top of page

SCLEROSI MULTIPLA

Nascimben Andrea



La sclerosi multipla (SM) è una malattia neuroinfiammatoria cronica del sistema nervoso centrale (SNC) [ 1 ]. La presentazione clinica varia tra i pazienti, che possono includere deficit sensoriali, motori e / o cognitivi, ed è tipicamente preceduta da lesioni infiammatorie e demielinizzanti nella sostanza bianca del SNC.





La sclerosi multipla è una malattia autoimmune causata dalle risposte aberranti delle immunitarie (cellule T) alle proteine endogene ( auto-peptidi) della mielina [ 2 ].


Le risposte delle cellule T sono seguite da un'ulteriore infiltrazione delle cellule immunitarie, che porta a infiammazione, demielinizzazione e neurodegenerazione progressiva [ 3].


L'eziologia della SM è complessa, con fattori genetici e ambientali che svolgono un ruolo importante nella patogenesi della malattia ( geni dell'antigene leucocitario umano, HLA)

Sebbene il 70% del rischio di malattia derivi da componenti non genetici, si sa molto meno sui contributi ambientali alla patogenesi della malattia.


I possibili fattori che contribuiscono all'ambiente includono il fumo, l'esposizione al virus Epstein – Barr o ad altri microbi e bassi livelli di vitamina D a causa dell'insufficiente esposizione alla luce solare / ai raggi ultravioletti e il microbiota intestinale.

Quest’ultimo sembra possa dare un contributo importante sia alla suscettibilità che alla protezione dalla malattia.


Nel corso del ventesimo secolo, l'incidenza della SM (e di altre malattie autoimmuni e allergiche) è aumentata nei paesi sviluppati; un fenomeno che si correla inversamente con l'incidenza di malattie infettive come il morbillo e la poliomielite [ 6 ].


Negli ultimi anni i progressi nel campo del microbioma hanno suggerito che pratiche igieniche pulite, come la clorazione di acqua, l'abuso di antibiotici, la perdita di spazi verdi, diffusione del taglio cesareo, hanno provocato alterazioni della flora-microbica (denominate collettivamente microbiota) [ 8 , 9 ].


Si sta identificando con sempre maggiori dati l’importanza che il microbiota riveste nel mantenere l'ospite in uno stato di buona salute.

Il microbiota si riferisce ad alcune migliaia di miliardi di batteri, virus e funghi che vivono all'interno e sul corpo umano e il loro pool genetico collettivo è chiamato microbioma. Le specie batteriche che colonizzano l'intestino tenue e crasso sono indicate come microbiota intestinale e il loro ruolo nella salute e nelle malattie è oggetto di studio [ 10 - 12 ].


Il microbiota intestinale influenza l'assorbimento dei nutrienti, il metabolismo degli alimenti, l'omeostasi energetica e le risposte immunitarie della mucosa e del sistema. Un microbiota intestinale sano si caratterizza per la sua diversità aiutando a mantenere in salute l' "ospite" ( ovvero noi umani)


Tra i molti compiti , vi è incluso il mantenimento di una barriera intestinale intatta, l'inibizione della colonizzazione da parte di organismi patogeni e la regolazione della fisiologia dell'ospite e delle risposte immunitarie [ 11 , 14 - 16 ].


Alterazioni del microbiota intestinale, con conseguenti cambiamenti nella sua rete metabolica, perturbano questa omeostasi e possono provocare disturbi intestinali e sistemici [ 10 , 17 , 18 ].



Microbiota intestinale e autoimmunità


Una migliore tecnologia di sequenziamento del DNA, ha portato a notevoli progressi nella comprensione dei ruoli del microbiota intestinale nelle malattie autoimmuni in particolar modo nella Sclerosi Multipla [ 19 - 29 ], diabete di tipo 1 (T1D) [ 30 , 31 ], malattia infiammatoria intestinale (IBD) [ 32 , 33 ], celiachia [ 34 , 35 ] e artrite reumatoide [ 36 - 38].


Il tratto che accomuna questi studi, è che i pazienti con malattie autoimmuni / autoinfiammatorie presentano disbiosi microbica, vale a dire un'alterazione della composizione della comunità microbica caratterizzata da una diminuzione dei batteri benefici e da un aumento dei batteri nocivi (pathobionts).


Una sana miscela di batteri commensali aiuta a mantenere l'omeostasi sulle superfici delle mucose nell'intestino e la perturbazione di questa comunità può causare colonizzazione da parte dei pathos, promuovendo potenzialmente un ambiente proinfiammatorio e predisponendo l'ospite a malattie infiammatorie [ 39].


Studi condotti su topi privi di batteri, hanno dimostrato che il microbiota intestinale è cruciale per lo sviluppo di un sistema immunitario sano; i topi nati e cresciuti nelle strutture prive di germi mancano di cellule immunitarie ben sviluppate [ 40 ].


Il dialogo incrociato costante tra le cellule immunitarie, le cellule epiteliali intestinali (IEC) e il microbiota intestinale si traduce in una sotto o sovra regolazione dei mediatori infiammatori dall'ospite ( come le citochine ) [ 43].


Questo dialogo incrociato tra IEC, cellule immunitarie e microbiota aiuta a mantenere l'omeostasi sulla superficie della mucosa. Negli stati patologici, questa barriera viene violata, con conseguente aumento della permeabilità intestinale con conseguente distribuzione sistemica dei prodotti batterici e / o dei batteri stessi (11,16)




Diverse malattie autoimmuni sono associate a una condizione chiamata "sindrome di permeabilità intestinale", che è caratterizzata da una maggiore permeabilità intestinale [44 , 45 ].

Qui di seguito, alcuni studi che hanno rivelato che i pazienti con SM presentano disbiosi microbica [ 19 - 28 ]. Famiglie batteriche (F), generi (G) e specie (S) la cui abbondanza è spesso superiore o inferiore nei pazienti con sclerosi multipla (SM) rispetto a controlli sani


Batteri SM rispetto a controlli sani

Bacteroides (G) Diminuito [ 20 ]

Parabacteroides (G) Diminuzione [ 19 , 26 ]

Prevotella (G) Diminuzione [ 19 , 20 , 24 , 28 ]

Butyricimonas (G) Diminuito [ 24 ]

Lachnospiraceae (F) Diminuito [ 22 ]

Blautia (G) Aumentato [ 19 ]

Dorea (G) Aumentato [ 19 ]

Streptococco Aumentato [ 20 , 28 ]

Faecalibacterium (G) Diminuzione [ 20 , 25 ]