa presente che ormai non riesce nemmeno più a digerire la carne perchè il gonfiore gastrico è sempre più importante. . PERCHÉ disturbo gastrico ? PERCHE’ incremento dell’acidità vi starete chiedendo ? . PERCHE’ CON L’USO COSTANTE DI CIBI A BASE DI PROTEINE ANIMALI (CARNE E PESCE) SI GENERARONO UNA SERIE INFINITA DI METABOLITI PROTEICI CHE PORTANO AD UN PROGRESSIVO ESAURIMENTO DEGLI ENZIMI DAO, OVVERO QUEI COMPOSTI CHE DOVREBBERO LIMITARE L'INGRESSO DI AMMINE ALL’INTERNO DEL SANGUE. UN ECCESSO DI AMMINE IN PRIMIS ISTAMINA HA IMPATTO DIRETTO SULLA SINTESI DI ACIDO CLORIDRICO E UN ATTIVAZIONE MASSIVA DI “ALLARME BIOLOGICO” A LIVELLO DELLE MUCOSE INTESTINALI UNA TEMPESTA PERFETTA PER INCREMENTARE LA PERMEABILITA' INTESTINALE E ALLERTARE L INTERO SISTEMA ORGANICO A QUEL PUNTO INVASO DA UNA MOLTITUDINE DI POTENZIALI ANTIGENI E ALLERGENI ….. . . MA in questa sede preferisco non andare oltre a dettagliare le peculiarità di questo quantomeno DISCUTIBILE modello “alimentare”, ne parleremo diffusamente in altre occasioni, dico solo che il presunto eccesso di Nichel non è affatto una vera entità nosologica ma piuttosto una mera ipotesi, ad oggi, per altro, con pochissimi dati a sostegno …. . . Nell'Anamnesi mi annoto anche: 1-ACIDO al cavo orale, senso di SOFFOCAMENTO frequente e presenza di NODo in gola. 2-Frequente la NAUSEA e il GONFIORE addominale (la definisce come "pancia a palloncino" ) 3-Necessità di dormire sempre sul lato sinistro e con l'ausilio di più cuscini . . DOPO 2 settimane ricevo la seguente Mail “Buonasera dottore, Le vorrei dare un ggiornamento in seguito alla nostra call di lunedì mattina. le chiedo: Ha avuto altri casi come il mio, dove le cose invece di migliorare sono peggiorate dopo aver iniziato il nuovo regime alimentare? O dovrei avere in teoria un costante miglioramento? Nel mio caso purtroppo perdurano l'acidità e il reflusso acido, non vedo nessun miglioramento, se non un peggioramento. Cosa mi consiglia? Sto correndo ai ripari con Maalox e Bianacid di Aboca (ma contiene zucchero di canna) - va bene o meglio evitare? Grazie mille, Eva “ . . Da qui in avanti abbiamo uno scambio di Mail ed un secondo incontro in VIDEOCONFERENZA per cercare di venire a capo ad alcune difficoltà accadute in corso d'opera . . . Esattamente DOPO 2,5 mesi dall’inizio dell’applicazione del Piano Nutrizionale ricevo la seguente Mail . “Buonasera dottore, prima di tutto vorrei farle una domanda riguardo al cibo: Quando mi trovo fuori (per esempio due giorni di viaggio per lavoro), come posso continuare al meglio e non "distruggere" il lavoro fatto fino ad ora? Cosa potrei mangiare? Ecco il mio aggiornamento: Vorrei iniziare con i cambiamenti POSITIVI perché continuo a notarli e ce ne sono parecchi: 1) DIGERISCO le carote sia cotte che crude - prima, dopo qualche ora o il giorno dopo avevo sempre mal di pancia e dovevo correre in bagno - ora tutto normale! 2) DIGERISCO i legumi (ceci, piselli, fagioli) sia quando li mangio da soli che in combinazione con altro cibo. I fagioli e ceci non li mangio la sera quindi non so cosa succederebbe, ma di giorno non mi danno più nessun fastidio. 3) da circa due settimane MAI più avuto sensazione di NAUSEA 4) posso DORMIRE anche sul lato destro di notte SENZA avere la sensazione di REFLUSSO !! 5) posso anche mangiare qualche mandorla o noce senza fastidio Acidità: c'è ne è ancora un pochino, più sopportabile. Devo sempre ancora ricorrere al Nux Vomica, L'acidità/reflusso si accentua maggiormente la sera/notte. E' sempre molto delicato come equilibrio e devo stare molto attenta. Continuo a seguire il piano alimentare e cerco di fare le camminate in salita ma nelle ultime settimane non sono riuscita molto spesso perché c'era il diluvio universale! La ringrazio per il piano alimentare perché, anche se ancora non ho risolto del tutto vedo un CONTINUO MIGLIORAMENTO! E ho dato i suoi riferimenti a diverse persone che potrebbero beneficiarne molto. Per caso fa le consulenze anche in tedesco? Grazie mille e buona serata Eva “ . . . . A distanza di 3 settimane dalla Mail appena riportata, Eva , sente la necessità di risentirmi per fare il preciso punto della situazione , ma soprattutto informarmi che le cose sono cambiate ulteriormente . . All'apertura della Seconda VIDEOCONFERENZA mi saluta con entusiasmo, regalandomi un splendido sorriso. Ha il viso disteso, senza più alcuna traccia delle occhiaie scure presenti solo un paio di mesi addietro. Più persone, mi dice, le hanno riferito di vedere la sua cute più pulita e il viso ringiovanito. Per quanto concerne l’aspetto clinico, ha registrato ulteriori miglioramenti: 1- Il REFLUSSO si presenta solo in forma lieve in orario serale, ma in soli 2-3 giorni alla settimana 2-l’INTESTINO si è pressoché normalizzato con feci da conformate a morbide.Non sono più presenti residui di cibo nelle feci 3-Non percepisce più GONFIORE addominale : la famosa “pancia a palloncino” 4- ha SOSPESO il prodotto Omeopatico 5-Riesce a DORMIRE su tutti i lati e con il letto orizzontale e senza più alcun rialzo. 6-Non più presente NAUSEA . In sostanza: un graduale e costante miglioramento . . Questo è l’epilogo anche di questa storia, ancora una volta, per nostra fortuna, possiamo trarre un bilancio nettamente positivo. Una vicenda, questa, complicata non solo dall’aspetto alimentare pregresso, ma anche dall’emotività. Una donna alle prese con una professione impegnativa, essendo consulente aziendale con un importante incarico di formazione del personale in diverse Società sia in Italia che all'Estero. . Faremo un check di verifica a Settembre-Ottobre (se ve ne sarà bisogno), e a quel punto saranno trascorsi circa 6 mesi e pertanto il bilancio dovrebbe essere finalmente consolidato e DEFINITIVO (anche se le indiscrezioni di “corridoio” , mi dicono che tutto sta procedendo per il meglio….) . . . Un caro SALUTO di SALUTE ai sempre più numerosi INTERlocutori della Pagina . . Al prossimo Caso Clinico . Al prossimo caso


217 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page