top of page

SI ELIMINANO CIBI ESSENZIALI AL MICROBIOTA MA SI PRESCRIVONO MONTAGNE DI INTEGRATORI

Un Caso Clinico del dott.Andrea Nascimben



dott.Andrea Nacimben
dott.Andrea Nascimben

Ancora una volta si eliminano Macro e micronutrienti come FIBRE e POLIFENOLI due componenti essenziali al nostro microbiota simbiotico (e al tempo stesso importanti Nutraceutici)

E quale alimentazione può, con maggiore profondità, privare la persona di questi fondamentali componenti nutrizionali se non la famigerata dieta LOW NICHEL ?

Una modalità "nutrizionale" che supera per la sua profonda irrazionalità persino la Low FODMAP

.

.

Oggi vi racconto di Melania, una donna di 52 anni che mi contatta in VIDEOCONFERENZA per cercare di superare una serie di problematiche di natura Gastro-Intestinale.

Anche a questa donna era stata sottoposta per TRE ANNI ad una dieta LOW NICHEL, ovvero a basso contenuto di prebiotici, ovvero a basso contenuto di alimenti funzionali (sia per il MICROBIOTA SIMBIOTICO sia per le nostre CELLULE SELF)

L'alimentazione prevedeva : 180 gr di carne al giorno x 7 giorni , alternato al pesce. "naturalmente" quotidiane le uova (dalle 2 alle 3 unità giornalmente )

Le verdure poche e in una seconda fase, a peggioramenti di salute avvenuti, pressoché vietate. IL MOTIVO di questo diniego ? che avrebbero un elevato contenuto di NICHEL, dunque non idonee ad una donna satura di nichel ( e dove l’avrebbe mai assunto tutto questo nichel ????)

.

Una alimentazione che mese dopo mese diviene sempre più lontana dalle necessità di specie: il carico proteico animale sempre più vicino a quello di un carnivoro, ed una situazione di salute in graduale peggioramento.

Una condizione alla quale il nutrizionista rispondeva aumentando quantità e numero di INTEGRATORI, come se vi fosse una qualche carenza della paziente..

In realtà un goffo tentativo di cercare di rimettere le cose “a posto" a suon di integratori .

.

.

Dopo tutto non è raro sentir dire che l'alimentazione è come un vestito fatto su misura (come se ognuno di noi appartenesse ad una specie differente), salvo poi rendersi conto che ciò che differenzia una dieta di un paziente da un altro è soltanto la diversità di integratori scelti e non la tipologia degli alimenti assunti.

Spesso ci si trova di fronte ad un foglio fotocopiato che riporta una lunga serie di integratori validi per tutti i gusti e tutte le eventualità, e ciò che differenzierebbe una dieta da un altra , ovvero le caratteristiche di un paziente da un altro, è solo la scelta degli integratori : una lunga lista alla quale apporre la X del prodotto scelto

e purtroppo di X ve ne sono numerose … (meglio abbondare che deficere dicevano i romani..)

.

Ecco questo è nella stragrande maggioranza dei casi il famoso “vestito fatto su misura”

peccato poi

che la dieta sia SEMPRE e comunque IPERPROTEICA senza se e senza ma

che la presenza di UOVA sia immancabile senza se e senza ma

che la quantità di cereali integrali è ridotta ai minimi termini senza se e senza ma

e che la presenza dei legumi sia semplicemente ASSENTE poiche’ ricchi del famigerato NICHEL

ma soprattutto senza mai comprendere quale sia la tipologia di paziente che si ha di fronte

.

.

.

.

.

Nella nostra lunga anamnesi Melania mi elenca:

INTESTINO: irregolarità dell’alvo con prevalente stitichezza fin dall'età giovanile, feci caprine e sensazione di mancato svuotamento. Gonfiore addominale.

Aspetto GASTRICO: Dolore epigastrico, Bruciore alla lingua, pirosi retrosternale, dispepsia, parodontite e frequenti afte alle mucose del cavo orale.

.

EMICRANIA: almeno 1 episodio alla settimana con fotofobia e nausea, condizione che si protrae mediamente per 3 giorni.

Presenta inoltre PRURITI diffusi soprattutto nella zona scapolare, braccia e in talune occasione al volto.

BRUCIORE al capezzolo sx e fastidio in area ipocondrica omolaterale

CONGIUNTIVITE e DERMATITI frequenti

.

.

Un quadro che denota che cosa ?

in tutta evidenza un ECCESSO di ISTAMINA

.

Come risponde il nutrizionista ad una siffatta condizione clinica ?

Con CARNE, PESCE, UOVA e …..

INTEGRATORI che nella fattispecie sono :

Probiotici,

Prodotti per “PULIRE” l ‘intestino (purtroppo altra diffusa irrazionalità….)

Enzimi digestivi DAO-food (cioè si cerca di aumentare le potenzialità di riduzione dell’istamina con l'ennesimo integratore e contemporaneamente si riempie la paziente di PROTEINE ANIMALI… altra incomprensibile irrazionalità.. )

Dulcis in fundo il famosissimo NAC, N-acetilcisteina , un farmaco immancabile tra l’elenco degli “INTEGRATORI” , un potenziatore delle REAZIONI ALLERGICHE, gettonatissimo…

.

.

Concludiamo la nostra conversazione effettuata in VIDEOCONFERENZA con la promessa che nei prossimi giorni riceverà il Piano Terapeutico Motorio-Nutrizionale

.

.

Nelle settimane seguenti, così come previsto nella modalità organizzativa dell’approccio terapeutico, la paziente mi aggiorna degli eventi:

Vi si registra una prima fase in cui insieme ai miglioramenti si associa un peggioramento limitatamente alla sensazione di gonfiore addominale .

Una condizione che però viene via via ridimensionata con il proseguire della messa a regime del nuovo piano Nutrizionale.

Due sono gli aggiornamenti che ricevo tramite mail, e ciò che emerge è un graduale e progressivo miglioramento di tutta la condizione clinica.

Dopo tutto ciò che stiamo facendo è "semplicemente" UNA COSA sola:

RIMODULARE L’INTERO MICROBIOTA INTESTINALE, favorendo specie SIMBIOTICHE a danno di quelle patogene ( o meglio potenzialmente patogene)

.

.

.

Dopo 7-8 settimane di Alimentazione Ancestrale applicata, ci ritroviamo in VIDEOCONFERENZA per il primo CONTROLLO:

in sintesi qui di seguito ciò che la paziente mi riferisce :

INTESTINO: regolarità dell’alvo pressoché raggiunta con una singola evacuazione giornaliera e feci conformate. Ridotto il gonfiore addominale (seppur ancora parzialmente presente).

Aspetto GASTRICO: nessun sintomo presente . Afte nel cavo orale molto meno frequenti

.

EMICRANIA: negli ultimi 2 mesi, si è verificato fenomeno emicranico DUE volte al mese (l ultimo pochi giorni prima )

Non più presenti PRURITI in nessuna delle zone riferite in precedenza

CONGIUNTIVITE meno frequente e di minore intensità, dicendo:

“i miei occhi sono rinati”

Non più episodi di DERMATITE

.

.

A questo punto non dobbiamo fare altro che proseguire con il cammino intrapreso, stabilizzando i risultati ottenuti e risolvere il residuale gonfiore addominale.

Ci siamo dati appuntamento per il SECONDO e verosimile ultimo CONTROLLO tra 2 mesi. Nel frattempo ci terremo in contatto per i necessari feedback di reciproco aggiornamento

Il percorso è ormai intrapreso, la paziente è pienamente fiduciosa dell'approccio Nutrizionale Ancestrale ed è assolutamente consapevole che non vi è alcuna necessità di doversi riempire di integratori per stare bene

ma soprattutto ha ottenuto piena fiducia in se stessa.

Si può star bene solo se si RISPETTA IL SISTEMA BIOLOGICO e per far questo è necessario ALIMENTARSI con ciò che la natura ci ha fornito per millenni e non potranno essere né alimenti industriali iper trasformati, né tanto meno FARMACI o INTEGRATORI

.

.

Un caro SALUTO di SALUTE

ai sempre più numerosi

INTERlocutori della Pagina

.

.

Al prossimo caso


122 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page