• SANI E INFORMATI

STATINE: PERCHE' GRAN PARTE DEGLI EFFETTI AVVERSI NON VENGONO RIPORTATI ?

Aggiornamento: 23 lug 2019

Nascimben Andrea




Ma perché gli effetti collaterali non vengono considerati o quantomeno sotto stimati?

Cerchiamo di capirlo e di svelare i trucchetti che le multinazionali dei farmaci adottano sistematicamente.




Perché in alcuni studi non viene rilevato il valore dei CPK (valore fondamnetale per individuare una eventuale sofferenza miofibrillare) e in altri si sottostima l’evento sintomatologico muscolare, dichiarato dal paziente, attribuendolo invece ad altre motivazioni (calo di potassio , affaticamento psicologico, aumento del lavoro fisico ).


Molti studi randomizzati hanno riconosciuto i limiti per il rilevamento della sintomatologia muscolo scheletrica e degli stati di spossatezza psico-fisica, perché sintomi aspecifici e dunque non attribuibili con certezza al farmaco.

Infatti tutte le meta analisi in cui sono state comprese le manifestazioni cliniche sintomatologiche attribuibili a strutture muscolari e nervose, hanno evidenziato dati molto diversi in ordine agli effetti avversi (Solomon DH, Avorn J. coxib, la scienza e la fiducia del pubblico. Arch Intern Med. 2005; 165 : 158-60)


Così, in una analisi dei dati, presentati nel Adverse Bollettino Drug Reaction australiano (il bollettino ministeriale delle reazioni avverse da farmaco) è stato osservato che la "neuropatia periferica associata alle statine, può persistere per mesi o anni dopo la sospensione della statina" (Reazioni avverse da farmaco comitato consultivo (ADRAC) statine e neuropatia periferica. Australiani Reazioni avverse da farmaco bollettino. 2005; 24 : 6.).


Secondo la stessa Organizzazione Mondiale di Sanità, la consapevolezza del medico in relazione all'uso delle statine è riferita bassa per gli effetti avversi più comunemente riportati dai pazienti. Infatti i pazienti affermano che i medici spesso respingono la possibilità che il loro effetto avverso (AE), possa essere correlato alle statine.


Il mancato riconoscimento di eventi avversi di farmaci rischia di distorcere profondamente il significa del rischio-beneficio delle statine (McGraw JJ, Evans MA, Dimsdale JE. Golomb BA. Risposta del medico al paziente e segnalazioni di effetti avversi della droga: implicazioni per la sorveglianza ed effetto negativo sul paziente. Saf Drug. 2007; 30 : 669-75.) disegnando un quadro molto più roseo di quello che in realtà è.



Bibliografia

1. Hoffman G. N Engl J Med 1986;314:1610-24

2. Eleanor Laise. The Lipitor Dilemma, Smart Money: The Wall Street Journal Magazine of Personal Business, November 2003.

3. Eleanor Laise. The Lipitor Dilemma, Smart Money: The Wall Street Journal Magazine of Personal Business, November 2003.

4. Beatrice A. Golomb, MD, PhD on Statin Drugs, March 7, 2002. www.coloradohealthsite.org/topics/interviews/golomb.html

5. Melissa Siig. Life After Lipitor: Is Pfizer product a quick fix or dangerous drug? Residents experience adverse reactions. Tahoe World, January 29, 2004.

6. Jamil S, Iqbal P. Heart 2004 Jan;90(1):e3.

7. Personal communication, Laura Cooper, May 1, 2003.

8. Sinzinger H, O’Grady J. Br J Clin Pharmacol. 2004 Apr;57(4):525-8.

9. Smith DJ and Olive KE. Southern Medical Journal 96(12):1265-1267, December 2003.

10. Gaist D and others. Neurology 2002 May 14;58(9):1321-2.

11. Statins and the Risk of Polyneuropathy.

www.coloradohealthsite.org/CHNReports/statins_polyneuropathy.html.

12. The Struggles of Older Drivers, letter by Elizabeth Scherdt. Washington Post, June 21, 2003.

13. Langsjoen PH. The clinical use of HMG Co-A reductase inhibitors (statins) and the associated depletion of the