• SANI E INFORMATI

ARTRITE REUMATOIDE E DISBIOSI

Nascimben Andrea





Negli ultimi anni, la caratterizzazione e la comprensione del microbiota intestinale sono aumentate e costituiscono un ampio campo di ricerca, soprattutto nelle malattie autoimmuni. Il microbiota intestinale è la principale fonte di microbi che possono esercitare effetti benefici ma anche estremamente patogeni sulla salute umana [ 1 ].



Molti studi mostrano alterazioni nella composizione del microbiota intestinale nelle malattie autoimmuni, come l'artrite reumatoide [ 1 2-3 - 4 ].

I risultati a sostegno dell'idea che l'insorgenza dell'autoimmunità possa essere correlata al tratto gastrointestinale sono i seguenti:


1) la composizione microbica nei soggetti con artrite reumatoide precoce differisce dai controlli, con una riduzione di alcuni batteri appartenenti alla famiglia Bifidobacterium e Bacteroides [ 5 , 6 ] e un marcato aumento di specie appartenenti al genere Prevotella [ 7 ].


2) Nei modelli sperimentali, l'iniezione parenterale di frammenti di alcune proteine (parete cellulare) dei vari batteri intestinali si è dimostrata attivare l’Artrite reumatoide.

[ 7 [ 8 ].


3) La dieta ha dimostrato di influenzare significativamente i livelli di attività infiammatoria [ 9 ]


4) In pazienti con microbioma alterato, una volta riportato parzialmente alla normalità, ha dimostrato miglioramenti clinici [ 8 ].


Quindi, le differenze nella composizione del microbiota intestinale e nella funzione del sistema immunitario potrebbero determinare lo sviluppo della malattia.

Attualmente si sta compiendo un grande sforzo per studiare soggetti con artrite reumatoide in fase preclinica. Alcune pubblicazioni suggeriscono che il trattamento precoce dell'artrite reumatoide porta a migliori risultati a lungo termine e ad un aumento dei tassi di remissione senza farmaci.








Riferimenti bibliografici

1 Luckey D., Gomez A., Murray J., White B., Taneja V. Bugs & us: il ruolo dell'intestino nell'autoimmunità. The Indian Journal of Medical Research . 2013; 138 (5): 732–743. [ Articolo gratuito PMC ] [