• SANI E INFORMATI

SOSTANZE AMBIENTALI E CANCRO

Aggiornamento: 28 dic 2019


L’Università di Oxford, pubblica uno studio che mette in guardia sull’uso di sostanze chimiche ambientali (aria) che apparentemente non vengono considerate cancerogene ma sulla base di inevitabili condizioni cumulative su organi, tessuti e cellule potrebbero plausibilmente cospirare per produrre sinergie cancerogene

Lo stesso meccanismo è emerso in numerosi altri studi effettuati su animali, si evidenzia con l’uso degli additivi alimentari. Sostanze chimiche che valutate singolarmente e somministrate a basse dosi non dimostrano di avere una capacità cancerogenica, ma che nel loro insieme generano un effetto accumulo sulle stesse cellule.




Carcinogenesi. 2015 giugno; 36 Suppl 1: S254-96. doi: 10,1093 / carcin / bgv039.

Valutare il potenziale cancerogeno di esposizioni a basse dosi a miscele chimiche nell'ambiente: la sfida futura.

Goodson WH 3rd 1 , Lowe L 2 , Carpenter DO 3 , Gilbertson M 4 , Manaf Ali A 5 , Lopez de Cerain Salsamendi A 6 , Lasfar A 7 , Carnero A 8 , Azqueta A 6 , Amedei A 9 , Charles AK 10 , Collins AR 11 , Ward A 12 , Salzberg AC 13 ,

Astratto

I fattori legati allo stile di vita sono responsabili di una parte considerevole dell'incidenza del cancro in tutto il mondo, ma stime credibili dall'Organizzazione mondiale della sanità e dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) suggeriscono che la frazione di tumori attribuibili alle esposizioni tossiche ambientali è tra il 7% e il 19% .

Per esplorare l'ipotesi che le esposizioni a basse dosi a miscele di sostanze chimiche nell'ambiente possano combinarsi per contribuire alla carcinogenesi ambientale, abbiamo esaminato 11 fenotipi del cancro caratteristici, più siti bersaglio prioritari per interruzione in ogni area e distruttori chimici prototipici per tutti gli obiettivi, questo includeva caratterizzazioni dose-risposta, evidenza di effetti a basse dosi e effetti cross-hallmark per tutti gli obiettivi e sostanze chimiche.

In totale, Sono stati esaminati 85 esempi di sostanze chimiche per le azioni sui meccanismi chiave / meccanismi correlati alla carcinogenesi. Solo il 15% (13/85) ha evidenziato una risposta sulla base di elevate quantità di sostanze, mentre il 59% (50/85) ha esercitato effetti a basse dosi. Nessuna informazione dose-risposta è stata trovata per il restante 26% (22/85).


La nostra analisi suggerisce che gli effetti cumulativi di singole sostanze chimiche (non cancerogene) che agiscono su percorsi diversi e una varietà di sistemi, organi, tessuti e cellule correlati potrebbero plausibilmente cospirare per produrre sinergie cancerogene.


Ulteriori ricerche di base sulla carcinogenesi e sulla ricerca focalizzata sugli effetti a basse dosi di miscele chimiche devono essere rigorosamente perseguite prima che i pregi di questa ipotesi possano essere ulteriormente avanzati. Tuttavia, la struttura del programma internazionale dell'Organizzazione mondiale della sanità sulla sicurezza chimica, andrebbe rivista "

© L'autore 2015. Pubblicato da Oxford University Press.


Attenzione dunque ai tranquillizanti dati "ufficiali" che i vari organismi medici pubblicano con disinvoltura; la verità è purtroppo ben diversa. Ma se il cambiamento dei livelli inquinanti emessi nell'aria è cosa di lungo corso e che richiede iniziative di carattere politico, ridurre l'assunzione di altre dannose sostanze chimiche è un'azione che si può mettere in atto fin da subito in forma individuale. Limitare sostanze chimico-farmaceutiche allo stretto necessario ( e solo transitoriamente) e bandire cibi contenenti additivi chimici costituiscono due importanti passaggi di TUTELA della SALUTE.