• SANI E INFORMATI

DIMINUIRE IL BATTITO/pressione SENZA FARMACI

Nascimben Andrea







Per risolvere o comunque contenere efficacemente le alterazioni che sottendono all’aumento della pressione abbiamo TRE potentissimi strumenti:


1) Fare ovviamente attività fisica perchè significa:

aumentare il rilascio di ossido nitrico, potente vasodilatatore, potenziare gli enzimi anti ossidanti e dunque ridurre la presenza dei ROS ( i cosi detti Radicali Liberi) , migliorare la capacità sistolica (se si fa lavoro aerobico di resistenza, riducendo conseguentemente la frequenza del battito).


Inoltre si riduce notevolmente l'infiammazione sistemica grazie alla riduzione media del livello di glicemia, una condizione al contrario tipica dei soggetti iperalimentati (soprattutto a base di carboidrati) e sedentari.



2) Qui si introduce il secondo strumento anti-ipertensivo: riduzione delle calorie nel loro complesso soprattutto quelle derivanti dai carboidrati (=zuccheri) , significa contenere l infiammazione e la vasocostrizione.


3) Ed infine, ma non per ultimo, mantenere un sano microbioma intestinale, tra i numerosi benefici, svolge anche un ruolo fondamentale nella regolazione arteriosa.

Un eccesso di stimolazione del sistema ortosimpatico, mediato da citochine proinfiammatorie a causa della Disbiosi, “accenderà” il sistema ORTOsimpatico a livello intestinale (Sistema Enterico), generando vasocostrizione.




4) Anche una ridotta emoglobina (anemia) dovuta ad un ridotto assorbimento intestinale di vitaminaB12 porta ad un aumento della frequenza cardiaca per compensare il ridotto apporto di ossigeno ai tessuti.

Ricordiamo che l’assorbimento intestinale di ViTB12 dipende dall’elaborazione che compie il nostro microbioma.



Dunque, sul piano pratico è sufficiente:





A) Ridurre l’ingresso calorico, in primis quello derivante dagli zuccheri