SCLEROSI MULTIPLA

Nascimben Andrea



La sclerosi multipla (SM) è una malattia neuroinfiammatoria cronica del sistema nervoso centrale (SNC) [ 1 ]. La presentazione clinica varia tra i pazienti, che possono includere deficit sensoriali, motori e / o cognitivi, ed è tipicamente preceduta da lesioni infiammatorie e demielinizzanti nella sostanza bianca del SNC.





La sclerosi multipla è una malattia autoimmune causata dalle risposte aberranti delle immunitarie (cellule T) alle proteine endogene ( auto-peptidi) della mielina [ 2 ].


Le risposte delle cellule T sono seguite da un'ulteriore infiltrazione delle cellule immunitarie, che porta a infiammazione, demielinizzazione e neurodegenerazione progressiva [ 3].


L'eziologia della SM è complessa, con fattori genetici e ambientali che svolgono un ruolo importante nella patogenesi della malattia ( geni dell'antigene leucocitario umano, HLA)

Sebbene il 70% del rischio di malattia derivi da componenti non genetici, si sa molto meno sui contributi ambientali alla patogenesi della malattia.


I possibili fattori che contribuiscono all'ambiente includono il fumo, l'esposizione al virus Epstein – Barr o ad altri microbi e bassi livelli di vitamina D a causa dell'insufficiente esposizione alla luce solare / ai raggi ultravioletti e il microbiota intestinale.

Quest’ultimo sembra possa dare un contributo importante sia alla suscettibilità che alla protezione dalla malattia.


Nel corso del ventesimo secolo, l'incidenza della SM (e di altre malattie autoimmuni e allergiche) è aumentata nei paesi sviluppati; un fenomeno che si correla inversamente con l'incidenza di malattie infettive come il morbillo e la poliomielite [ 6 ].


Negli ultimi anni i progressi nel campo del microbioma hanno suggerito che pratiche igieniche pulite, come la clorazione di acqua, l'abuso di antibiotici, la perdita di spazi verdi, diffusione del taglio cesareo, hanno provocato alterazioni della flora-microbica (denominate collettivamente microbiota) [ 8 , 9 ].


Si sta identificando con sempre maggiori dati l’importanza che il microbiota riveste nel mantenere l'ospite in uno stato di buona salute.

Il microbiota si riferisce ad alcune migliaia di miliardi di batteri, virus e funghi che vivono all'interno e sul corpo umano e il loro pool genetico collettivo è chiamato microbioma. Le specie batteriche che colonizzano l'intestino tenue e crasso sono indicate come microbiota intestinale e il loro ruolo nella salute e nelle malattie è oggetto di studio [ 10 - 12 ].


Il microbiota intestinale influenza l'assorbimento dei nutrienti, il metabolismo degli alimenti, l'omeostasi energetica e le risposte immunitarie della mucosa e del sistema. Un microbiota intestinale sano si caratterizza per la sua diversità aiutando a mantenere in salute l' "ospite" ( ovvero noi umani)


Tra i molti compiti , vi è incluso il mantenimento di una barriera intestinale intatta, l'inibizione della colonizzazione da parte di organismi patogeni e la regolazione della fisiologia dell'ospite e delle risposte immunitarie [ 11 , 14 - 16 ].


Alterazioni del microbiota intestinale, con conseguenti cambiamenti nella sua rete metabolica, perturbano questa omeostasi e possono provocare disturbi intestinali e sistemici [ 10 , 17 , 18 ].



Microbiota intestinale e autoimmunità


Una migliore tecnologia di sequenziamento del DNA, ha portato a notevoli progressi nella comprensione dei ruoli del microbiota intestinale nelle malattie autoimmuni in particolar modo nella Sclerosi Multipla [ 19 - 29 ], diabete di tipo 1 (T1D) [ 30 , 31 ], malattia infiammatoria intestinale (IBD) [ 32 , 33 ], celiachia [ 34 , 35 ] e artrite reumatoide [ 36 - 38].


Il tratto che accomuna questi studi, è che i pazienti con malattie autoimmuni / autoinfiammatorie presentano disbiosi microbica, vale a dire un'alterazione della composizione della comunità microbica caratterizzata da una diminuzione dei batteri benefici e da un aumento dei batteri nocivi (pathobionts).


Una sana miscela di batteri commensali aiuta a mantenere l'omeostasi sulle superfici delle mucose nell'intestino e la perturbazione di questa comunità può causare colonizzazione da parte dei pathos, promuovendo potenzialmente un ambiente proinfiammatorio e predisponendo l'ospite a malattie infiammatorie [ 39].


Studi condotti su topi privi di batteri, hanno dimostrato che il microbiota intestinale è cruciale per lo sviluppo di un sistema immunitario sano; i topi nati e cresciuti nelle strutture prive di germi mancano di cellule immunitarie ben sviluppate [ 40 ].


Il dialogo incrociato costante tra le cellule immunitarie, le cellule epiteliali intestinali (IEC) e il microbiota intestinale si traduce in una sotto o sovra regolazione dei mediatori infiammatori dall'ospite ( come le citochine ) [ 43].


Questo dialogo incrociato tra IEC, cellule immunitarie e microbiota aiuta a mantenere l'omeostasi sulla superficie della mucosa. Negli stati patologici, questa barriera viene violata, con conseguente aumento della permeabilità intestinale con conseguente distribuzione sistemica dei prodotti batterici e / o dei batteri stessi (11,16)




Diverse malattie autoimmuni sono associate a una condizione chiamata "sindrome di permeabilità intestinale", che è caratterizzata da una maggiore permeabilità intestinale [44 , 45 ].

Qui di seguito, alcuni studi che hanno rivelato che i pazienti con SM presentano disbiosi microbica [ 19 - 28 ]. Famiglie batteriche (F), generi (G) e specie (S) la cui abbondanza è spesso superiore o inferiore nei pazienti con sclerosi multipla (SM) rispetto a controlli sani


Batteri SM rispetto a controlli sani

Bacteroides (G) Diminuito [ 20 ]

Parabacteroides (G) Diminuzione [ 19 , 26 ]

Prevotella (G) Diminuzione [ 19 , 20 , 24 , 28 ]

Butyricimonas (G) Diminuito [ 24 ]

Lachnospiraceae (F) Diminuito [ 22 ]

Blautia (G) Aumentato [ 19 ]

Dorea (G) Aumentato [ 19 ]

Streptococco Aumentato [ 20 , 28 ]

Faecalibacterium (G) Diminuzione [ 20 , 25 ]

Eubacterium (G) Diminuito [ 20 ]

Clostridium (G) Diminuzione [ 20 , 25 ]

Ruminococcaceae (F) Diminuito [ 22 ]

Ruminococcus (G) Aumentato [ 25 ]

Lactobacillus (G) Diminuito [ 19 ]

Coprobacillus (G) Diminuito [ 19 ]

Erisipelotrichaceae (F) Diminuito [ 19 ]

Veillonellaceae (F) Diminuito [ 19 ]

Collinsella (G) Diminuzione [ 19 , 24 ]

Adlercreutzia (G) Diminuito [ 19 ]

Slackia (G) Diminuito [ 24 ]

Acinetobacter (G) Aumentato [ 26 ]

Bifidobacterium (G) Aumentato [ 20 , 22 ]

Eggerthella (G) Aumentato [ 20 ]

Pseudomonas (G) Aumentato [ 19 ]

Mycoplana (G) Aumentato [ 19 ]

Emofilo (G) Aumentato [ 19 ]

Bilophila (G) Aumentato [ 22 ]

Sutterella (G) Aumentato [ 20 ]

Akkermansia (G) Aumentato [ 24 , 26 , 27 ]




In conclusione, bisogna fare attenzione quando si interpretano i risultati negli studi sul microbioma di cui sopra, poiché esiste una notevole variabilità tra ogni studio di pazienti con SM. Per quanto riguarda la sclerosi multipla, così come per qualsiasi altra malattia autoimmune, i dati suggeriscono che non esiste una "firma" microbica dell'intestino associata alla SM, ma piuttosto, la letteratura suggerisce che i pazienti con SM presentano disbiosi che sposta l'equilibrio immunitario verso un fenotipo infiammatorio [ 46 ].


Sulla base di ciò, viene ipotizzato che i pazienti con SM presentino un aumento generale dei batteri proinfiammatori, piuttosto che mostrare un aumento o una diminuzione di un insieme specifico di generi batterici.

Detto questo, ci sono alcuni generi batterici sono stati trovati ad esaurirsi ( Prevotella ) o altri ad arricchirsi ( akkermansia ) in molteplici gruppi di pazienti con Sclerosi Multipla

Dunque attivarsi per identificare il proprio Microbioma ( patogeno pro-infiammatorio e simbiotico) e intraprendere un'azione terapeutica atta a ristabilire il corretto equilibrio è un passaggio essenziale per contrastare efficacemente la malattia.




TUTELA LA SALUTE CON L'INFORMAZIONE

Condividi Liberamente questo post



Link utili

Progetto Autoimmunità

come nasce il progetto


https://www.sanieinformati.com/alimentazione-antinfiammatoria


come aderire al progetto


https://www.sanieinformati.com/copia-di-alimentazione-antinfiammat


Meccanismi delle malattie autoimmuni


https://www.sanieinformati.com/post/malattie-autoimmuni-3-meccanismi-che-distruggono-i-nostri-tessuti


post principale


https://www.sanieinformati.com/post/malattie-autoimmuni-non-cadete-nell-inganno






Riferimenti bibliografici

1. Dendrou CA, Fugger L, Friese MA. Immunopatologia della sclerosi multipla. Nat Rev Immunol. 2015; 15 : 545–558. doi: 10.1038 / nri3871. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

2. Stinissen P, Raus J, Zhang J. Patogenesi autoimmune della sclerosi multipla: ruolo dei linfociti T autoreattivi e nuove strategie immunoterapiche. Crit Rev Immunol. 1997; 17 : 33–75. doi: 10.1615 / CritRevImmunol.v17.i1.20. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

3. Yadav SK, Mindur JE, Ito K, Dhib-Jalbut S. Progressi nell'immunopatogenesi della sclerosi multipla. Curr Opinioni Neurol. 2015; 28 : 206–219. doi: 10.1097 / WCO.0000000000000205. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

4. Ebers GC, Bulman DE, Sadovnick AD, et al. Uno studio di popolazione sulla sclerosi multipla nei gemelli. N Engl J Med. 1986; 315 : 1638–1642. doi: 10.1056 / NEJM198612253152603. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

5. Hollenbach JA, Oksenberg JR. L'immunogenetica della sclerosi multipla: una revisione completa. J Autoimmun. 2015; 64 : 13–25. doi: 10.1016 / j.jaut.2015.06.010. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

6. Rook GA. Ipotesi di igiene e malattie autoimmuni. Clin Rev Allergy Immunol. 2012; 42 : 5–15. doi: 10.1007 / s12016-011-8285-8. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

7. Floreani A, Leung PS, Gershwin ME. Base ambientale dell'autoimmunità. Clin Rev Allergy Immunol. 2016; 50 : 287–300. doi: 10.1007 / s12016-015-8493-8. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

8. Rook GA, Brunet LR. Microbi, immunoregolazione e intestino. Intestino. 2005; 54 : 317–320. doi: 10.1136 / gut.2004.053785. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

9. Fleming J, Fabry Z. L'ipotesi di igiene e la sclerosi multipla. Ann Neurol. 2007; 61 : 85–89. doi: 10.1002 / ana.21092. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

10. Kinross JM, Darzi AW, Nicholson JK. Interazioni microbioma-ospite intestinale in salute e malattia. Genome Med. 2011; 3 : 14. doi: 10.1186 / gm228. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

11. Rescigno M. La barriera epiteliale intestinale nel controllo dell'omeostasi e dell'immunità. Trends Immunol. 2011; 32 : 256–264. doi: 10.1016 / j.it.2011.04.003. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

12. Singh RK, Chang HW, Yan D, et al. Influenza della dieta sul microbioma intestinale e implicazioni per la salute umana. J Transl Med. 2017; 15 : 73. doi: 10.1186 / s12967-017-1175-y. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

13. Lozupone CA, Stombaugh JI, Gordon JI, Jansson JK, Knight R. Diversità, stabilità e resilienza del microbiota intestinale umano. Natura. 2012; 489 : 220–230. doi: 10.1038 / natura11550. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

14. Jarchum I, Pamer EG. Regolazione dell'immunità innata e adattiva da parte del microbiota commensale. Curr Opinioni Immunol. 2011; 23 : 353–360. doi: 10.1016 / j.coi.2011.03.001. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

15. Blacher E, Levy M, Tatirovsky E, Elinav E. Metaboliti modulati dal microbioma all'interfaccia dell'immunità dell'ospite. J Immunol. 2017; 198 : 572-580. doi: 10.4049 / jimmunol.1601247. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

16. Zhang K, Hornef MW, Dupont A. L'epitelio intestinale come custode dell'integrità della barriera intestinale. Cell Microbiol. 2015; 17 : 1561-1569. doi: 10.1111 / cmi.12501. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

17. Forbes JD, Van Domselaar G, Bernstein CN. Il microbiota intestinale nelle malattie infiammatorie immuno-mediate. Microbiol anteriore. 2016; 7 : 1081. doi: 10.3389 / fmicb.2016.01081. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

18. Kahrstrom CT, Pariente N, Weiss U. Microbiota intestinale in salute e malattia. Natura. 2016; 535 : 47. doi: 10.1038 / 535047a. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

19. Chen J, Chia N, Kalari KR, et al. I pazienti con sclerosi multipla hanno un microbiota intestinale distinto rispetto ai controlli sani. Sci Rep. 2016; 6 : 28484. doi: 10.1038 / srep28484. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

20. Miyake S, Kim S, Suda W, et al. Disbiosi nel microbiota intestinale dei pazienti con sclerosi multipla, con un notevole esaurimento delle specie appartenenti ai cluster Clostridia XIVa e IV. PLoS One. 2015; 10 : e0137429. doi: 10.1371 / journal.pone.0137429. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

21. Tremlett H, Fadrosh DW, Faruqi AA, et al. Associazioni tra il microbiota intestinale e i marker immunitari dell'ospite nella sclerosi multipla pediatrica e nei controlli. BMC Neurol. 2016; 16 : 182. doi: 10.1186 / s12883-016-0703-3. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

22. Tremlett H, Fadrosh DW, Faruqi AA, et al. Microbiota intestinale nella sclerosi multipla pediatrica precoce: uno studio caso-controllo. Eur J Neurol. 2016; 23 : 1308–1321. doi: 10.1111 / ene.13026. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

23. Tremlett H, Fadrosh DW, Faruqi AA, et al. Composizione del microbiota intestinale e rischio di ricaduta nella SM pediatrica: uno studio pilota. J Neurol Sci. 2016; 363 : 153–157. doi: 10.1016 / j.jns.2016.02.042. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

24. Jangi S, Gandhi R, Cox LM, et al. Alterazioni del microbioma intestinale umano nella sclerosi multipla. Nat Commun. 2016; 7 : 12015. doi: 10.1038 / ncomms12015. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

25. Cantarel BL, Waubant E, Chehoud C, et al. Microbiota intestinale nella sclerosi multipla: possibile influenza degli immunomodulatori. J Investig Med. 2015; 63 : 729–734. doi: 10.1097 / JIM.0000000000000192. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

26. Cekanaviciute, E., Yoo, BB, Runia, TF , et al. I batteri intestinali di pazienti affetti da sclerosi multipla modulano le cellule T umane ed esacerbano i sintomi nei modelli murini. Proc Natl Acad Sci USA (2017). [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]

27. Berer, K., Gerdes, LA, Cekanaviciute, E. , et al. Il microbiota intestinale di pazienti affetti da sclerosi multipla consente l'encefalomielite autoimmune spontanea nei topi. Proc Natl Acad Sci USA (2017). [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]

28. Cosorich I, Dalla-Costa G, Sorini C, et al. L'alta frequenza delle cellule TH17 intestinali è correlata alle alterazioni del microbiota e all'attività della malattia nella sclerosi multipla. Sci Adv. 2017; 3 : e1700492. doi: 10.1126 / sciadv.1700492. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

29. Adamczyk-Sowa M, Medrek A, Madej P, Michlicka W, Dobrakowski P. Il microbiota intestinale influenza l'immunità e l'infiammazione nella fisiopatologia della sclerosi multipla? J Immunol Res. 2017; 2017 : 7904821. doi: 10.1155 / 2017/7904821. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

30. Knip M, Siljander H. Il ruolo del microbiota intestinale nel diabete mellito di tipo 1. Nat Rev Endocrinol. 2016; 12 : 154–167. doi: 10.1038 / nrendo.2015.218. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

31. Brown CT, Davis-Richardson AG, Giongo A, et al. L'analisi metagenomica del microbioma intestinale suggerisce un modello funzionale per lo sviluppo dell'autoimmunità per il diabete di tipo 1. PLoS One. 2011; 6 : e25792. doi: 10.1371 / journal.pone.0025792. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

32. Morgan XC, Tickle TL, Sokol H, et al. Disfunzione del microbioma intestinale nella malattia infiammatoria intestinale e nel trattamento. Genome Biol. 2012; 13 : R79. doi: 10.1186 / gb-2012-13-9-r79. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

33. Kostic AD, Xavier RJ, Gevers D. Il microbioma nella malattia infiammatoria intestinale: stato attuale e futuro a venire. Gastroenterologia. 2014; 146 : 1489-1499. doi: 10.1053 / j.gastro.2014.02.009. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

34. Sellitto M, Bai G, Serena G, et al. Prova del concetto di analisi del metabolismo del microbioma e esposizione ritardata del glutine sull'autoimmunità della celiachia nei neonati geneticamente a rischio. PLoS One. 2012; 7 : e33387. doi: 10.1371 / journal.pone.0033387. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

35. Wacklin P, Kaukinen K, Tuovinen E, et al. La composizione del microbiota duodenale dei pazienti adulti affetti da celiachia è associata alla manifestazione clinica della malattia. Inflamm Bowel Dis. 2013; 19 : 934-941. doi: 10.1097 / MIB.0b013e31828029a9. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

36. Vaahtovuo J, Munukka E, Korkeamaki M, Luukkainen R, Toivanen P. Microbiota fecale nell'artrite reumatoide precoce. J Rheumatol. 2008; 35 : 1500–1505. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

37. Chen J, Wright K, Davis JM, et al. Un'espansione di rari microbi intestinali di lignaggio caratterizza l'artrite reumatoide. Genome Med. 2016; 8 : 43. doi: 10.1186 / s13073-016-0299-7. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

38. Scher JU, Sczesnak A, Longman RS, et al. L'espansione della Prevotella copri intestinale è correlata con una maggiore suscettibilità all'artrite. Elife. 2013; 2 : e01202. doi: 10.7554 / eLife.01202. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

39. Buffie CG, Pamer EG. Resistenza alla colonizzazione mediata dal microbiota contro i patogeni intestinali. Nat Rev Immunol. 2013; 13 : 790–801. doi: 10.1038 / nri3535. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

40. Round JL, Mazmanian SK. Il microbiota intestinale modella le risposte immunitarie intestinali durante la salute e la malattia. Nat Rev Immunol. 2009; 9 : 313–323. doi: 10.1038 / nri2515. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

41. Duerkop BA, Vaishnava S, Hooper LV. Risposte immunitarie al microbiota sulla superficie della mucosa intestinale. Immunità. 2009; 31 : 368–376. doi: 10.1016 / j.immuni.2009.08.009. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

42. Hooper LV. Contributi delle cellule epiteliali all'immunità intestinale. Adv Immunol.