top of page

FIBRE ALIMENTARI E IMPATTO NEUROLOGICO

Nascimben Andrea



Il legame tra il microbiota intestinale e il sistema neurologico è una componente cruciale dell'asse intestino-cervelletto, e che recentemente ha ricevuto molta attenzione. 

L'acido butirrico, prodotto quando le Fibre alimentari vengono fermentate, svolge importanti funzioni metaboliche nei mitocondri. Si ritiene possa modificare la trascrizione genica aumentando l'acetilazione, anche se non sono state ancora effettuate indagini sull'effetto metabolico dell'acido butirrico sul cervello dell’uomo.

Il butirrato è comunque in grado di arrivare al cervello

(STUDIO: Dalile B., Van Oudenhove L., Vervliet B., Verbeke K. Il ruolo degli acidi grassi a catena corta nella comunicazione microbiota-intestino-cervello. Nat. Rev. Gastroenterol. Hepatol. 2019; 16 :461–478. doi: 10.1038/s41575-019-0157-3)



Il butirrato ha tre caratteristiche principali in questo contesto: 


(1) influenza direttamente il metabolismo energetico agendo come substrato di beta-ossidazione

(2) attiva i geni associati alla biogenesi mitocondriale (ad es. PGC1) agendo come inibitore selettivo di HDAC (enzima di de-acetilazione )

(3) influisce su l'acetilazione di un gran numero di proteine 

Alcuni studi hanno dimostrato che praticamente il butirrato è in grado di intervenire su alcuni inibitori dell'HDAC sul metabolismo

(STUDIO: Bourassa MW, Alim I., Bultman SJ, Ratan RR Butirrato, neuroepigenetica e microbioma intestinale: una dieta ricca di fibre può migliorare la salute del cervello? Neurosci. Lett. 2016; 625 :56-63. doi: 10.1016/j.neulet.2016.02.009)



Il butirrato è essenziale per mantenere la stabilità della barriera intestinale perché agisce direttamente sulla regolazione trascrizionale delle cellule epiteliali. Sfortunatamente, l'assunzione di butirrato sta diminuendo con la diminuzione della quantità di fibre nella dieta umana (STUDIO: Coudron O. Rôle de La Nutrition et de La Micronutrition Dans La Lutte Contre Les Troubles de l'humeur. Effettivo. Farm. 2019; 58 :33–38. doi: 10.1016/j.actpha.2019.09.009.)


È noto che lo sviluppo e l'integrità della barriera emato-encefalica è obbligatoria per il sano sviluppo e il corretto funzionamento del cervello. 

Uno studio effettuato su modello animale in cui veniva utilizzata un’'integrazione alimentare con FOS (frutto-oligosaccaridi), dimostrava il rafforzamento della barriera emato encefalica migliorando le condizioni cognitive e la funzionalità dell’'ipotalamo


Sia gli studi epidemiologici che quelli osservazionali hanno esaminato gli effetti di una dieta ricca di fibre sulla memoria e sulla funzione cognitiva. 



I bambini che seguono una dieta ricca di fibre, ad esempio, hanno prestazioni attenzionali superiori (ad esempio, memoria di lavoro, multitasking e concentrazione) rispetto a quelli che seguono una dieta povera di fibre (STUDIO: Tengeler AC, Kozicz T., Kiliaan AJ Relazione tra dieta, microbiota intestinale e funzione cerebrale. Nutr. Rev. 2018; 76 :603–617. doi: 10.1093/nutrit/nuy016.)


Recentemente, alcuni autori hanno scoperto deficit cognitivi (memoria della posizione dell'oggetto, ordine temporale, ecc.) basati su un modello murino di carenza di fibre alimentari a lungo termine, simile a una dieta a basso contenuto di fibre negli esseri umani (LOW FODMAP) 


Inoltre, la disbiosi intestinale ha diminuito la produzione di SCFA e sono stati evidenziati alcuni processi neuroinfiammatori.

Uno studio che ha arruolato 47 volontari, il consumo di inulina arricchita con oligofruttosio ha indotto un aumento della memoria episodica (STUDIO: Smith A., Sutherland D., Hewlett P. Un'indagine sugli effetti acuti dell'inulina arricchita con oligofruttosio sul benessere soggettivo, sull'umore e sulle prestazioni cognitive. Nutrienti. 2015; 7 :8887–8896. doi: 10.3390/nu7115441.)


Studi pubblicati negli ultimi anni hanno dimostrato che le malattie neurodegenerative possono essere collegate a specifici cambiamenti del microbiota intestinale e la presenza di fibre nella dieta sembra essere importante.

 Così, alcuni ricercatori hanno dimostrato in un modello di topo transgenico del morbo di Alzheimer che una dieta ricca di fibre, fenoli e antiossidanti presente in frutta e verdura diminuiva la beta-amiloide e migliorava l'apprendimento e la memoria (STUDIO: Subash S., Essa M., Braidy N., Awlad-Thani K., Vaishnav R., Al-Asmi A., Guillemin G., Al-Adawi S., Subash S. La dieta ricca di frutti di palma da datteri migliora Memoria, apprendimento e riduzione della beta amiloide nel modello murino transgenico della malattia di Alzheimer. J.Ayurveda integratore. Med. 2015; 6 :111. doi: 10.4103/0975-9476.159073)


Mentre le argomentazioni scientifiche sugli usi benefici del butirrato in modelli animali per il morbo di Parkinson sono già state pubblicate. e un'attenta selezione della fibra pre butiro genica (o di nuove strategie basate sul microbiota intestinale) sembra che sia già oggetto di studi recenti (STUDIO: Zhu X., Li B., Lou P., Dai T., Chen Y., Zhuge A., Yuan Y., Li L. La relazione tra il microbioma intestinale e le malattie neurodegenerative. Neurosci. Toro. 2021; 37 : 1510-1522. doi: 10.1007/s12264-021-00730-8)


Quest'altro studio conferma l'importanza della nutrizione della malattia del Parkinson

(STUDIO: Lorente-Picón M., Laguna A. Nuove strade per la terapia della malattia di Parkinson: strategie di modifica della malattia basate sul microbiota intestinale. Biomolecole. 2021; 11 :433. doi: 10.3390/biom11030433.)




L'attivazione di neurotrofine mediante l'integrazione di FOS potrebbe invertire lo sviluppo di fenotipi ansioso-depressivi indotti da alimentazione ad alto contenuto di grassi  È noto che la dieta ad alto HFHS induce un'elevata secrezione di corticosterone nei topi (STUDIO:Appiakannan HS, Rasimowicz ML, Harrison CB, Weber ET Effetti differenziali della dieta ricca di grassi sulla tolleranza al glucosio, sull'assunzione di cibo e sulla regolazione dei glucocorticoidi nei topi maschi C57BL/6J e BALB/CJ. Fisiolo. Comportamento 2020; 215 :112773. doi: 10.1016/j.physbeh.2019.112773.)


L'integrazione di FOS corregge questa ipersecrezione (causando una diminuzione del 36%) e migliora i fenotipi ansioso-depressivi indotti da HFHS. Pertanto, l'induzione di NGI potrebbe essere un regolatore comune delle funzioni metaboliche ed emotive dell'ipotalamo (STUDIO:151. Forte N., Fernández-Rilo AC, Palomba L., Di Marzo V., Cristino L. Obesity Affects the Microbiota-Gut-Brain Axis and the Regulation of Endocannabinoids and Related Mediators. Int. J. Mol. Sci. 2020; 21 :1554. doi: 10.3390/ijms21051554)


Inoltre, la dieta integrata con galatto-oligosaccaridi (GOS) per tre settimane, ha ridotto la risposta del cortisolo al risveglio e alterato il pregiudizio emotivo nei volontari sani rispetto a un placebo (maltodestrina)

(STUDIO: 153. Schmidt K., Cowen PJ, Harmer CJ, Tzortzis G., Errington S., L'assunzione prebiotica di Burnet PWJ riduce la risposta al cortisolo al risveglio e altera i pregiudizi emotivi nei volontari sani. Psicofarmacologia. 2015; 232 : 1793-1801. doi: 10.1007/s00213-014-3810-0.)



In conclusione anche in questo caso l’assunzione regolare di cibi ricchi di Fibre alimentari, polifenoli e vitamine dimostrano una spiccata capacità nel ridurre la Neuroinfiammazione

Ecco perchè risulta indicata la regolare assunzione di cibi a base vegetale evitando di seguire metodologie alimentari che le escludono.


Non dobbiamo fare altro che rispettare la nostra storia evoluzionistica


Buona Informazione a tutti

Al prossimo articolo















Nella battaglia contro i disturbi dell'umore appare utile una strategia dietetica e di micronutrienti. La neuro-nutrizione è una specialità medica che si concentra sul miglioramento delle prestazioni del sistema nervoso e della psiche. Questo fa uso di macro e micronutrienti, oltre a metodi neuroscientifici complementari. Le fibre prebiotiche, come FOS o GOS, sono attualmente gli psicobiotici più utilizzati, poiché aiutano il microbiota a funzionare correttamente su base giornaliera e regolare. Potrebbero offrire risposte di ansia inferiori e aumentare l'adattabilità allo stress [ 140 ].


27 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page