• SANI E INFORMATI

L’INTESTINO DEL IL BAMBINO ALLA NASCITA E’ STERILE ?


Proviamo a rispondere riportando ciò che dice la letteratura

Nascimben Andrea







Per adesso, sull’uomo, molti indizi e solo ipotesi. Su invertebrati e molti vertebrati invece una certezza scientifica.


Il paradigma dell'utero sterile è una premessa duratura in biologia secondo cui i bambini umani nascono sterili.


Studi recenti suggeriscono che i neonati incorporano un microbioma iniziale prima della nascita e ricevono una copiosa integrazione di microbi materni attraverso la nascita e l'allattamento. Inoltre, le prove della trasmissione materna microbica sono sempre più diffuse tra gli animali.


Mentre il microbiota umano comprende solo l'1–3% della massa corporea totale di un individuo, questa piccola percentuale rappresenta oltre 1 milione di miliardi di cellule microbiche, superando in numero le cellule umane da 10 a 1 e aggiungendo oltre 8 milioni di geni al nostro insieme di 27.000 [1] , [2 ] .





Questa complessità stabilisce una rete di interazioni tra il genoma ospite e il microbioma che attraversano lo sviluppo dell'intestino [3] , la digestione [4] , [5] , lo sviluppo delle cellule immunitarie [6] - [8] , la salute dentale [9] , [10] , e resistenza ai patogeni [11] , [12].


Studi recenti hanno anche fornito una maggiore comprensione di come cambia la composizione del microbiota di un individuo durante lo sviluppo, specialmente durante il primo anno di vita [3] , [13] .


Mentre il dogma generale è che la barriera placentare mantiene sterili i bambini durante la gravidanza, una crescente evidenza suggerisce che l'inoculo iniziale di un bambino può essere fornito dalla madre prima della nascita [14] - [18] ed è integrato dai microbi materni attraverso il parto [19] e sucessivamente dai processi di allattamento al seno [20] , [21] .



Trasmissione materna interna

A cavallo del ventesimo secolo, il pediatra francese Henry Tissier affermò che i bambini umani si sviluppano in un ambiente sterile e acquisiscono il loro iniziale inoculo batterico mentre viaggiano attraverso il canale del parto materno [28] .


Più di un secolo dopo, l'ipotesi dell'utero sterile rimane dogma, poiché ogni presenza batterica nell'utero è considerata pericolosa per il bambino.


In effetti, gli studi sui parto pretermine hanno trovato una forte correlazione tra infezioni intrauterine e parto pretermine, specialmente quando la nascita avviene meno di 30 settimane dopo la gravidanza [29] , [30] .


Poiché la nascita pretermine è la principale causa di mortalità infantile in tutto il mondo [31], molta attenzione si è concentrata sull'identificazione dei colpevoli batterici responsabili del travaglio pretermine spontaneo.


Sorprendentemente, la maggior parte dei batteri rilevati nelle infezioni intrauterine si trova comunemente nel tratto vaginale femminile [29] e il rischio di parto pretermine è notevolmente aumentato nelle donne con diagnosi di vaginosi batterica durante la gravidanza [32] .


Indagini sul potenziale di trasmissione batterica attraverso la barriera placentare hanno rilevato batteri nel sangue del cordone ombelicale [17] , liquido amniotico [14] , [35] e membrane fetali [35] , [36] da bambini senza alcuna indicazione di infiammazione ( Figura 1). Inoltre, il primo movimento intestinale postpartum di un liquido amniotico ingerito (meconio) non è sterile come precedentemente ipotizzato, ma ospita invece una complessa comunità di microbi, sebbene meno diversificata di quella degli adulti [18] , [37] .


Una possibilità è che i batteri viaggino verso la placenta attraverso il flusso sanguigno dopo la traslocazione dell'epitelio intestinale. Mentre la barriera epiteliale intestinale generalmente impedisce l'ingresso microbico nel sistema circolatorio, le cellule dendritiche possono penetrare attivamente nell'epitelio intestinale, assorbire i batteri dal lume intestinale e trasportare i batteri vivi in ​​tutto il corpo mentre migrano verso gli organi linfoidi [38] , [ 39].


Insomma ad oggi, sappiamo ancora molto poco sul numero e l'identità dei microbi innocui che attraversano la placenta, se persistono nel bambino o se la loro presenza ha conseguenze sulla salute a lungo termine per il bambino.





Quello che sappiamo oggi con certezza


La trasmissione materna esterna comprende qualsiasi trasferimento di simbionti materni alla prole durante o dopo la nascita.

I bambini umani vengono "imbrattati" di microbi vaginali e fecali materni mentre escono dal canale del parto [60] - [62] ( Figura 1). Diversi studi hanno dimostrato che il microbiota neonatale umano in tutti gli habitat del corpo (pelle, orale, rinofaringeo e intestino) è influenzato dal loro modo di consegna [19] , [63] - [65] , con neonati nati che acquisiscono vagamente microbi comuni in la vagina femminile mentre i neonati con taglio cesareo mostrano un microbiota più simile a quello della pelle umana [19] .


Inoltre, mentre il microbiota di un neonato consegnato vaginale si raggruppa con i batteri vaginali di sua madre, il microbiota dei bambini di sezione C non è più correlato alla flora cutanea di sua madre rispetto a quello di uno sconosciuto, indicando che la maggior parte dei microbi viene trasmessa a il neonato da quelli che gestiscono il bambino [19].


È importante sottolineare che i dati epidemiologici suggeriscono che un parto cesareo può avere conseguenze a lungo termine sulla salute di un bambino, in particolare per quanto riguarda le malattie immuno-mediate. Ad esempio, i bambini nati con taglio cesareo hanno significativamente più probabilità di sviluppare rinite allergica [66] , asma [66] , celiachia [67] , diabete di tipo 1 [68] e malattia infiammatoria intestinale [69] .



Queste statistiche sono allarmanti dato che il 32,8% di tutte le nascite negli Stati Uniti nel 2010 è stato consegnato tramite taglio cesareo con tassi simili in aumento nella maggior parte dei paesi sviluppati [70] .

Il più alto tasso di malattie immuno-mediate nei bambini con taglio cesareo può indicare che i microbi vaginali o fecali trasferiti maternamente sono unici nella loro capacità di suscitare la maturazione immunitaria nel neonato.


Lo sviluppo della mucosa intestinale e dei tessuti linfoidi secondari nell'intestino dipende dal riconoscimento dei componenti microbici da parte dei recettori del riconoscimento dei pattern sulle cellule epiteliali intestinali (rivisto in [71] , [72]).




È possibile che questi recettori non possano interagire correttamente con la comunità di microbi acquisiti durante il parto cesareo, portando a uno sviluppo immunitario interrotto e ad un aumentato rischio di disturbi immuno-mediati nei bambini con taglio cesareo.


Al contrario, la trasmissione per migliaia di anni di microbi vaginali e fecali alla nascita ha probabilmente prodotto interazioni specifiche uomo-microbo importanti per lo sviluppo dell'intestino neonatale.


In effetti, uno studio recente ha scoperto che la comunità microbica vaginale cambia durante la gravidanza, diventando meno diversificata man mano che la gravidanza avanza [73] ; tuttavia, nonostante la generale diminuzione della ricchezza, alcuni LactobacillusLe specie batteriche si arricchiscono nella comunità vaginale durante la gravidanza e si ipotizza che siano importanti per stabilire il microbiota gastrointestinale superiore neonatale dopo il parto vaginale [73] .


L'allattamento al seno fornisce una via secondaria di trasmissione microbica materna come mostrato nell'uomo (rivisto in [74] , Figura 1 ) e nei primati non umani come le scimmie rhesus [75] .


Nell'uomo, i microbi del latte materno sono implicati nello sviluppo del sistema immunitario infantile [76] , nella resistenza alle infezioni [77] e nella protezione contro lo sviluppo di allergie e asma più avanti nell'infanzia [74] .


Il sequenziamento ad alto rendimento del latte materno di 16 donne sane ha identificato tra 100 e 600 specie di batteri in ciascun campione con nove generi presenti in ogni campione: Staphylococcus , Streptococcus , Serratia ,Pseudomonas , Corynebacterium , Ralstonia , Propionibacterium , Sphingomonas e Bradyrhizobiaceae [78] . Questo microbioma del latte "core" rappresentava circa il 50% di tutti i batteri in ciascun campione, con l'altra metà che rappresenta la variazione individuale nella composizione microbica [78] .


Uno studio simile ha scoperto che la composizione batterica nel latte materno cambia nel tempo: il latte prodotto immediatamente dopo il travaglio ospitava più batteri dell'acido lattico insieme a Staphylococcus , Streptococcus e Lactococcus, mentre il latte materno dopo sei mesi di allattamento ha avuto un aumento significativo degli abitanti tipici della cavità orale, come Veillonella , Leptotrichia e Prevotella [79] , forse per adescare il bambino per passare al cibo solido.


Tuttavia, come con qualsiasi studio basato sul DNA e indipendente dalla cultura che non discrimina tra batteri vivi e morti, il numero e l'identità dei batteri rilevati in questi studi dovrebbero essere interpretati con una certa cautela.

Dato che il latte viene prodotto temporaneamente solo nella vita di una donna, l'origine dei microbi del latte è ancora in qualche modo un mistero.


Il latte materno era tradizionalmente ritenuto sterile; tuttavia, il colostro (il primo latte prodotto dopo il parto) raccolto asetticamente ospita già centinaia di specie batteriche [79] .



Il latte materno condivide molti taxa con il microbiota presente sul tessuto cutaneo sebaceo attorno al capezzolo [78] , [80] e alti livelli di streptococco nel latte materno possono essere il risultato di un flusso retrogrado dalla cavità orale di un bambino ai dotti del latte durante l'allattamento [81] poiché lo streptococco è il filotipo dominante nella saliva infantile [82].


Tuttavia, la presenza di batteri intestinali anaerobici nel latte umano suggerisce che esiste anche una via di trasferimento entero-mammaria che può utilizzare cellule dendritiche fagocitiche per trasportare i microbi intestinali verso le ghiandole mammarie, simile al trasferimento microbico al liquido amniotico come discusso in precedenza.


A sostegno di questa ipotesi, Perez et al. [40] hanno trovato ceppi identici di batteri nelle cellule del latte, delle cellule del sangue e dei campioni fecali di donne che allattano, ma sono necessari ulteriori lavori per collegare direttamente la traslocazione batterica nell'intestino con l'incorporazione nel latte materno.



Nel complesso, la trasmissione materna di microbi benefici nell'uomo ha una rilevanza diffusa per la salute umana. L'evoluzione con questi microbi ha portato alla nostra dipendenza da essi per la corretta maturazione e sviluppo del sistema immunitario e del tratto gastrointestinale.

In qualche modo paradossalmente, la medicina moderna progettata per prevenire la mortalità infantile (come il taglio cesareo di emergenza e l'alimentazione artificiale) ha probabilmente contribuito all'aumento delle malattie immuno-mediate nei paesi sviluppati a causa della mancanza intrinseca di esposizione ai microbi materni associati a queste pratiche.







Riferimenti

1. Gill SR, Pop M, Deboy RT, Eckburg PB, Turnbaugh PJ, et al. (2006) Analisi metagenomica del microbioma intestinale distale umano . Scienza 312 : 1355–1359. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

2. Whitman WB, Coleman DC, Wiebe WJ (1998) Procarioti: la maggioranza invisibile . Proc Natl Acad Sci USA 95 : 6578–6583. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

3. Murgas Torrazza R, Neu J (2011) Lo sviluppo del microbioma intestinale e il suo rapporto con la salute e le malattie nel neonato . J Perinatol 31 Suppl 1 : S29–34. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

4. Ley RE, Turnbaugh PJ, Klein S, Gordon JI (2006) Ecologia microbica: microbi intestinali umani associati all'obesità . Natura 444 : 1022-1023. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

5. Turnbaugh PJ, Ley RE, Mahowald MA, Magrini V, Mardis ER, et al. (2006) Un microbioma intestinale associato all'obesità con maggiore capacità di raccolta di energia . Natura 444 : 1027-1031. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

6. Round JL, Lee SM, Li J, Tran G, Jabri B, et al. (2011) La via del recettore 2 Toll-like stabilisce la colonizzazione da parte di un commensale del microbiota umano . Scienza 332 : 974-977. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

7. Ivanov II, Frutos Rde L, Manel N, Yoshinaga K, Rifkin DB, et al. (2008) Il microbiota specifico dirige la differenziazione delle cellule T-helper produttrici di IL-17 nella mucosa dell'intestino tenue . Microbo ospite cellulare 4 : 337–349. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

8. Ivanov II, Atarashi K, Manel N, Brodie EL, Shima T, et al. (2009) Induzione di cellule Th17 intestinali da parte di batteri filamentosi segmentati . Cella 139 : 485–498. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

9. Ling Z, Kong J, Jia P, Wei C, Wang Y, et al. (2010) Analisi del microbiota orale nei bambini con carie dentale mediante PCR-DGGE e pirosequenziamento con codice a barre . Microb Ecol 60 : 677–690. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

10. Colombo AV, Silva CM, Haffajee A, Colombo AP (2006) Identificazione di batteri orali associati a cellule epiteliali crevicolari da lesioni croniche di parodontite . J Med Microbiol 55 : 609–615. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

11. Candela M, Perna F, Carnevali P, Vitali B, Ciati R, et al. (2008) Interazione di ceppi probiotici di Lactobacillus e Bifidobacterium con cellule epiteliali intestinali umane: proprietà di adesione, competizione contro enteropatogeni e modulazione della produzione di IL-8 . Int J Food Microbiol 125 : 286–292. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

12. Fukuda S, Toh H, Hase K, Oshima K, Nakanishi Y, et al. (2011) I bifidobatteri possono proteggere dall'infezione enteropatogena attraverso la produzione di acetato . Natura 469 : 543–547. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

13. Palmer C, Bik EM, DiGiulio DB, Relman DA, Brown PO (2007) Sviluppo del microbiota intestinale infantile umano . PLoS Biol 5 : e177 doi: 10.1371 / journal.pbio.0050177 [ articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

14. Bearfield C, Davenport ES, Sivapathasundaram V, Allaker RP (2002) Possibile associazione tra infezione da microrganismi fluidi amniotici e microflora in bocca . BJOG 109 : 527-533. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

15. DiGiulio DB, Romero R, Amogan HP, Kusanovic JP, Bik EM, et al. (2008) Prevalenza microbica, diversità e abbondanza nel liquido amniotico durante il travaglio pretermine: un'indagine molecolare e basata sulla cultura . PLoS ONE 3 : e3056 doi: 10.1371 / journal.pone.0003056 [ articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

16. DiGiulio DB (2012) Diversità di microbi nel liquido amniotico . Semin Fetal Neonatal Med 17 : 2–11. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

17. Jimenez E, Fernandez L, Marin ML, Martin R, Odriozola JM, et al. (2005) Isolamento di batteri commensali dal sangue del cordone ombelicale di neonati sani nati da taglio cesareo . Curr Microbiol 51 : 270–274. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

18. Jimenez E, Marin ML, Martin R, Odriozola JM, Olivares M, et al. (2008) Il meconio di neonati sani è effettivamente sterile? Res Microbiol 159 : 187–193. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

19. Dominguez-Bello MG, Costello EK, Contreras M, Magris M, Hidalgo G, et al. (2010) La modalità di parto modella l'acquisizione e la struttura del microbiota iniziale attraverso più habitat corporei nei neonati . Proc Natl Acad Sci USA 107 : 11971-11975. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

20. Gronlund MM, Gueimonde M, Laitinen K, Kociubinski G, Gronroos T, et al. (2007) Il latte materno materno e i bifidobatteri intestinali guidano lo sviluppo compositivo del microbiota di Bifidobacterium nei neonati a rischio di malattia allergica . Clin Exp Allergy 37 : 1764–1772. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

21. Martin V, Maldonado-Barragan A, Moles L, Rodriguez-Banos M, Campo RD, et al. (2012) Condivisione di ceppi batterici tra latte materno e feci infantili . J Hum Lact 28 : 36–44. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

22. Buchner P (1965) Endosimbiosi di animali con microrganismi vegetali. New York: Interscience Publishers.

23. Douglas AE (1998) Interazioni nutrizionali nelle simbiosi insetto-microbiche: afidi e loro batteri simbiotici Buchnera . Annu Rev Entomol 43 : 17–37. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

24. Feldhaar H, Gross R (2009) Insetti come ospiti di batteri mutualistici . Int J Med Microbiol 299 : 1–8. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

25. Douglas AE (1989) Simbiosi dei micetociti negli insetti . Biol Rev Camb Philos Soc 64 : 409–434. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

26. Baumann P (2005) Endosimbionti associati alla batterio-biologia di insetti vegetali che succhiano la linfa . Annu Rev Microbiol 59 : 155–189. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

27. Bright M, Bulgheresi S (2010) Un viaggio complesso: trasmissione di simbioni microbiche . Nat Rev Microbiol 8 : 218–230. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

28. Tissier H (1900) Recherches sur la flore intestinale des nourrissons (état normal et pathologique). Parigi: G. Carre e C. Naud.

29. Goldenberg RL, Hauth JC, Andrews WW (2000) Infezione intrauterina e parto pretermine . N Engl J Med 342 : 1500–1507. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

30. Goncalves LF, Chaiworapongsa T, Romero R (2002) Infezione intrauterina e prematurità . Ment Retard Dev Disabil Res Rev 8 : 3–13. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

31. Lawn JE, Cousens S, Zupan J (2005) 4 milioni di morti neonatali: quando? Dove? Perché? Lancet 365 : 891-900. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

32. Fiscella K (1996) Disparità razziali nelle nascite pretermine. Il ruolo delle infezioni urogenitali . Rep. Sanità pubblica 111 : 104–113. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

33. Ravel J, Gajer P, Abdo Z, Schneider GM, Koenig SS, et al. (2011) Microbioma vaginale di donne in età riproduttiva . Proc Natl Acad Sci USA 108 Suppl 1 : 4680–4687. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

34. Menon R, Dunlop AL, Kramer MR, Fortunato SJ, Hogue CJ (2011) Una panoramica delle disparità razziali nei tassi di natalità pretermine: causate da infezione o risposta infiammatoria? Acta Obstet Gynecol Scand 90 : 1325–1331. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

35. Rautava S, Collado MC, Salminen S, Isolauri E (2012) I probiotici modulano l'interazione ospite-microbo nella placenta e nell'intestino fetale: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo . Neonatologia 102 : 178–184. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

36. Steel JH, Malatos S, Kennea N, Edwards AD, Miles L, et al. (2005) I batteri e le cellule infiammatorie nelle membrane fetali non causano sempre parto pretermine . Pediatr Res 57 : 404–411. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

37. Gosalbes MJ, Llop S, Valles Y, Moya A, Ballester F, et al. (2013) I tipi di microbiota di meconio dominati dall'acido lattico o dai batteri enterici sono associati in modo differenziale con eczema materno e problemi respiratori nei neonati . Clin Exp Allergy 43 : 198–211. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

38. Vazquez-Torres A, Jones-Carson J, Baumler AJ, Falkow S, Valdivia R, et al. (1999) Diffusione extraintestinale di Salmonella da parte di fagociti che esprimono CD18 . Natura 401 : 804–808. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

39. Rescigno M, Urbano M, Valzasina B, Francolini M, Rotta G, et al. (2001) Le cellule dendritiche esprimono proteine ​​a giunzione stretta e penetrano nei monostrati epiteliali intestinali per campionare i batteri . Nat Immunol 2 : 361–367. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

40. Perez PF, Dore J, Leclerc M, Levenez F, Benyacoub J, et al. (2007) Imprinting batterico del sistema immunitario neonatale: lezioni dalle cellule materne? Pediatria 119 : e724–732. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

41. Schmitt S, Angermeier H, Schiller R, Lindquist N, Hentschel U (2008) Indagine sulla diversità microbica molecolare degli stadi riproduttivi delle spugne e approfondimenti meccanicistici sulla trasmissione verticale dei simbionti microbici . Appl Environ Microbiol 74 : 7694–7708. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

42. Enticknap JJ, Kelly M, Peraud O, Hill RT (2006) Caratterizzazione di un simbionte alfaproteobatterico coltivabile comune a molte spugne marine e prove per la trasmissione verticale attraverso larve di spugna . Appl Environ Microbiol 72 : 3724–3732. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

43. Schmitt S, Weisz JB, Lindquist N, Hentschel U (2007) Trasmissione verticale di un consorzio microbico filogeneticamente complesso nella spugna vivipara Ircinia felix . Appl Environ Microbiol 73 : 2067–2078. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

44. Ereskovsky AV, Gonobobleva E, Vishnyakov A (2005) Prove morfologiche per la trasmissione verticale di batteri simbiotici nella spugna vivipara Halisarca dujardini Johnston (Porifera, Demospongiae, Halisarcida) . Marine Biol 146 : 869–875. [ Google Scholar ]

45. Sharp KH, Eam B, Faulkner DJ, Haygood MG (2007) Trasmissione verticale di diversi microbi nella spugna tropicale Corticium sp . Appl Environ Microbiol 73 : 622–629. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

46. Cary SC, Giovannoni SJ (1993) Eredità transovariale di batteri endosimbiotici in vongole che abitano prese d'aria idrotermali di acque profonde e infiltrazioni fredde . Proc Natl Acad of Sci USA 90 : 5695–5699. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

47. Peek AS, Feldman RA, Lutz RA, Vrijenhoek RC (1998) Cospeciazione di batteri chemoautotrofi e vongole profonde . Proc Natl Acad Sci USA 95 : 9962–9966. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

48. Stewart FJ, Cavanaugh CM (2006) Endosimbiosi batteriche in Solemya (Mollusca: Bivalvia) - sistemi modello per studi sull'adattamento di symbiont-host . Antonie van Leeuwenhoek 90 : 343–360. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

49. Stewart FJ, Young CR, Cavanaugh CM (2008) Acquisizione laterale di simbionte in un'endosimbiosi con vongole chemiosintetiche trasmessa per via materna . Mol Biol Evol 25 : 673–687. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

50. Moran NA, McCutcheon JP, Nakabachi A (2008) Genomica ed evoluzione dei simbionti batterici ereditabili . Annu Rev Genet 42 : 165–190. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

51. Koga R, Meng XY, Tsuchida T, Fukatsu T (2012) Meccanismo cellulare per la trasmissione verticale selettiva di un simbionte insetto obbligatorio all'interfaccia batteriocita-embrione . Proc Natl Acad Sci USA 109 : E1230–1237. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

52. Balmand S, Lohs C, Aksoy S, Heddi A (2013) Percorsi di distribuzione e trasmissione dei tessuti per gli endosimbionti di mosca tsetse . J Invertebr Pathol 112 : S116 – S122. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

53. Inoue R, Ushida K (2003) Trasmissione verticale e orizzontale di batteri commensali intestinali nel modello di ratto . FEMS Microbiol Ecol 46 : 213–219. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

54. Carlier Y, Truyens C, Deloron P, Peyron F (2012) Infezioni parassitarie congenite: una revisione . Acta Trop 121 : 55–70. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

55. Kaltenpoth M, Winter SA, Kleinhammer A (2009) Localizzazione e via di trasmissione di Coriobacterium glomerans, l'endosimbione dei bug pirrocoridi . FEMS Microbiol Ecol 69 : 373–383. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

56. Fukatsu T, Hosokawa T (2002) Batterio simbiotico intestinale trasmesso per capsula del comune puzzolente plataspido giapponese, Megacopta punctatissima . Appl Environ Microbiol 68 : 389–396. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

57. Hosokawa T, Kikuchi Y, Meng XY, Fukatsu T (2005) La realizzazione della capsula symbiont nella platinkid puzzolente Megacopta punctatissima . FEMS Microbiol Ecol 54 : 471–477. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

58. Hosokawa T, Kikuchi Y, Fukatsu T (2007) Quanti simbionti sono forniti dalle madri, acquisiti dalla prole, e necessari per una trasmissione verticale di successo in un mutuo mutuo insetto-batterio? Mol Ecol 16 : 5316-5325. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

59. Hosokawa T, Kikuchi Y, Shimada M, Fukatsu T (2008) L' acquisizione di Symbiont altera il comportamento delle ninfe puzzolenti . Biol Lett 4 : 45–48. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

60. Bager P, Wohlfahrt J, Westergaard T (2008) Parto cesareo e rischio di atopia e malattie allergiche: meta-analisi . Clin Exp Allergy 38 : 634–642. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

61. Thavagnanam S, Fleming J, Bromley A, Shields MD, Cardwell CR (2008) Una meta-analisi dell'associazione tra taglio cesareo e asma infantile . Clin Exp Allergy 38 : 629–633. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

62. Huh SY, Rifas-Shiman SL, Zera CA, Edwards JW, Oken E, et al. (2012) Parto cesareo e rischio di obesità nei bambini in età prescolare: uno studio prospettico di coorte . Arch Dis Child 97 : 610–616. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

63. Li Y, Caufield PW, Dasanayake AP, Wiener HW, Vermund SH (2005) Le modalità di consegna e altri fattori materni influenzano l'acquisizione di Streptococcus mutans nei neonati . J Dent Res 84 : 806–811. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

64. Penders J, Thijs C, Vink C, Stelma FF, Snijders B, et al. (2006) Fattori che influenzano la composizione del microbiota intestinale nella prima infanzia . Pediatria 118 : 511–521. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

65. Biasucci G, Benenati B, Morelli L, Bessi E, Boehm G (2008) Il parto cesareo può influenzare la biodiversità precoce dei batteri intestinali . J Nutr 138 : 1796S-1800S. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

66. Renz-Polster H, David MR, Buist AS, Vollmer WM, O'Connor EA, et al. (2005) Parto cesareo e rischio di disturbi allergici nell'infanzia . Clin Exp Allergy 35 : 1466–1472. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

67. Decker E, Engelmann G, Findeisen A, Gerner P, Laass M, et al. (2010) Il parto cesareo è associato alla celiachia ma non alla malattia infiammatoria intestinale nei bambini . Pediatria 125 : e1433–1440. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

68. Cardwell CR, Stene LC, Joner G, Cinek O, Svensson J, et al. (2008) Il taglio cesareo è associato ad un aumentato rischio di diabete mellito di tipo 1 a insorgenza infantile: una meta-analisi di studi osservazionali . Diabetologia 51 : 726–735. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

69. Bager P, Simonsen J, Nielsen NM, Frisch M (2012) Taglio cesareo e rischio di prole di malattia infiammatoria intestinale: uno studio di coorte nazionale . Inflamm Bowel Dis 18 : 857–862. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

70. Gibbons L, Belizan JM, Lauer JA, Betran AP, Merialdi M, et al ... (2010) Numeri e costi globali di sezioni cesarei supplementari necessari e non necessari eseguiti per anno: abuso come barriera alla copertura universale. Rapporto sullo stato di salute del mondo (2010) 30.

71. McElroy SJ, Weitkamp JH (2011) Immunità innata nell'intestino tenue del bambino pretermine . Neoreviews 12 : e517 – e526. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

72. Maynard CL, Elson CO, Hatton RD, Weaver CT (2012) Interazioni reciproche del microbiota intestinale e del sistema immunitario . Natura 489 : 231–241. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

73. Aagaard K, Riehle K, Ma J, Segata N, Mistretta TA, et al. (2012) Un approccio metagenomico alla caratterizzazione della firma del microbioma vaginale in gravidanza . PLoS ONE 7 : e36466 doi: 10.1371 / journal.pone.0036466 [ articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

74. Fernandez L, Langa S, Martin V, Maldonado A, Jimenez E, et al. (2013) Il microbiota del latte umano: origine e ruoli potenziali in salute e malattia . Pharmacol Res 69 : 1–10. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

75. Jin L, Hinde K, Tao L (2011) Diversità delle specie e relativa abbondanza di batteri dell'acido lattico nel latte delle scimmie rhesus (Macaca mulatta) . J Med Primatol 40 : 52–58. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

76. Diaz-Ropero MP, Martin R, Sierra S, Lara-Villoslada F, Rodriguez JM, et al. (2007) Due ceppi di Lactobacillus, isolati dal latte materno, modulano in modo diverso la risposta immunitaria . J Appl Microbiol 102 : 337–343. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

77. Maldonado J, Canabate F, Sempere L, Vela F, Sanchez AR, et al. (2012) Il latte umano probiotico Lactobacillus fermentum CECT5716 riduce l'incidenza di infezioni del tratto gastrointestinale e del tratto respiratorio superiore nei neonati . J Pediatr Gastroenterol Nutr 54 : 55–61. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

78. Hunt KM, Foster JA, Forney LJ, Schütte UM, Beck DL, et al. (2011) Caratterizzazione della diversità e stabilità temporale delle comunità batteriche nel latte materno . PLoS ONE 6 : e21313 doi: 10.1371 / journal.pone.0021313 [ articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

79. Cabrera-Rubio R, Collado MC, Laitinen K, Salminen S, Isolauri E, et al. (2012) Il microbioma del latte umano cambia durante l'allattamento ed è modellato dal peso materno e dalle modalità di consegna . Am J Clin Nutr 96 : 544–551. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

80. Grice EA, Kong HH, Conlan S, Deming CB, Davis J, et al. (2009) Diversità topografica e temporale del microbioma cutaneo umano . Scienza 324 : 1190-1192. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

81. Ramsay DT, Kent JC, Owens RA, Hartmann PE (2004) Immagini ecografiche di espulsione del latte nel seno di donne che allattano . Pediatria 113 : 361–367. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

82. Cephas KD, Kim J, Mathai RA, Barry KA, Dowd SE, et al. (2011) Analisi comparativa della diversità dei microbiomi batterici salivari nei neonati edentuli e nelle loro madri o assistenti primari usando il pirosequenziamento . PLoS ONE 6 : e23503 doi: 10.1371 / journal.pone.0023503 [ articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

83. Li CW, Chen JY, Hua TE (1998) Spugne precambriane con strutture cellulari . Scienza 279 : 879–882. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

84. Hentschel U, Hopke J, Horn M, Friedrich AB, Wagner M, et al. (2002) Prove molecolari per una comunità microbica uniforme nelle spugne di diversi oceani . Appl Environ Microbiol 68 : 4431–4440. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

85. Fieseler L, Horn M, Wagner M, Hentschel U (2004) Scoperta del romanzo candidato phylum “Poribacteria” nelle spugne marine . Appl Environ Microbiol 70 : 3724–3732. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

86. Taylor MW, Radax R, Steger D, Wagner M (2007) Microrganismi associati alla spugna: evoluzione, ecologia e potenziale biotecnologico . Microbiol Mol Biol Rev 71 : 295–347. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

87. Wilkinson CR (1984) Prove immunologiche per l'origine precambriana delle simbiosi batteriche nelle spugne marine . Proc R Soc Lond 220 : 509–517. [ Google Scholar ]

88. Webster NS, Taylor MW, Behnam F, Lucker S, Rattei T, et al. (2010) Il sequenziamento profondo rivela una diversità e modalità di trasmissione eccezionali per i simbionti di spugne batteriche . Environ Microbiol 12 : 2070–2082. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

89. Cavanaugh CM, McKiness ZP, Newton ILG, Stewart FJ (2006) Simbiosi chemiosintetiche marine. In: Dworkin M, Falkow S, Rosenberg E, Schleifer KH, Stackebrandt E, editori. I procarioti. 3a edizione. New York: Springer.

90. Di Meo CA, Wilbur AE, Holben WE, Feldman RA, Vrijenhoek RC, et al. (2000) Variazione genetica tra endosymbionts di tubeworms di vestimentiferan ampiamente distribuiti . Appl Environ Microbiol 66 : 651–658. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

91. Laue BE, Nelson DC (1997) I simbionti ossidanti dello zolfo non si sono co-evoluti con i loro ospiti idrotermali a vite senza fine: un'analisi RFLP . Mol Mar Biol Biotechnol 6 : 180–188. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

92. Goffredi SK, Barry JP (2002) Variazione specifica della specie nella fisiologia dei solfuri tra vongole Vesicomiidi strettamente correlate . Mar Ecol Prog Ser 225 : 227–238. [ Google Scholar ]

93. Cavanaugh CM (1983) Batteri chemioautotrofi simbiotici in invertebrati marini da habitat ricchi di solfuri . Natura 302 : 58–61. [ Google Scholar ]

94. Endow K, Ohta S (1990) Presenza di batteri negli ovociti primari della vongola vescicomiide ​​Calyptogena soyoae . Mar Ecol Prog Ser 64 : 309–311. [ Google Scholar ]

95. LePage D, Bordenstein SR (2013) Wolbachia , possiamo salvare delle vite con una grande pandemia? Trends Parasitol In stampa. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

96. Saridaki A, Bourtzis K (2010) Wolbachia: più di un semplice bug nei genitali degli insetti . Curr Opinioni Microbiol 13 : 67–72. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

97. Moran NA, Munson MA, Baumann P, Ishikawa H (1993) Un orologio molecolare nei batteri endosimbiotici viene calibrato usando ospiti di insetti . Proc R Soc Lond 253 : 167–171. [ Google Scholar ]

98. Baumann P, Baumann L, Lai CY, Rouhbakhsh D, Moran NA, et al. (1995) Genetica, fisiologia e relazioni evolutive del genere Buchnera: simbionti intracellulari di afidi . Annu Rev Microbiol 49 : 55–94. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

99. Sacchi L, Grigolo A, Laudani U, Ricevuti G, Dealessi F (1985) Comportamento dei simbionti durante l'oogenesi e le prime fasi di sviluppo nello scarafaggio tedesco, Blatella germanica (Blattodea) . J Invertebr Pathol 46 : 139–152. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

100. Sacchi L, Grigolo A, Mazzini M, Bigliardi E, Baccetti B, et al. (1988) I simbionti negli ovociti di Blattella germanica (L.) (Dictyoptera: Blattellidae): il loro modo di trasmissione . Int J Insect Morphol Embryol 17 : 437–446. [ Google Scholar ]

101. Tobe SS (1978) Fisiologia riproduttiva di Glossina . Annu Rev Entomol 23 : 283–307. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

102. Cmelik SHW, Bursell E, Slack E (1969) Composizione del contenuto intestinale di larve tsetse di terzo grado ( Glossina morsitans Westwood) . Comp Biochem and Physiol 29 : 447. [ Google Scholar ]

103. Attardo GM, Lohs C, Heddi A, Alam UH, Yildirim S, et al. (2008) Analisi della struttura e della funzione delle ghiandole lattiere in Glossina morsitans: produzione di proteine ​​del latte, popolazioni simbionte e fecondità . J Insect Physiol 54 : 1236–1242. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

104. Prado SS, Zucchi TD (2012) Interazioni host-symbiont per la gestione potenziale di parassiti eterotteri . Psiche 2012 : 1–9. [ Google Scholar ]

105. Strohm E, Linsenmair KE (1995) Lasciando la culla: come i beewolves ( Philanthus triangulum F.) ottengono le informazioni spaziali necessarie per l'emergenza . Zoologia (Jena) 98 : 137–146. [ Google Scholar ]

106. Kaltenpoth M, Gottler W, Herzner G, Strohm E (2005) I batteri simbiotici proteggono le larve di vespa dall'infestazione fungina . Curr Biol 15 : 475–479. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

107. Kaltenpoth M, Goettler W, Dale C, Stubblefield JW, Herzner G, et al. (2006) "Candidatus Streptomyces philanthi", uno streptomicete endosimbiotico nelle antenne delle vespe scavatrici di Philanthus . Int J Syst Evol Microbiol 56 : 1403–1411. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

108. Goettler W, Kaltenpoth M, Herzner G, Strohm E (2007) Morfologia e ultrastruttura di un organo di coltivazione batterica: le ghiandole antennali delle femmine di coleottero europeo, Philanthus triangulum (Hymenoptera, Crabronidae) . Artropodi Struct Dev 36 : 1–9. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

109. Kaltenpoth M, Goettler W, Koehler S, Strohm E (2010) Il ciclo di vita e la dinamica della popolazione di un insetto protettivo simboleggiano gravi strozzature durante la trasmissione verticale . Evol Ecol 24 : 463–477. [ Google Scholar ]

110. Schroeder CM, Naugle AL, Schlosser WD, Hogue AT, Angulo FJ, et al. (2005) Stima delle malattie da Salmonella enteritdis nelle uova, Stati Uniti, 2000 . Emerg Infect Dis 11 : 113–115. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

111. Gantois I, Ducatelle R, Pasmans F, Haesebrouck F, Gast R, et al. (2009) Meccanismi di contaminazione delle uova da Salmonella Enteritidis . FEMS Microbiol Rev 33 : 718–738. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

112. MacOwan KJ, Atkinson MJ, Bell MA, Brand TF, Randall CJ (1984) Trasmissione delle uova di un isolato respiratorio di Mycoplasma synoviae e infezione dell'embrione di pollo . Avian Pathol 13 : 51–58. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

113. Bencina D, Tadina T, Dorrer D (1988) Infezione naturale di anatre con Mycoplasma synoviae e Mycoplasma gallisepticum e trasmissione dell'uovo in Mycoplasma . Avian Pathol 17 : 441–449. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

114. Brock JA, Bullis R (2001) Prevenzione e controllo delle malattie per i gameti e gli embrioni di pesci e gamberi marini . Acquacoltura 197 : 137–159. [ Google Scholar ]

115. Brown LL, Cox WT, Levine RP (1997) Prova che l'agente causale della malattia batterica dell'acqua fredda Flavobacterium psychrophilum viene trasmesso all'interno di uova salmonide . Dis Aquat Org 29 : 213–218. [ Google Scholar ]

116. Sanders JL, Watral V, Kent ML (2012) Microsporidiosi nelle strutture di ricerca del pesce zebra . ILAR J 53 : 106-113. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ Google Scholar ]

117. Alkindi AY, Mahmoud IY, Woller MJ, Plude JL (2006) Morfologia oviduttale in relazione ai livelli ormonali nella tartaruga a scatto, Chelydra serpentina . Cella tissutale 38 : 19–33. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

118. Craven KS, Awong-Taylor J, Griffiths L, Bass C, Muscarella M (2007) Identificazione di isolati batterici da uova di tartaruga marina non tagliate ( Caretta caretta ) in Georgia, USA . Newsletter Marine Turtle 115 : 9–11. [ Google Scholar ]

119. Benevides de Morais P, Wessel de Oliveira K, Malvasio A, Gomes de Ataide A, Pimenta RS (2010) Enterobacteriaceae associate alle uova di Podocnemis expansa e Podocnemis unifilis (Testudines: Chelonia) in siti non inquinati del Parco Nazionale delle Pianure dell'Araguaia, Brasile . J Zoo Wildl Med 41 : 656–661. [ PubMed ] [ Google Scholar ]