top of page

SANI E INFORMATI-Diabete di tipo2-Comprendere perchè si innesca, significa sapere come affrontarlo.

Aggiornamento: 10 giu 2019

Cos'è il Diabete


L'Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce la condizione di DIABETE(tipo 1 e tipo 2), dopo una rilevazione di elevati valori di glucosio nel sangue e in concomitanza di sintomi tipici (sete, frequente minzione, spossatezza).



I valori elevati di glicemia possono essere così rilevati:[3]

· Glicemia plasmatica a digiuno ≥ 7,0 mmol/l (126 mg/dl) o

· Glicemia plasmatica rilevata 2 ore dopo la somministrazione orale di 75g glucosio (2HrPPG, 2-Hours Post-Prandial Glucose) ≥ 11,1 mmol/l (200 mg/dl); è questo il cosiddetto test orale di tolleranza al glucosio, o OGTT (Oral Glucose Tolerance Test).


Un livello di zucchero nel sangue superiore alle 11,1 mmol/l (200 mg/dL), in associazione con i sintomi tipici del diabete[11] o di un' emoglobina glicata (HbA1c) superiore al 6,5%, è sufficiente per la formulazione di diagnosi di diabete.[2]



Diabete tipo 1 e Diabete tipo 2


Nel diabete mellito di tipo 1 vi è una carenza assoluta di insulina a causa della distruzione delle cellule insulari del pancreas


Il diabete mellito di tipo 2 è caratterizzato da iperglicemia nel contesto della resistenza all'insulina e un deficit relativo di insulina.[1]


Il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2 possono essere in genere distinti in base alle circostanze con cui si presentano(ad esempio già dalla nascita).[10-11]

Se la diagnosi è in dubbio, possono essere utili i test anticorpali per confermare il diabete di tipo 1, mentre indagare il C-peptide può essere invece utile per confermare il diabete di tipo 2.[12]

L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda solamente di proporre il test ai gruppi ad alto rischio[13] :

-alcuni gruppi etnici (ispanici, afro-americani e nativi americani)

-donne con una storia di diabete gestazionale

-donne con sindrome dell'ovaio policistico

-soggetti con peso eccessivo e con condizioni associate alla sindrome metabolica.[3-4]



A cosa è dovuto il Diabete Tipo 2


Il diabete di tipo 2 è dovuto:

-sia all'insufficiente produzione di insulina dalle cellule β del pancreas.(La percentuale delle

cellule β non funzionanti differenzia la gravità della malattia.[3].)

- sia all'insulino-resistenza, cioè alla scarsa sensibilità delle cellule all'azione dell'insulina.[3][5]


All'interno del fegato l'insulina sopprime normalmente il rilascio di glucosio. Nella condizione di insulino-resistenza invece il fegato rilascia impropriamente glucosio nel sangue.Questo avviene perché l’uptake (ingresso) di glucosio all’interno delle cellule, risulta basso.[3]


Inizialmente il fisico reagisce all'insulino-resistenza periferica cercando di controllare la glicemia grazie all’incremento della sintesi di insulina.

Questo meccanismo però è scarsamente efficace poiché l’infiammazione (citochine pro infiammatorie), che è una condizione sempre associata al diabete o all’iperglicemia, inibisce il legame dell’insulina con il suo recettore e inoltre rende difficile l’attivazione delle cascate enzimatiche che portano in superficie i recettori GLUT4 presenti nelle cellule del muscolo e del tessuto adiposo (i due maggiori tessuti insulino dipendenti), lasciando pertanto nel flusso ematico parte del glucosio.



Come funziona il legame insulina-glucosio?

E' molto interessante capire il legame tra insulina e il glucosio.

Compreso questo è più facile capire perchè occorre ridurre ed eliminare la situazione infiammatoria sopra citata.

Vediamo quindi con un gergo più formale

come funziona questo legame.

L'insulina si lega al suo recettore posto sulla membrana della cellula (Punto 1).

Questo attiva delle cascate enzimatiche (AKT-Pi3k) (Punto 2), che "avvisano" le vescicole GLUT4 che c'è glucosio disponibile nel sangue (Punto 3).Con questo segnale le GLUT4 "salgono" in superficie sulla membrana (Punto 4) e "aprono le porte di ingresso" al glucosio (Punto 5) portandolo all'interno della cellula.


Quando si è in una situazione di infiammazione di basso grado (ATTENZIONE: per infiammazione di basso grado non si intende infiammazione infettiva), le citochine pro infiammatorie si legano a dei loro propri recettori (diversi da quelli usati dall'insulina) che attivano un'altra tipologia di cascate enzimatiche che portano questa volta all’inibizione dei pattern AKT-Pi3k impedendo la risalita delle vescicole Glut4 e quindi il "trasferimento " del glucosio dal sangue alle cellule. Questi meccanismi generano l’intolleranza al Glucosio.

Dopo un certo tempo (alcuni anni) sia questo meccanismo di elevata sintesi di Insulina (iper insulinemia) sia la sintesi insulinica diminuiscono, ponendo le basi all'insorgenza del diabete mellito tipo2 [6].



I meccanismi molecolari, associati al diabete di tipo 2 ed alla insulino-resistenza


I meccanismi molecolari, associati al diabete di tipo 2 ed alla insulino-resistenza sono:

-Elevati livelli di TNF e altre citochine, inibiscono la fosforilazione del recettore IR dell’insulina, e contemporaneamente attivano cascate enzimatiche inibitorie della via Pi3k-Akt, necessaria alla risalita dei GLUT4 (sviluppando intolleranza al glucosio)