top of page

FIBRE ALIMENTARI E MICROBIOMA INTESTINALE


Nascimben Andrea


Il microbiota del tratto gastrointestinale negli esseri umani è composto da batteri, funghi, archaea, protozoi e virus. Più del 90% dei 12 diversi phyla sono Proteobacteria , Firmicutes , Actinobacteria e Bacteroidetes , mentre i principali “enterotipi” sono del genere Bacteroides , Ruminococcus e Prevotella (STUDIO: Lazar V., Ditu L.-M., Pircalabioru GG, Picu A., Petcu L., Cucu N., Chifiriuc MC Gut Microbiota, Host Organism, and Diet Trialogue in Diabetes and Obesity. Davanti. Nutr. 2019)


La disbiosi, o squilibri nella composizione del microbiota, è stata collegata a disturbi digestivi (morbo di Crohn, sindrome dell'intestino irritabile, ecc.), metabolici (obesità, diabete, ecc.) e di altro tipo come allergie, autismo, ecc. (STUDIO: Pulikkan J., Mazumder A., ​​Grace T. Recensioni sugli studi sui biomarcatori nei disturbi psichiatrici e neurodegenerativi. primavera; Berlino/Heidelberg, Germania: 2019. Ruolo del microbioma intestinale nei disturbi dello spettro autistico; pp. 253–269)


Sebbene questi disturbi siano probabilmente complessi, la ricerca attuale considera sempre più il microbioma come un componente da non trascurare quando si prevengono o si curano alcune di queste malattie. Le attuali strategie terapeutiche si concentrano, tra l'altro, sull'uso di probiotici e/o prebiotici.


Il microbiota degrada la fibra alimentare, rilasciando una sequenza di sostanze chimiche antiossidanti e antinfiammatorie biodisponibili per l'ospite (gli ospiti siamo noi)


Pertanto, la scomposizione delle fibre alimentari da parte del microbiota del colon ha un ruolo nell'evitare una varietà di malattie, tra cui cancro del colon-retto, colite e infezioni, ma anche disturbi metabolici come Diabete, malattie cardiovascolari e obesità ( STUDIO: Mosoni P. Dégradation Des Fibers Alimentaires Par Le Microbiote Colique de l'Homme. Innov. Agron. INRAE. 2014), rafforzando il Sistema Immunitario e detossificando dai farmaci i (STUDIO: Kieffer DA, Martin RJ, Adams SH Impatto delle fibre alimentari sulla gestione dei nutrienti e organi di disintossicazione: intestino, fegato e reni. Avv. Nutr. Un Int. Rev. J. 2016)




In questi ultimi 40-50 anni, il consumo di fibre alimentari è significativamente diminuito, mentre il consumo di zuccheri e proteine ​​animali è sensibilmente aumentato, abitudini nutrizionali che hanno ridotto la biodiversità microbica dell'intestino, favorendo lo sviluppo di malattie infiammatorie croniche (STUDIO: Makki K., Deehan EC, Walter J., Bäckhed F. L'impatto della fibra alimentare sul microbiota intestinale nella salute e nella malattia dell'ospite. Microbo ospite cellulare. 2018)

.

I prebiotici sono fibre alimentari che incoraggiano specificamente lo sviluppo e/o l'attività dei batteri intestinali collegati alla salute e al benessere dell'ospite, riducendo la prevalenza e la durata della diarrea infettiva o associata agli antibiotici e normalizzando il transito intestinale.


Inoltre i prebiotici hanno dimostrato la riduzione dei sintomi associati alle malattie infiammatorie dell'apparato digerente, esercitano un effetto protettivo contro il cancro del colon-retto, riducono il rischio di malattie cardiovascolari, aumentano la sazietà e favoriscono la perdita di peso (e quindi la prevenzione dell'obesità).



Inoltre le FIBRE riducono in modo significativo il rischio di allergie (STUDIO: Mosoni P. Dégradation Des Fibres Alimentaires Par Le Microbiote Colique de l’ Homme. Innov. Agron. INRAE. 2014; STUDIO: Ioniță A.C. In Vitro Effects of Some Synthesized Aminoacetanilide N’-Substituted on Human Leukocytes Separated From Peripheral Blood. Farmacia. 2019;67:684–690. doi: 10.31925/farmacia.2019. STUDIO: Kieffer D.A., Martin R.J., Adams S.H. Impact of Dietary Fibers on Nutrient Management and Detoxification Organs: Gut, Liver, and Kidneys. Adv. Nutr. An Int. Rev. J. 2016)



I carboidrati a catena corta funzionano come prebiotici, promuovendo la crescita di batteri benefici nell'intestino, come ad esempio, l'INULINA, un polimero di fruttosio solubile in acqua con un grado di polimerizzazione da 2 a 60 molecole.


L'inulina subisce l'ossidazione fermentativa nel segmento terminale dell'intestino tenue e nel colon, determinando la creazione di elevate quantità di SCFA, stimolando la crescita dei ceppi di Bifidobacterium, noti batteri Probiotici essenziali per il mantenimento dell'omeostasi del nostro organismo (STUDIO: Howlett J., Betteridge V., Champ M., Craig SS, Meheust A., Jones JM The Definition of Dietary Fiber — Discussions at the Inth Vahouny Fiber Symposium: Building Scientific Agreement. Cibo Nutr. Ris. 2010)


L'acido propionico viene assorbito nella vena porta e raggiunge il fegato, dove viene metabolizzato dalla gluconeogenesi, un acido grasso a corta catena in grado di attivare i recettori FFAR2, con un ruolo nella stimolazione del sistema immunitario. Inoltre, alcuni studi hanno confermato l'inibizione della sintesi epatica del colesterolo in presenza di propionato (STUDIO: Den Besten G., van Eunen K., Groen AK, Venema K., Reijngoud D.-J., Bakker BM Il ruolo degli acidi grassi a catena corta nell'interazione tra dieta, microbiota intestinale e metabolismo energetico dell'ospite. J. Lipid Res. 2013)


Le fibre alimentari solubili svolgono un ruolo importante nel riequilibrio del microbioma intestinale (attraverso la proliferazione di batteri intestinali delle specie appartenenti ai generi Eubacterium , Bifidobacterium e Lactobacillus), motivo per cui è consigliato sia nel trattamento della stitichezza che nel trattamento della diarrea.


E' noto il ruolo dei microrganismi intestinali nel raggiungimento di una digestione ottimale, nella sintesi della vitamina K e nell'assorbimento di alcuni mineral.


Inoltre, alcuni studi mettono in relazione il microbioma intestinale con le funzioni del sistema immunitario (attivazione FFAR2 da parte degli SCFA) e con la salute del sistema nervoso centrale (STUDIO: De Vuyst L., Leroy F. L'alimentazione incrociata tra bifidobatteri e batteri del colon produttori di butirrato spiega la competitività dei bifdobatteri, la produzione di butirrato e la produzione di gas. Int. J. Microbiolo alimentare. 2011)







Acidi grassi a corta catena (SCFA)


Le cellule dell'epitelio del colon usano l'acido butirrico come substrato energetico. L'acido butirrico è coinvolto nella modulazione della crescita delle cellule epiteliali intestinali, con benefici nella prevenzione e nel trattamento dei tumori del colon.


Le specie di batteri butirrogenici sono Faecalibacterium prausnitzii ed Eubacterium rectale .


L'acido butirrico è una fonte di energia per le cellule del tratto digestivo. Ciò è stato evidenziato dalla misurazione comparativa dell'ATP prodotto da colonociti semplici e colonociti popolati da batteri specifici del microbioma intestinale. Le cellule intestinali murine non popolate con batteri avevano un rapporto NADH/NAD + che era 16 volte inferiore rispetto alle cellule omonime popolate con batteri intestinali. Anche il livello di ATP risultante era inferiore del 56% (STUDIO: Gill SR, Pop M., DeBoy RT, Eckburg PB, Turnbaugh PJ, Samuel BS, Gordon JI, Relman DA, Fraser-Liggett CM, Nelson KE Analisi metagenomica del microbioma intestinale distale umano. Scienza. 2006)


Il butirrato promuove il ricambio cellulare dell'epitelio del colon ma, paradossalmente, ha un effetto inibitorio sui tumori colorettali. Questo fenomeno è spiegato dal caratteristico effetto Warburg delle cellule tumorali. I colonociti non cancerosi utilizzano l'ossigeno per produrre energia (glicolisi aerobica), mentre i colonociti cancerosi producono energia mediante glicolisi anaerobica, anche se l'ossigeno è disponibile.



Ancora una volta la conclusione non può che essere univoca :

i PREBIOTICI sono composti vitali allo sviluppo di specie batteriche simbiotiche e questi substrati sono contenuti esclusivamente in cibi vegetali come Cereali Integrali, Legumi, semi vegetali, Frutta e Verdura


Un altro piccolo spunto alla Riflessione ....





125 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page