• SANI E INFORMATI

UNA VITA PIU’ “PALEOLITICA” RIDUCE I FATTORI DI RISCHIO DI MOLTE MALATTIE FATTORI

Aggiornamento: 25 apr 2020

Nascimben Andrea





Uno studio pubblicato su Biomed Res Int. nel 2016; dimostra la grande capacità di adattamento del nostro organismo ad uno stile di vita Paleolitico durato 10 giorni.

(Titolo dello studio: “ Influenza di una mimica di 10 giorni del nostro antico stile di vita su antropometria e parametri del metabolismo e dell'infiammazione: lo studio delle origini")




L'infiammazione cronica di basso grado e l'insulino-resistenza sono entità strettamente correlate ed estremamente comuni nelle malattie croniche di oggi.


E’ stato ipotizzato che un intervento a breve termine basato su "antichi fattori di stress" possa migliorare i dati antropometrici e alcuni indici clinici .


E’ stato quindi realizzato uno studio pilota per capire se una mimica di 10 giorni dello stile di vita di cacciatori-raccoglitori influisce favorevolmente su alcuni indici clinici ( pressione arteriosa, trigliceridi, colesterolo, glicemia, PRC).


Cinquantacinque soggetti apparentemente sani, in 5 gruppi, impegnati in un viaggio di 10 giorni attraverso i Pirenei. Camminavano in media 14 km al giorno, portando uno zaino da 8 chili. Il cibo crudo veniva fornito e in parte auto-preparato, l'acqua è stata ottenuta da rifornimenti durante il cammino.

Dormivano fuori in sacchi a pelo e venivano esposti a temperature che andavano dai 12 ai 42 ° C ( dunque un esposizione climatica non estrema) . Dati antropometrici e campioni di sangue sono stati raccolti al basale e alla fine dello studio.


Sono stati riscontrati importanti cambiamenti significativi nella maggior parte dei risultati clinici ricercati, favorendo un migliore funzionamento metabolico e una migliore antropometria. Affrontare "antichi fattori di stress", tra cui l'esercizio fisico, la sete, la fame e il clima, si è dimostrato determinante per influenzare lo stato immunitario e migliorare i dati antropometrici e indici metabolici nei soggetti sani.




Una cosa che possiamo sostenere con ragionevole certezza è che l'attività fisica , unita ad un regime calorico moderato e costituito da alimenti ancestrali, consente di poter ottenere, in tempi brevi, il recupero della fisiologia ( valori ematochimic, arteriosi, antropometrici) senza l'ausilio di sostanza chimico-farmaceutiche sintomatiche.


Questo, come molti altri studi, hanno dimostrato che il semplice ripristino delle condizioni ambientali d'origine ( nutrizione e attività fisica) è, nella stragrande maggioranza dei casi, sufficiente per rientrare nei range fisiologici (sierologici, antropometrici, cardiovascolari) ed innescare al tempo stesso un VIRTUOSO MECCANISMO di SALUTE in grado di coinvolgere organi, apparati e funzioni.


Adottare una sana e corretta Alimentazione ANCESTRALE non è MAI TROPPO TARDI.



Buona salute a tutti


Condividi Liberamente il Post