top of page

L'INTEGRAZIONE PROBIOTICA MIGLIORA LO STATO INFIAMMATORIO NEI PAZIENTI CON A. REUMATOIDE

Aggiornamento: 17 set 2019

Nascimben Andrea





Nutrizione. 2014 aprile; 30 (4): 430-5. doi: 10.1016 / j.nut.2013.09.007. Epub 2013 dic 17.

L'integrazione probiotica migliora lo stato infiammatorio nei pazienti con artrite reumatoide.




1

Dipartimento di Nutrizione, Biochimica e Terapia della Dieta, Facoltà di Nutrizione, Tabriz University of Medical Sciences, Tabriz, Iran.

2

Dipartimento di nutrizione comunitaria, Facoltà di nutrizione, Tabriz University of Medical Sciences, Tabriz, Iran.

3

Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari, Facoltà di Nutrizione, Università Tabriz di Scienze Mediche, Tabriz, Iran. Indirizzo elettronico: Homayounia@tbzmed.ac.ir.

4

Dipartimento di Reumatologia, Facoltà di Medicina, Tabriz University of Medical Sciences, Tabriz, Iran.

5

Centro di ricerca sulla prevenzione degli infortuni nel traffico stradale, Facoltà di salute, Tabriz University of Medical Sciences, Tabriz, Iran.

6

Dipartimento di sanità pubblica e gestione, Facoltà di salute, Tabriz University of Medical Sciences, Tabriz, Iran.


Astratto


OBIETTIVI:

L'artrite reumatoide (RA) è una malattia autoimmune infiammatoria in cui il microbiota intestinale è alterato. I probiotici sono microrganismi che possono normalizzare il microbiota intestinale; quindi, possono aiutare ad alleviare i sintomi dell'AR. L'obiettivo della presente sperimentazione clinica era di valutare gli effetti dell'integrazione probiotica sull'attività della malattia e le citochine infiammatorie nei pazienti con AR.


METODI:

Quarantasei pazienti con AR sono stati assegnati in due gruppi in questo studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. I pazienti del gruppo probiotico hanno ricevuto una capsula giornaliera contenente un minimo di 10 (8) unità formanti colonia di Lactobacillus casei 01 per 8 sett. Il gruppo placebo ha preso capsule riempite con maltodestrina per lo stesso periodo di tempo. Sono stati raccolti questionari, misurazioni antropometriche e campioni di sangue a digiuno, e i partecipanti sono stati valutati da un reumatologo al basale e alla fine dello studio.


RISULTATI:

Il punteggio di attività della malattia era significativamente diminuito dall'intervento e c'era una differenza significativa tra i due gruppi alla fine dello studio (P <0,01). Tre delle citochine proinfiammatorie sieriche valutate (fattore di necrosi tumorale-a, interleuchina-6 e interleuchina-12) diminuivano significativamente nel gruppo probiotico (P <0,05); tuttavia, i livelli sierici di interleuchina-1 β non erano significativamente influenzati dal probiotico (P = 0,22). Il livello sierico di citochina regolatrice (interleuchina-10) è stato aumentato dall'integrazione (P <0,05). La proporzione di interleuchina-10 a interleuchina-12 è stata significativamente aumentata anche nel gruppo probiotico.


CONCLUSIONI:

La supplementazione di casei 01 ha migliorato l'attività della malattia e lo stato infiammatorio dei pazienti con AR. Ulteriori studi sono giustificati per confermare questi risultati e tale conferma può portare all'introduzione di probiotici come terapia aggiuntiva per questa popolazione.


Condividi Liberamente questo Post

TUTELA LA TUA SALUTE


122 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page